Diritto e Fisco | Articoli

Mediazioni: l’assistenza del legale quando è obbligatoria?

22 Dicembre 2018
Mediazioni: l’assistenza del legale quando è obbligatoria?

Per una vertenza del valore di €900, per spese amministrative di una multiproprietà, gli organismi di mediazioni pretendono l’assistenza di un legale poiché sostengono che la sentenza della Corte di Giustizia Europea n. C-75/16 del 14/6/17 non è stata ancora recepita dalla normativa italiana. È corretto questo atteggiamento?

La legge italiana attualmente in vigore (D.Lgs. n. 28/2010) prevede: 

– l’assistenza obbligatoria di un avvocato in tutti i casi in cui la mediazione sia obbligatoriamente stabilita dalla legge come condizione di procedibilità della domanda giudiziale (a prescindere dal valore della domanda, la mediazione è obbligatoria nelle controversie in materia di: condominio; diritti reali; successioni ereditarie; locazione; comodato; risarcimento de danno da responsabilità medica e sanitaria; risarcimento del danno da diffamazione a mezzo stampa o con altro mezzo di pubblicità; contratti con le banche; contratti con le assicurazioni; acquisto di strumenti finanziari e altri contratti finanziari; 

– l’assistenza facoltativa di un avvocato nei casi mediazione volontaria, e cioè tutte le volte in cui le parti abbiano deciso volontariamente di ricorrere ad un organismo di mediazione per la soluzione stragiudiziale della controversia. 

Premesso ciò, è necessario precisare che la sentenza n. 75/2016 della Corte di Giustizia UE, citata dal lettore, ha affermato che la normativa nazionale contrasta con la direttiva europea 2013/11 in materia di risoluzione alternativa delle controversie dei consumatori (recepita in Italia), nella parte in cui prevede l’assistenza obbligatoria di un avvocato. 

Tuttavia, è essenziale precisare, come ha fatto la citata sentenza della Corte di Giustizia, che tale direttiva si applica esclusivamente alle controversie insorte tra consumatori e professionisti, con riferimento a obbligazioni negoziali derivanti da contratti di vendita o di servizi. 

Dunque, non può esservi sicuramente alcun contrasto con la giustizia europea nella normativa italiana che preveda l’assistenza obbligatoria di un avvocato nelle mediazioni non riguardanti controversie tra consumatori e professionisti. 

Invece, per i casi in cui la controversia sia insorta tra consumatore e professionista, gli organismi di mediazione hanno ricevuto dal Consiglio nazionale forense le seguenti direttive nel momento in cui ricevono un’istanza di mediazione: 

– se l’organismo di mediazione è inserito nel registro previsto dall’art 16 del D.Lgs. 28/2010, si applicano le norme previste da quest’ultima legge, con conseguente obbligatorietà dell’assistenza del difensore; 

– se l’organismo di mediazione è istituito ai sensi dell’art. 141 decies Cod. del consumo e il consumatore presenta istanza di mediazione e art. 141 bis del Cod. del consumo, si applica la direttiva europea 2013/11 e il dettato della Corte di Giustizia, secondo cui l’assistenza dell’avvocato non è obbligatoria. 

Si precisa, in ogni caso, che secondo il Consiglio Nazionale Forense e la giurisprudenza di merito maggioritaria, l’assistenza obbligatoria di un avvocato, per la normativa costituzionale italiana, rappresenta, non un ostacolo alla difesa e all’accesso alla giustizia, ma uno strumento di garanzia e tutela della parte. 

Venendo al caso specifico, non è chiaro se la controversia “per spese amministrative di una multiproprietà” sia insorta tra professionisti, tra consumatori o tra consumatori e professionisti (per esempio in caso di vertenza tra persona fisica e società venditrice). 

Se le parti non sono qualificabili come “consumatore” e “professionista”, l’assistenza di un avvocato è obbligatoria. 

Articolo tratto dalla consulenza resa dall’avv. Maria Monteleone 



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube