Business | Articoli

La tassa sulle successioni verrà rimborsata

13 ottobre 2017 | Autore:


> Business Pubblicato il 13 ottobre 2017



Saranno rimborsate le imposte di successione versate per gli immobili demoliti o dichiarati inagibili in seguito al sisma nel Centro Italia

Chi non ricorda la vicenda relativa alla cosidetta “tassa sulle macerie” che qualche tempo fa aveva suscitato lo sdegno dell’opinione pubblica? Si trattava di una dimenticanza da parte del Governo, il quale non aveva emanato il decreto di esenzione dall’imposta di successione per i familiari dei terremotati deceduti a seguito del sisma che aveva colpito il centro Italia il 24 agosto 2016. Si era venuta a creare una situazione paradossale e i contribuenti ereditari di abitazioni ridotte in macerie erano stati obbligati a pagare le imposte sulle successioni. Ebbene, questo triste episodio sembra essere arrivato al capolinea! Saranno rimborsate le somme versate prima del 13 agosto 2017 a titolo di successione per gli immobili situati in Abruzzo, Marche, Umbria e Lazio, che sono stati demoliti o dichiarati inagibili dopo il terremoto.

Cosa prevede il Decreto Sud?

Il recente Decreto Sud prevede una specifica ipotesi di esenzione per gli immobili situati in Abruzzo, Lazio, Marche e Umbria dichiarati inagibili o demoliti in seguito al terremoto verificatosi il 24 agosto 2016 [1]. Nel testo è espressamente stabilita la possibilità di chiedere il rimborso delle imposte pagate in relazione alle successioni di persone fisiche aperte prima del 13 agosto 2017 e in riferimento agli immobili che, al momento dell’apertura della successione, non fossero stati già ricostruiti o riparati, in tutto o in parte. Le persone fisiche alle quali sono riconosciute le esenzioni dalle successioni sono esplicitamente indicate dal legislatore [2].

Il provvedimento dell’Agenzia delle Entrate

L’11 ottobre 2017 è stato pubblicato dall’Agenzia delle Entrate un provvedimento nel quale vengono illustrate le modalità di rimborso delle imposte pagate. Si può presentare domanda di rimborso in relazione alle imposte di successione, alle imposte e alle tasse ipotecarie e catastali e alle imposte di bollo e di registro versate per le successioni di persone fisiche aperte prima del 13 agosto 2017 concernenti gli  immobili demoliti o inagibili a seguito degli eventi sismici.

Come si presenta la richiesta di rimborso?

Coloro che intendano presentare domanda di rimborso delle imposte pagate per le successioni di persone fisiche aperte a partire dal 13 agosto 2017 dovranno presentare apposita domanda all’ufficio territoriale dell’Agenzia delle Entrate presso cui era stata depositata la dichiarazione di successione. Il relativo rimborso sarà automatizzato e verrà versato mediante accredito su conto corrente postale o bancario, indicando i dati necessari, ovvero con vaglia cambiario della Banca d’Italia con la clausola “non trasferibile”. Sulle somme rimborsate non sono dovuti interessi. Si precisa che anche le richieste di rimborso presentate prima della pubblicazione del provvedimento dell’Agenzia delle Entrate si considerano valide.

note

[1] Art. 16-sexies, comma 6, lettera b, D.L 91/2017, che ha modificato l’art. 48, D.L. 189/2016.

[2] Art. 48 D.L. 189/2016, così come modificato dalla L. di conversione 229/2016.

Autore Immagine: Pixabay.com


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI