Diritto e Fisco | Articoli

Statali: è legge il nuovo codice di comportamento. Stop regali e sconti

9 Marzo 2013
Statali: è legge il nuovo codice di comportamento. Stop regali e sconti

Contro la corruzione e il malcostume, i dipendenti pubblici non potranno più ricevere benefici e regali da terzi, pena il licenziamento.

Il Consiglio dei Ministri, ieri, ha definitivamente approvato il Codice di comportamento predisposto dal Ministro Patroni Griffi per gli statali, le cui linee guida erano contenute nella legge anticorruzione. Per rendere operativa la lotta al malcostume e alla corruzione, viene previsto il divieto per il personale della Pubblica Amministrazione di ricevere regali di valore superiore ai 150 euro.

Non è arrivato, però, il via libera a un altro regolamento, collegato alla stessa norma e probabilmente di maggior valore sostanziale: quello che dovrebbe bloccare gli incarichi dirigenziali e amministrativi di vertice a chi è titolare di conflitti di interesse e a chi è incappato in una condanna, anche non definitiva, per reati contro la pubblica amministrazione.

Il Codice di comportamento è una sorta di Galateo del dipendente pubblico chiamato a perseguire l’interesse pubblico senza abusare della posizione di cui è titolare. Chi, da oggi riceverà regali superiori a 150 euro, anche sottoforma di sconto – salvo che non rientrino nelle normali relazioni di cortesia – potrà essere licenziato dall’amministrazione.

Per conoscere nel dettaglio le previsioni del nuovo regolamento leggi il nostro articolo “Addio dipendenti pubblici corrotti: da ora vietati regali oltre 100 euro”.


note

Servizio offerto da METAPING

Articolo di  Gianni Trovati, su II Sole 24 Ore  di 09.03.13, pag:  19


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube