Business | Articoli

Ryanair cancella altri voli: previsti rimborsi e bonus

28 Settembre 2017
Ryanair cancella altri voli: previsti rimborsi e bonus

Continuano le cancellazioni dei voli Ryanair, con disagi fino a marzo 2018 per oltre 400 mila passeggeri. Vediamo le tratte cancellate

Avevamo già avuto modo di segnalare la notizia della cancellazione di oltre 2000 voli da parte di Ryanair. Leggi sul punto: Ryanair cancellerà 2000 voli: che fare?

Avevamo detto che la scelta, da parte della compagnia lowcost, di cancellare ben 50 voli al giorno sarebbe stata temporanea e sarebbe durata per un periodo di circa sei settimane (sino a fine ottobre), all’esito del quale il traffico aereo sarebbe tornato regolare. Ci ha pensato Ryanair a smentire se stessa. Proprio ieri, la più grande compagnia aerea in Europa, ammettendo il rallentamento della propria crescita durante il prossimo inverno (da novembre 2017 a marzo 2018), ha affermato che «da novembre 2017, voleranno 25 aerei in meno su una flotta complessiva di 400 aeromobili»

In buona sostanza, si tratta di una seconda tranche di voli cancellati. Dunque, i disagi che entro la fine di ottobre porteranno alla cancellazione di oltre 2000 voli coinvolgendo oltre 300mila passeggeri, proseguiranno anche a novembre ed avranno fine (forse) a marzo 2018.

I passeggeri (oltre 400 mila) che avevano già prenotato un biglietto aereo hanno già ricevuto una mail in cui vengono proposte diverse alternative, tra cui il rimborso del volo e un bonus di 40 euro da spendere su un futuro eventuale volo (che raddoppia a 80 euro in caso di andata e ritorno). In realtà, i diritti del passeggero in caso di cancellazione del volo o di ritardo prolungato sono disciplinati dalla normativa europea [1], che prevede rimborsi più consistenti di quelli promessi da Ryanair. Per approfondimenti, leggi: Cancellazione aereo: che risarcimento spetta?

Le tratte che subiranno cancellazioni sono: 

  • Bucharest – Palermo
  • Chania – Athens
  • Sofia – Castellon
  • Sofia – Memmingen
  • Chania – Pafos
  • Sofia – Pisa
  • Chania – Thessaloniki
  • Sofia – Stockholm (NYO)
  • Cologne – Berlin (SXF)
  • Sofia – Venice (TSF)
  • Edinburgh  Szczecin
  • Thessaloniki – Bratislava
  • Glasgow – Las Palmas
  • Thessaloniki – Paris BVA
  • Hamburg – Edinburgh
  • Thessaloniki – Warsaw (WMI)
  • Hamburg – Katowice
  • Trapani – Baden Baden
  • Hamburg – Oslo (TRF)
  • Trapani – Frankfurt (HHN)
  • Hamburg – Thessaloniki
  • Trapani – Genoa
  • Hamburg – Venice (TSF)
  • Trapani – Krakow
  • London (LGW) – Belfast
  • Trapani – Parma
  • London (STN) – Edinburgh
  • Trapani – Rome FIU
  • London (STN) – Glasgow
  • Trapani – Trieste
  • Newcastle – Faro
  • Wroclaw – Warsaw
  • Newcastle – Gdansk
  • Gdansk – Warsaw

note

[1] Regolamento Ce n. 261/2004 che si applica alle compagnie aeree comunitarie ed a quelle extracomunitarie per i voli che abbiano come località di partenza o destinazione aeroporti presenti sul territorio dell’Unione Europea.


Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA