Diritto e Fisco | Articoli

Facebook e password: tra moglie e marito non mettere il sito

24 Novembre 2011
Facebook e password: tra moglie e marito non mettere il sito

È prassi negli U.S.A. utilizzare i social network per cause legali: giorni fa, un altro giudice ha ordinato a un imputato di aggiungerlo fra i suoi amici di Facebook per cercare le prove necessarie alla sentenza.

Succede che Stephen e Courtney divorzino e il giudice ordini loro di scambiarsi le reciproche password di Facebook (e di ogni altro social), affinché i loro avvocati possano ricercare eventuali prove della infedeltà dell’altro.

L’ordine è che né Stephen né Courtney accedano ai rispettivi account: ciò per evitare sparizioni di “prove compromettenti” o un utilizzi delle password con scopi di vendetta.

La vicenda si è svolta nel Connecticut [1], U.S.A., dove Facebook è diventata la causa principale dei divorzi nell’ultimo anno [2]. Lì il fenomeno è dilagante e la tentazione di “controllare” i movimenti virtuali del partner è troppo forte [3].

In realtà le Condizioni di Facebook, quelle su cui, con molta superficialità, accettiamo velocemente senza leggere, non consentono di divulgare a terzi la propria chiave d’accesso [4]. Tuttavia l’esigenza di una indagine approfondita sulla vita segreta del partner è più forte di qualsiasi regolamento.

Non si tratta di una decisione isolata. È prassi negli U.S.A. utilizzare i social network per cause legali. Giorni fa, un altro giudice ha ordinato a un imputato di aggiungerlo fra i suoi amici di Facebook per cercare le prove necessarie alla sentenza [5].

Attenzione, quindi, cyber-fedifraghi. La vostra copertura può essere sottile quanto un click!

di LUIGI GARGANO


note

[1] La New London Supreme Court del Connecticut.

[2] Fonte: Focusmarketing.

[3] Secondo una ricerca del Corriere della Sera, in Inghilterra un matrimonio su due che finisce con un divorzio è imputabile a Facebook.

[4] Recita il punto 4 delle condizioni generali di Facebook: Gli utenti di Facebook forniscono il proprio nome e le proprie informazioni reali, e invitiamo tutti a fare lo stesso. Per quanto riguarda la registrazione e al fine di garantire la sicurezza del proprio account, l’utente si impegna a: 8. Non condividere la propria password né consentire ad altri di accedere al proprio account o di eseguire qualsiasi altra azione che potrebbe mettere a rischio la sicurezza del suo account.

[5] http://www.forbes.com/sites/kashmirhill/2011/11/07/judge-orders-divorcing-couple-to-swap-facebook-and-dating-site-passwords/


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube