Diritto e Fisco | Articoli

Revoca delle dimissioni

22 Novembre 2018


Revoca delle dimissioni

> Diritto e Fisco Pubblicato il 22 Novembre 2018



Il diritto di ripensamento dei sette giorni al lavoratore dipendente per rinunciare alle dimissioni e riottenere il proprio posto.

Una volta date le dimissioni si può tornare indietro? Se il dipendente che ha deciso di licenziarsi ha un ripensamento che possibilità ha di tornare sul posto di lavoro? Immagina di essere stato costretto a subire una serie di affronti e angherie dal tuo datore. In ultimo, in un periodo di forte conflittualità e stress, al culmine di un acceso litigio, gli hai detto che te ne vai per sempre. Subito dopo sei andato dal consulente del lavoro a ufficializzare la procedura online di dimissioni. Poi però, dopo neanche cinque giorni, ci hai ripensato: la tua famiglia ha bisogno di quello stipendio. Per non far mancare nulla ai tuoi figli decidi di mandare giù il boccone amaro e di tornare in azienda. Ma il tuo capo ti dice che ormai “sei fuori” e non puoi più ripensarci. È possibile la revoca delle dimissioni? In quali casi è ammesso il diritto al ripensamento?

Il problema è tutt’altro che isolato, tant’è vero che la giurisprudenza si è più volte pronunciata su questo delicato argomento. Da ultimo lo ha fatto la Cassazione con una sentenza di ieri [1]. Per noi è solo la scusa, al di là dello specifico caso trattato dalla Corte, per spiegare quando è possibile la revoca delle dimissioni ed, eventualmente, quanti giorni ci sono per tornare indietro e per cambiare idea. 

Non resta quindi che analizzare tutte le possibili ipotesi in cui l’atto di dimissioni viene manifestato e verificare quali sono le conseguenze.

Dimissioni in tronco o con preavviso?

Prima di parlare della revoca delle dimissioni è bene ricordare che il dipendente non può abbandonare l’azienda dall’oggi al domani, ma deve pur sempre dare il cosiddetto preavviso. In pratica, dopo aver ufficializzato il proprio atto di addio, deve continuare a lavorare per alcuni mesi (a stabilire quanti è il rispettivo contratto collettivo) affinché il datore possa trovare, nel frattempo, un sostituto. Il dipendente che non dà preavviso e che non si presenta più al lavoro subisce una trattenuta sull’ultima busta paga o sul Tfr pari a un importo (anche questo definito nel contratto collettivo) chiamato “indennità sostitutiva del preavviso”. 

Solo in casi eccezionali è possibile licenziarsi senza dare preavviso e senza subire la trattenuta: quando le dimissioni sono date per giusta causa. È l’ipotesi in cui le colpe della cessazione del rapporto – seppur formalmente interrotto dal lavoratore – sono del datore. Ad esempio, è il caso in cui quest’ultimo non paga lo stipendio, commette mobbing o discriminazioni, non attua le misure di sicurezza sul lavoro, impone un orario straordinario e non lo retribuisce, ecc. In questo modo il dipendente può anche percepire l’assegno di disoccupazione (a cui non avrebbe invece diritto se le dimissioni fossero spontanee).

Le dimissioni firmate all’assunzione

Non era difficile, un tempo, imbattersi nella deprecabile pratica dei datori di lavoro che, all’atto dell’assunzione, facevano già firmare ai propri futuri dipendenti un pezzo di carta contenente le proprie dimissioni, da compilare e datare eventualmente in futuro, all’occorrenza, in modo da far figurare il licenziamento come un volontario atto di recesso. Per ovviare a tale situazione, la legge ha imposto una procedura certificata e telematica di dimissioni online. Senza il rispetto di questa procedura, le dimissioni non hanno valore. Questo significa anche che, se il dipendente ha un ripensamento prima di aver formalizzato le dimissioni può sempre tornare in azienda. 

Gli potrebbe però essere contestata l’eventuale assenza ingiustificata dal lavoro che, nei casi più gravi, può essere di per sé causa di licenziamento. Quindi, tanto più il ripensamento avviene nel breve periodo, tanto maggiori ci sono le condizioni per essere riammesso al lavoro.

Dimissioni o licenziamento orale?

Un altro caso abbastanza frequente è quello che potremmo definire dell’«equivoco». Un esempio renderà più chiara la situazione. Immagina un litigio tra datore di lavoro e dipendente. Quest’ultimo, provocato, dice al primo che non ha più intenzione di tornare in azienda. Il capo non fa opposizione e lo invita a non farsi più vedere. Il giorno dopo il dipendente non si presenza, mentre il secondo giorno si mette in malattia per altri tre giorni. Quando torna al lavoro il datore non vuole aprirgli: gli fa notare che ormai si è dimesso e non può tornare al suo posto. Il dipendente si difende sostenendo che la sua affermazione era stata solo la reazione a un momento di collera, ma non aveva alcuna intenzione di recidere il contratto di lavoro. Del resto, sostiene il dipendente, in assenza di una lettera ufficiale di licenziamento, il rapporto è ancora in vita. Chi dei due ha ragione? 

Guarda il video Licenziamento a voce: è legale?

Secondo la Cassazione, poiché il licenziamento deve essere sempre scritto, spetterà al datore di lavoro dimostrare che il rapporto è cessato per via delle dimissioni orali del dipendente. Dimissioni peraltro che, se non ufficializzate con la procedura online, non hanno effetto. Ecco perché in un’ipotesi come quella rappresentata nell’esempio, prevale il dipendente. 

Dimissioni sotto stress

Secondo la sentenza della Suprema Corte che abbiamo citato in apertura, è sempre possibile la revoca delle dimissioni date dal dipendente in stato di stress e di turbamento psicologico. Se quest’ultimo è vittima di mobbing o di altre condotte illecite da parte del capo o dei colleghi e, per reazione, si licenziarsi può sempre ripensarci. Ciò perché manca una vera e propria capacità di intendere e volere, seppure temporanea, che dia all’interessato la facoltà di comprendere il significato e le conseguenze del proprio gesto. Non a caso si dice “accecato dalla rabbia”: una situazione di conflittualità e di collera porta a scelte giustificate più dall’emotività che non da una effettiva volontà. Ecco perché, per la Cassazione, sono annullabili le dimissioni date dal dipendente (pubblico o privato), afflitto da stress lavorativo e da conseguenti malattie accertate, in un momento in cui, tra l’altro, era privo di alternative prospettive di lavoro e aveva una famiglia da mantenere. 

In un contesto ambientale connotato da forti litigi ed insoddisfazione, possono sempre essere ritrattate le dimissioni del lavoratore esposto ad una condizione di notevole turbamento psichico che impedisca la formazione di una volontà cosciente e consapevole sulle effettive conseguenze che derivano dalla rinunzia al posto di lavoro. 

Secondo la sentenza in commento, lo stato di temporanea alterazione dell’equilibrio psichico in cui versa il lavoratore è condizione sufficiente per l’annullamento dell’atto delle dimissioni, senza che a tal fine sia necessaria l’esistenza di un conclamato stato di incapacità di intendere e volere.  

Dimissioni in uno stato di incapacità psichica

Se quanto detto è vero per il caso del dipendente che, pur capace di intendere e volere, si dimette in un momento di notevole turbamento psichico (tale da ridurre la capacità di percezione delle conseguenze la sua decisione può avere per la sé e la sua famiglia) lo stesso principio vale, a maggior ragione, se si dimostra una sua effettiva incapacità naturale. Si pensi al soggetto che versi in uno stato psichico di infermità certificato da relazioni mediche e dall’uso di farmaci contro la depressione. In questi casi la revoca delle dimissioni è ancora più legittima.

Revoca delle dimissioni volontarie: spetta la riassunzione?

Vediamo ora il caso in cui il dipendente dovesse semplicemente ripensare al proprio gesto e, intendendo esercitare una sorta di “diritto di ripensamento”, chiede di revocare le dimissioni. Un’ipotesi di questo tipo gli attribuisce la possibilità di riottenere, anche tramite il giudice, il proprio posto?

In realtà, le dimissioni, una volta formalizzate con la procedura online, sono irrevocabili. 

Nel pubblico impiego, in verità, una legge [2] consente al lavoratore di chiedere la revoca delle dimissioni e la riassunzione. Ciò però è condizionato a una previa valutazione dell’amministrazione, chiamata a verificare se ancora sussistono ancora i presupposti per lo svolgimento delle mansioni e ci sono posti vacanti. Ad esempio, se il lavoratore dovesse essere stato già rimpiazzato da un altro non avrebbe possibilità di riprendersi la scrivani. In buona sostanza non siamo dinanzi a un vero e proprio diritto soggettivo ma a una facoltà subordinata al consenso dell’ente. È la cosiddetta riammissione in servizio che non dà luogo alla reviviscenza del precedente rapporto di lavoro ma alla costituzione di un nuovo rapporto. Pertanto, ai fini della progressione economica maturata dopo le dimissioni, va considerato come termine iniziale la data del provvedimento di riammissione in servizio, da cui decorre l’anzianità nella qualifica del dipendente riammesso [3].

Nel privato, invece, opera il decreto attuativo del Jobs Act [4], che prevede il diritto di ripensamento per chi presenta le dimissioni telematiche. In particolare, chi effettua le dimissioni online ha 7 giorni di tempo, a partire dalla data di inoltro, per revocarle.  

note

[1] Cass. sent. n. 30126/2018.

[2] Art. 132 TU pubblico impiego: «“L’impiegato con qualifica inferiore a direttore generale, cessato dal servizio per dimissioni o per collocamento a riposo o per decadenza dall’impiego nei casi previsti dalle lettere b) e c) dell’art. 127, puo’ essere riammesso in servizio, sentito il parere del Consiglio di amministrazione. (56) Puo’ essere riammesso in servizio l’impiegata dichiarata decaduta ai sensi della, lettera a) dell’art. 127, quando la perdita della cittadinanza italiana si sia verificata a seguito di matrimonio contratto con cittadino straniero e l’impiegata abbia riacquistata la cittadinanza per effetto dell’annullamento o dello scioglimento del matrimonio. L’impiegato riammesso e’ collocato nel ruolo e nella qualifica cui apparteneva al momento della cessazione dal servizio, con decorrenza di anzianita’ nella qualifica stessa dalla data del provvedimento di riammissione. La riammissione in servizio è subordinata alla vacanza del posto e non puo’ aver luogo se la cessazione dal servizio avvenne in applicazione di disposizioni di carattere transitorio o speciale».

[3] Cass. SU sent. n. 26827/2009.

[4] Art.26 D.lgs. 151/2015.

Corte di Cassazione, sez. Lavoro, sentenza 5 luglio – 21 novembre 2018, n. 30126

Presidente Napoletano – Relatore Tria

Esposizione del fatto

1. La sentenza attualmente impugnata (depositata il 9 gennaio 2017) respinge l’appello del geometra P.D. – ex dipendente del Comune di (omissis) con qualifica D1 posizione economica D2 – avverso la sentenza del Tribunale di Parma n. 3/2015 di rigetto delle domande del P. volte ad ottenere l’accertamento dell’efficacia della revoca delle proprie dimissioni e/o la declaratoria di invalidità o inefficacia delle dimissioni stesse.

La Corte d’appello di Bologna, per quel che qui interessa, precisa che:

a) la valutazione di insussistenza dell’incapacità naturale all’atto delle dimissioni deve essere confermata in quanto il CTU nominato in appello ha rilevato che, anche se il P. “mostrava un notevole turbamento psichico” pure nel momento delle dimissioni tuttavia egli non si trovava in quel momento in condizioni di totale esclusione della capacità psichica e volitiva e quindi in condizioni di incapacità naturale;

b) la decisione di rassegnare le dimissioni va valutata nel contesto lavorativo dell’epoca, fonte di stress e insoddisfazione per l’interessato e tenendo conto delle conseguenti patologie contratte e diagnosticate dai medici curanti nonché dei molteplici tentativi di cambiare l’ambiente lavorativo effettuati invano dal P. ;

c) tutto questo porta ad escludere, secondo criteri di maggiore probabilità logica, che le dimissioni, anche in passato minacciate, possano considerarsi il frutto di un momento di inconsapevolezza dell’agire;

d) sicuramente le dimissioni hanno arrecato al P. un serio pregiudizio, essendo all’epoca privo di un’alternativa di lavoro e con una famiglia da mantenere, ma comunque non possono considerarsi il frutto di una decisione improvvisa e inconsapevole ma l’epilogo consapevole di una condizione di malessere lavorativo, che peraltro none si è tradotto nella denuncia di un comportamento datoriale mobbizzante o illegittimo;

e) infondata è anche la censura con cui si sostiene il difetto di legittimazione dell’Unione Pedemontana Parmense ad accettare le dimissioni, trattandosi di un soggetto diverso dal Comune datore di lavoro che comunque si è limitato a prendere atto delle dimissioni stesse, in quanto con la determina n. 297 del 2013 i Comuni dell’Unione, fra cui rientra quello di (omissis) hanno conferito all’Unione stessa le funzioni relative al servizio del personale; altra parte la contestata “presa d’atto” equivale all’accettazione, in assenza di elementi che possano portare ad una diversa conclusione;

f) infine, per quel che riguarda la denuncia di erroneità della valutazione sull’inapplicabilità al lavoro pubblico contrattualizzato della procedura di convalida delle dimissioni di cui alla legge n. 92 del 2012, va ricordato che, in base all’art. 1, commi 7 e 8 della legge n. 92 del 2012 le disposizioni della legge, per quanto da esse non espressamente previsto, costituiscono soltanto principi e criteri per la regolazione dei rapporti di lavoro dei dipendenti delle pubbliche amministrazioni di cui all’articolo 1, comma 2, del d.lgs. 30 marzo 2001, n. 165, e successive modificazioni” e l’armonizzazione della relativa disciplina a quella prevista dalla legge richiede iniziative anche di tipo normativo.

2. Il ricorso di P.D. domanda la cassazione della sentenza per tre motivi; resiste, con controricorso, il Comune di (omissis) .

3. Il ricorrente deposita anche memoria ex art. 378 cod. proc. civ., ma oltre il termine previsto da quest’ultima norma.

Ragioni della decisione

I – Sintesi dei motivi di ricorso.

1. Il ricorso è articolato in tre motivi.

1.1. Con il primo motivo si denunciano, in relazione all’art. 360, n. 3 e n. 5, cod. proc. civ.: a) violazione e falsa applicazione degli artt. 428 cod. civ. e 115 e 116 cod. proc. civ. b) illogicità manifesta, contraddittorietà e incoerenza della motivazione della sentenza impugnata.

Si sostiene che la Corte d’appello,contraddittoriamente, dopo aver riconosciuto l’esistenza della patologia collegata all’ambiente di lavoro ne ha negato l’incidenza al momento delle dimissioni che ha considerato il frutto di una scelta consapevole, facendo riferimento alla necessità di uno stato di totale incapacità di intendere e volere mentre per la giurisprudenza di legittimità ai fini dell’art. 428 cod. civ. non è necessaria la totale esclusione della capacità psichica e volitiva essendo sufficiente un turbamento psichico che menomi la suddetta capacità e il CTU aveva concluso proprio nel senso della sussistenza di tale situazione.

Si aggiunge che, essendo la presente vicenda caratterizzata da comportamenti scorretti del Comune datore di lavoro, anche per l’assenza del medico di lavoro – di cui il P. aveva richiesto l’intervento – e del CUG (Comitato Unico di Garanzia), che avrebbero dato al ricorrente il necessario supporto per superare la grave situazione in cui si trovava ed evitare le dimissioni, in caso di annullamento delle dimissioni si dovrebbero riconoscere al ricorrente, almeno a titolo risarcitorio, tutte le retribuzioni maturate dal momento delle dimissioni.

1.2. Con il secondo motivo si denuncia, in relazione all’art. 360, n. 3, cod. proc. civ., violazione e falsa applicazione dell’art. 1, commi 7, 8 e dell’art. 4, comma 17, della legge n. 92 del 2012, sostenendosi che la procedura preordinata alla convalida delle dimissioni ivi prevista deve ritenersi applicabile anche al lavoro pubblico contrattualizzato, diversamente da quanto affermato dalla Corte territoriale.

Si aggiunge che la legge n. 92 del 2012 intendeva dettare principi comuni al lavoro privato e pubblico contrattualizzato sicché sarebbe del tutto illogico e privo di giustificazioni applicare ai due settori un diverso regime per le dimissioni, tanto più che la procedura di convalida è finalizzata a garantire la genuinità e autenticità delle dimissioni, sicché non estenderla ai dipendenti pubblici equivale ad indebolirne la posizione rispetto ai dipendenti privati, mentre la ritrosia ad accomunare le discipline muove dall’opposto presupposto.

1.3. Con il terzo motivo si denuncia, in relazione all’art. 360, n. 3 e n. 5, cod. proc. civ. violazione e falsa applicazione degli artt. 2118 e 1328 cod. civ..

Dopo aver rilevato che sulla necessità dell’accettazione delle dimissioni si sarebbe formato un giudicato interno sulla base della sentenza di primo grado, il ricorrente sostiene l’erroneità dell’affermazione – priva di idonei supporti documentali – della legittimazione al riguardo da parte dell’Unione Pedemontana Parmense, visto che l’affidamento del servizio per il personale non potrebbe includere anche la competenza in materia di dimissioni.

Infatti, la costituzione del rapporto di lavoro Come la sua risoluzione dovrebbero intervenire tra le parti contrattuali o loro rappresentati delegati allo scopo.

Di conseguenza, in assenza di valida accettazione, la revoca delle dimissioni del P. sarebbe da considerare pienamente valida e idonea a privare di efficacia le dimissioni stesse.

II – Esame delle censure.

3. Il primo motivo di ricorso è da accogliere, per le ragioni e nei limiti di seguito indicati.

4. La fattispecie prevista dall’art. 428 cod. civ. è stata più volte presa in considerazione da questa Corte che ha elaborato,fra l’altro, i seguenti principi utilmente richiamabili come quadro di riferimento dello stato della giurisprudenza in materia:

a) ai fini della sussistenza di una situazione di incapacità di intendere e di volere (quale prevista dall’art. 428 cod. civ.) costituente causa di annullamento del negozio (nella specie, dimissioni), non occorre la totale privazione delle facoltà intellettive e volitive, essendo sufficiente un turbamento psichico tale da impedire la formazione di una volontà cosciente, facendo così venire meno la capacità di autodeterminazione del soggetto e la consapevolezza in ordine all’importanza dell’atto che sta per compiere (Cass. 22 maggio 1969 n. 1797; Cass. 15 gennaio 2004, n. 515; Cass. 28 marzo 2002 n. 4539; Cass. 1 settembre 2011, n. 17977);

b) l’incapacità naturale consiste in ogni stato psichico abnorme, pur se improvviso e transitorio e non dovuto a una tipica infermità mentale o a un vero e proprio processo patologico, che – con riguardo al momento in cui il negozio è posto in essere – abolisca o scemi notevolmente le facoltà intellettive o volitive, in modo da impedire od ostacolare una seria valutazione degli atti che si compiono o la formazione di una volontà cosciente (Cass. 12 luglio 1991 n. 7784; Cass. 14 maggio 2003 n. 7485);

c) la prova dell’incapacità naturale può essere data con ogni mezzo o in base a indizi e presunzioni, che anche da soli, se del caso, possono essere decisivi ai fini della sua configurabilità (Cass. 7 aprile 2000 n. 4344; Si è, infatti, affermato (Cass. 28 marzo 2002 n. 4539);

d) nel caso di incapacità dovuta a malattia non si può prescindere da una valutazione delle possibilità di regresso della malattia manifestatasi anteriormente o posteriormente, per stabilirne la sua sussistenza nel momento dell’atto (Cass. 15 giugno 1995 n. 6756);

e) ma in presenza di una malattia psichica, se sia stato accertata la totale incapacità di un soggetto in due determinati periodi, prossimi nel tempo, per il periodo intermedio la sussistenza dell’incapacità è assistita da presunzione “iuris tantum”, sicché, in concreto, si verifica l’inversione dell’onere della prova nel senso che, in siffatta ipotesi, deve essere dimostrato, da chi vi abbia interesse, che il soggetto abbia agito in una fase di lucido intervallo (Cass. 28 marzo 2002 n. 4539; Cass. 9 agosto 2011, n. 17130; Cass. 4 marzo 2016, n. 4316);

f) analoga presunzione è stata ritenuta sussistente nell’ipotesi di una situazione di malattia mentale di carattere permanente, affermandosi che ricade su chi sostiene la validità dell’atto l’onere di dimostrare l’esistenza di un eventuale lucido intervallo, tale da ridare al soggetto l’attitudine a rendersi conto della natura e dell’importanza dell’atto (Cass. 26 novembre 1997 n. 11833;

g) nella stessa ottica, si è precisato che quando esista una situazione di malattia mentale di carattere tendenzialmente permanente, o protraentesi per un rilevante periodo, è onere del soggetto che sostiene la validità dell’atto dare prova che esso fu posto in essere, in quel periodo, durante una fase di remissione della patologia, aggiungendosi che ove la malattia abbia caratteristiche “bipolari”, sia cioè caratterizzata dalla alternanza di fasi depressive e di fasi di eccitamento, nel quadro di un disturbo psico-affettivo, può non essere di per sé decisiva la circostanza che l’atto sia stato posto in essere nell’una o nell’altra fase, giacché in entrambe le ipotesi potrebbe essere esistita incapacità di intendere oppure di volere (Cass. 12 marzo 2004, n. 5159).

5. I su riportati principi trovano applicazione anche in caso di domanda di annullamento dell’atto di dimissione del lavoratore dal rapporto di lavoro (vedi: Cass. 14 maggio 2003 n. 7485, cit.), con alcune puntualizzazioni quanto alle peculiari caratteristiche dell’atto e alle conseguenze del suo possibile annullamento.

5.1. In particolare, in base a consolidati e condivisi orientamenti di questa Corte, è stato affermato quanto segue:

a) nel giudizio promosso dal lavoratore in cui si controverta sulle modalità di risoluzione del rapporto di lavoro l’indagine circa la sussistenza di dimissioni del lavoratore deve essere rigorosa, essendo in discussione beni giuridici primari, oggetto di particolare tutela da parte dell’ordinamento – attesa la natura di negozio giuridico unilaterale delle dimissioni, che è diretto alla rinunzia del posto di lavoro, bene protetto dagli artt. 4 e 36 Cost. – sicché occorre accertare che da parte del lavoratore sia stata manifestata in modo univoco l’incondizionata volontà di porre fine al rapporto stesso (vedi, per tutte: Cass. 9 aprile 2014, n. 8361; Cass. 3 marzo 2015, 4241; Cass. 11 novembre 2010, n. 22901; Cass. 27 agosto 2003, n. 12549);

b) in caso di dimissioni date dal lavoratore in stato di incapacità naturale, il diritto a riprendere il lavoro nasce con la sentenza di annullamento ex art. 428 cod. civ., i cui effetti retroagiscono al momento della domanda, stante il principio secondo cui la durata del processo non deve andare a detrimento della parte vincitrice; solo da quel momento nasce il diritto alla retribuzione, in quanto l’efficacia totalmente ripristinatoria dell’annullamento del negozio unilaterale risolutivo del rapporto di lavoro non si estende al diritto alla retribuzione, la quale di regola, salvo espressa eccezione di legge, non è dovuta in caso di mancanza di attività lavorativa (Cass. 14 aprile 2010, n. 8886);

c) poiché il lavoro pubblico contrattualizzato è regolato dalle norme del codice civile e dalle leggi civili sul lavoro, nonché dalle norme sul pubblico impiego, solo in quanto non espressamente abrogate e non incompatibili, le dimissioni del lavoratore pubblico costituiscono un negozio unilaterale recettizio, idoneo a determinare la risoluzione del rapporto di lavoro dal momento in cui vengano a conoscenza del datore di lavoro e indipendentemente dalla volontà di quest’ultimo di accettarle, sicché non necessitano più, per divenire efficaci, di un provvedimento di accettazione da parte della Pubblica Amministrazione, anche se tale principio va contemperato con le esigenze di natura organizzativa collegate al buon andamento dell’attività della Pubblica Amministrazione di cui si tratta (Cass. 7 gennaio 2009, n. 57; Cass. 5 marzo 2013, n. 5413; Cass. 12 febbraio 2015, n. 2795);

d) peraltro nel rapporto di lavoro alle dipendenze della PA, al dipendente dimissionario si applica l’istituto della riammissione in servizio, che non dà luogo alla reviviscenza del precedente rapporto di lavoro, ma alla costituzione di un nuovo rapporto, anche se disposizioni di legge (quale l’art. 132 del d.P.R. n. 3 del 1957) o di contratto collettivo prevedono la riammissione nel ruolo precedentemente ricoperto o l’attribuzione dell’anzianità pregressa; pertanto, ai fini della progressione economica maturata dopo le dimissioni, va considerato come termine iniziale la data del provvedimento di riammissione in servizio, da cui decorre l’anzianità nella qualifica del dipendente riammesso agli effetti sia giuridici che economici (Cass. 18 dicembre 2017, n. 30342; Cass. SU 21 dicembre 2009, n. 26827).

6. Ne consegue che la disciplina che regola le dimissioni nel lavoro pubblico non coincide del tutto con quella prevista per il lavoro privato, però anche ad essa va comunque applicato il principio generale della piena genuinità e dell’autenticità delle dimissioni, perché non estendere tale principio ai dipendenti pubblici equivarrebbe ad indebolirne la posizione rispetto ai dipendenti privati, mentre la ritrosia ad accomunare le discipline muove dall’opposto presupposto.

Del resto, proprio nel lavoro pubblico perché l’eventuale annullamento delle dimissioni non comporta l’automatico rientro del dipendente nel posto precedentemente occupato, è evidente che il rispetto del suddetto principio assume valore centrale.

7. Ciò posto in generale, come quadro di riferimento della giurisprudenza rilevante in materia, per quel che riguarda il caso di specie deve rimarcarsi che la Corte d’appello ha dato atto di un incontestato accertamento dei fatti caratterizzato da:

a) la relazione del CTU nominato in appello attestante che il P. pure nel momento delle dimissioni aveva mostrato un “notevole turbamento psichico” anche se non era in condizioni di “totale” esclusione della capacità psichica e volitiva;

b) la riconosciuta necessità di valutare la decisione di rassegnare le dimissioni nell’ambito del contesto lavorativo dell’epoca, fonte di stress e insoddisfazione per l’interessato e tenendo conto delle conseguenti patologie contratte e diagnosticate dai medici curanti nonché dei molteplici tentativi di cambiare l’ambiente lavorativo effettuati invano dal P. ;

c) la sussistenza di un serio pregiudizio sicuramente arrecato dalle dimissioni al P. , visto che egli all’epoca era privo di un’alternativa di lavoro e con una famiglia da mantenere.

8. Su questa base la Corte territoriale è pervenuta alla conclusione di escludere, per non meglio precisati “criteri di maggiore probabilità logica”, la configurabilità delle dimissioni del P. come il frutto di un momento di inconsapevolezza dell’agire, pur considerandole l’epilogo di una condizione di malessere lavorativo, che si era tradotto di conclamate patologie.

È del tutto evidente che una simile conclusione si pone in contrasto con i principi dianzi riportati in primo luogo perché, come risulta dalla complessiva lettura della sentenza, in essa si muove dall’erronea premessa secondo cui il “notevole turbamento psichico”, oltretutto inserito in un quadro patologico diagnosticato, non è sufficiente ai fini della sussistenza di una situazione di incapacità di intendere e di volere (quale prevista dall’art. 428 cod. civ.), essendo necessaria una totale esclusione della capacità psichica e volitiva.

Questa tesi è, di per sé, il frutto di una interpretazione dell’art. 428 cod. civ. non conforme a quella offerta dalla consolidata giurisprudenza di questa Corte.

8.1. Né può essere giustificata dal tenore delle conclusioni del CTU secondo cui anche se il P. mostrava un notevole turbamento psichico pure nel momento delle dimissioni tuttavia egli non si trovava in quel momento in condizioni di totale esclusione della capacità psichica e volitiva “e quindi in condizioni di incapacità naturale”.

Infatti, in base ad un consolidato e condiviso indirizzo di questa Corte, la consulenza tecnica ha un limite intrinseco consistente nella sua funzionalità alla risoluzione di questioni di fatto presupponenti cognizioni di ordine tecnico e non giuridico, sicché così come i consulenti tecnici non possono essere incaricati di accertamenti e valutazioni circa la qualificazione giuridica di fatti e la conformità al diritto di comportamenti, analogamente se per ipotesi il consulente effettua simili valutazioni, in linea di massima, non se ne deve tenere conto (Cass. 29 agosto 2011, n. 17720; Cass. SU 6 maggio 2008, n. 11037; Cass. 4 febbraio 1999, n. 996).

8.2. A ciò va aggiunto che la Corte d’appello, pur riconoscendo la sussistenza di patologie contratte dal P. e diagnosticate dai medici, come originate dallo stress e dall’insoddisfazione nel lavoro, non ha ritenuto tale complessivo quadro clinico rilevante per la qualificazione della situazione del lavoratore al momento delle dimissioni come di incapacità naturale, anche se, secondo la menzionata relazione del CTU, il lavoratore in quel momento mostrava un notevole turbamento psichico.

Né la Corte territoriale ha, a tal fine, considerato la natura di negozio giuridico unilaterale delle dimissioni, posto in essere dal lavoratore e avente come conseguenza la rinunzia del posto di lavoro, bene protetto dagli artt. 4 e 36 Cost., che oltretutto nel caso concreto era foriero di un accertato sicuro pregiudizio per l’interessato e la sua famiglia.

III – Conclusioni.

9. Per le indicate ragioni – ed in questi limiti – deve essere accolto il primo motivo di ricorso e ciò porta all’assorbimento degli altri motivi.

La sentenza impugnata deve essere, quindi, cassata, in relazione alle censure accolte, con rinvio, anche per le spese del presente giudizio di cassazione, alla Corte d’appello di Bologna, in diversa composizione, che si atterrà, nell’ulteriore esame del merito della controversia, a tutti i principi su affermati e, quindi, anche ai seguenti:

1) “ai fini della sussistenza di una situazione di incapacità di intendere e di volere (quale prevista dall’art. 428 cod. civ.) costituente causa di annullamento del negozio, non occorre la totale privazione delle facoltà intellettive e volitive, essendo sufficiente un turbamento psichico tale da impedire la formazione di una volontà cosciente, facendo così venire meno la capacità di autodeterminazione del soggetto e la consapevolezza in ordine all’importanza dell’atto che sta per compiere. Peraltro, laddove si controverta della sussistenza di una simile situazione in riferimento alle dimissioni del lavoratore subordinato il relativo accertamento deve essere particolarmente rigoroso, in quanto le dimissioni, comportano la rinunzia del posto di lavoro – bene protetto dagli artt. 4 e 36 Cost. – sicché occorre accertare che da parte del lavoratore sia stata manifestata in modo univoco l’incondizionata e genuina volontà di porre fine al rapporto stesso”.

2) “la consulenza tecnica ha un limite intrinseco consistente nella sua funzionalità alla risoluzione di questioni di fatto presupponenti cognizioni di ordine tecnico e non giuridico, sicché così come i consulenti tecnici non possono essere incaricati di accertamenti e valutazioni circa la qualificazione giuridica di fatti e la conformità al diritto di comportamenti, analogamente se per ipotesi il consulente effettua, di propria iniziativa, simili valutazioni non se ne deve tenere conto, a meno che esse vengano vagliate criticamente e sottoposte al dibattito processuale delle parti”.

P.Q.M.

La Corte accoglie il primo motivo di ricorso, assorbiti gli altri motivi. Cassa la sentenza impugnata, in relazione al motivo accolto, e rinvia, anche per le spese del presente giudizio di cassazione, alla Corte d’appello di Bologna, in diversa composizione.


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI