Diritto e Fisco | Articoli

Addio dipendenti pubblici corrotti: da ora vietati regali oltre 100 euro

8 Marzo 2013
Addio dipendenti pubblici corrotti: da ora vietati regali oltre 100 euro

Licenziato il dipendente della pubblica amministrazione che accetterà regali o, per lui, i parenti fino al secondo grado: stop anche ai benefit come sconti.

 

Ferrea lotta alla corruzione. Domani il Consiglio dei Ministri dovrebbe approvare, in via definitiva, il codice di comportamento dei dipendenti pubblici: un regolamento previsto dalla legge anticorruzione [1].

I dipendenti pubblici (e, nel caso di dirigenti, anche i parenti fino al secondo grado o al convivente) non potranno più accettare compensi o altre utilità, anche sotto forma di sconto, salvo quelle di modico valore e purché rientrino nei limiti delle normali relazioni di cortesia. La soglia è fissata orientativamente a 100 euro. Le pubbliche amministrazioni potranno prevedere un tetto più basso.

Regole più severe anche per l’uso dei telefoni d’ufficio: potranno essere utilizzati per scopi personali solo in caso d’urgenza; diversamente può scattare il reato di peculato.

Chi non rispetterà il codice di comportamento messo a punto dal Ministro Patroni Griffi potrà essere sottoposto a procedimento disciplinare e subire una delle sanzioni previste dalla legge che vanno dal semplice ammonimento fino anche al licenziamento.

Vita più dura, insomma, per chi lavora nella P.A., ma anche per i consulenti e collaboratori della P.A.. Sono compresi anche i collaboratori degli uffici dei ministri, vice ministri, sottosegretari, assessori e politici in genere. Significativo anche l’inserimento nell’elenco della categoria dei fornitori.

Questo, che potrebbe essere l’ultimo colpo di coda del Governo uscente, si appresta a diventare uno dei tasselli più importanti nella lotta alla corruzione nella pubblica amministrazione.


Il dipendente pubblico non potrà più chiedere, né per sé, né per altri, regali o altre utilità. Ovviamente, così come non li può chiedere, non li può neanche accettare (nel caso in cui gli vengano offerti senza sua “esplicita” domanda). Restano salvi, ovviamente, i regali di modico valore (sotto le 100 euro), purché occasionali e nell’ambito delle normali relazioni di cortesia (per es. un regalo di nozze).

I regali oltre il modico valore non potranno essere accettati neanche sottoforma di buoni acquisto.

note

[1] Legge n. 190 del 6 novembre 2012.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

1 Commento

  1. Dopo oltre 20 anni, un’idea dell’allora Ministro Signorile, si è proceduto a legalizzare la tangente.
    Da una prima lettura, la distinguo in siffatto modo.

Rispondi a erreci Annulla risposta

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube