Diritto e Fisco | Articoli

Mediazione tributaria: forse incostituzionale

12 Marzo 2013
Mediazione tributaria: forse incostituzionale

La maledizione della mediazione: dopo quella civile, a rischio anche quella tributaria, ora sotto il vaglio della Corte Costituzionale.

La Commissione tributaria provinciale di Perugia si scaglia contro la mediazione fiscale e paventa il sospetto di incostituzionalità. Quattro le accuse contro il nuovo meccanismo deflattivo delle liti presso le Commessioni tributarie:

1) manca la terzietà: a giudicare è infatti un organo dell’amministrazione e non un giudice.

2) viene limitato il diritto di difesa: vi è infatti l’impossibilità di presentare subito il ricorso al giudice e di chiedere la sospensiva dell’atto impugnato, posto che l’iter della mediazione è obbligatorio. La causa alla Commissione Tributaria, infatti, può essere intrapresa solo dopo che siano decorsi 90 giorni dalla istanza di mediazione e non sia stato comunicato l’accoglimento del reclamo o della proposta di mediazione. Tale tempistica però non è sincronizzata con gli accertamenti fiscali che diventano esecutivi già dopo 60 giorni dal mancato pagamento. Con la conseguenza che, negli ultimi 30 giorni da quando si è depositata l’istanza di mediazione, si può subire il rischio di una esecuzione forzata!

3) è discriminatoria l’applicazione della mediazione alle sole contestazioni dell’Agenzia delle Entrate

4) è discriminatoria inoltre l’applicazione alle sole cause fino alla soglia di 20mila euro.

Questi quattro punti stilati dai giudici tributari perugini rappresentano un atto d’accusa che chiama in causa la Corte costituzionale .

Ora la Consulta dovrà decidere sulla legittimità della procedura obbligatoria entrata in vigore poco meno di un anno fa e che ha già evitato 12mila liti.

Si materializza una sorta di maledizione della mediazione. Lo scorso novembre, infatti, “per eccesso di delega” era stata bocciata quella civile.


note

Servizio offerto da METAPING

Articolo di Marco Mobili e Giovanni Parente – II Sole 24 Ore dell’11.03.13 – pag. 7


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube