Diritto e Fisco | Articoli

Facebook e password: tra moglie e marito non mettere il sito

24 Novembre 2011
Facebook e password: tra moglie e marito non mettere il sito

È prassi negli U.S.A. utilizzare i social network per cause legali: giorni fa, un altro giudice ha ordinato a un imputato di aggiungerlo fra i suoi amici di Facebook per cercare le prove necessarie alla sentenza.

Succede che Stephen e Courtney divorzino e il giudice ordini loro di scambiarsi le reciproche password di Facebook (e di ogni altro social), affinché i loro avvocati possano ricercare eventuali prove della infedeltà dell’altro.

L’ordine è che né Stephen né Courtney accedano ai rispettivi account: ciò per evitare sparizioni di “prove compromettenti” o un utilizzi delle password con scopi di vendetta.

La vicenda si è svolta nel Connecticut [1], U.S.A., dove Facebook è diventata la causa principale dei divorzi nell’ultimo anno [2]. Lì il fenomeno è dilagante e la tentazione di “controllare” i movimenti virtuali del partner è troppo forte [3].

In realtà le Condizioni di Facebook, quelle su cui, con molta superficialità, accettiamo velocemente senza leggere, non consentono di divulgare a terzi la propria chiave d’accesso [4]. Tuttavia l’esigenza di una indagine approfondita sulla vita segreta del partner è più forte di qualsiasi regolamento.

Non si tratta di una decisione isolata. È prassi negli U.S.A. utilizzare i social network per cause legali. Giorni fa, un altro giudice ha ordinato a un imputato di aggiungerlo fra i suoi amici di Facebook per cercare le prove necessarie alla sentenza [5].

Attenzione, quindi, cyber-fedifraghi. La vostra copertura può essere sottile quanto un click!

di LUIGI GARGANO


note

[1] La New London Supreme Court del Connecticut.

[2] Fonte: Focusmarketing.

[3] Secondo una ricerca del Corriere della Sera, in Inghilterra un matrimonio su due che finisce con un divorzio è imputabile a Facebook.

[4] Recita il punto 4 delle condizioni generali di Facebook: Gli utenti di Facebook forniscono il proprio nome e le proprie informazioni reali, e invitiamo tutti a fare lo stesso. Per quanto riguarda la registrazione e al fine di garantire la sicurezza del proprio account, l’utente si impegna a: 8. Non condividere la propria password né consentire ad altri di accedere al proprio account o di eseguire qualsiasi altra azione che potrebbe mettere a rischio la sicurezza del suo account.

[5] http://www.forbes.com/sites/kashmirhill/2011/11/07/judge-orders-divorcing-couple-to-swap-facebook-and-dating-site-passwords/


Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube