Diritto e Fisco | Articoli

Stato di famiglia e residenza virtuale in casa di amici

5 Gennaio 2019 | Autore:


> Diritto e Fisco Pubblicato il 5 Gennaio 2019



Da settembre sono sprovvisto di residenza anagrafica, in quanto, dopo aver lasciato la mia precedente abitazione dove risiedevo come inquilino, sono ora ospite di amici in un altro Comune. Non mi consentono di chiedere la residenza nel nuovo Comune, per evitare che entri nel loro stato di famiglia. Pertanto figuro ancora residente nel comune precedente. Non avendo per ora altre alternative, come posso risolvere il problema? Una “residenza virtuale” presso l’immobile degli amici risolverebbe il problema mio e la tranquillità dei miei amici? Oppure potrebbe essere possibile un domicilio di fatto presso l’abitazione?

La soluzione più idonea potrebbe essere quella di fissare la propria residenza presso l’immobile in cui già risiedono gli amici del lettore, avendo cura però di tenere distinti i nuclei familiari. Avere la stessa residenza non significa necessariamente essere ricompresi in unico stato di famiglia. 

La persona che ha la stessa residenza di un altro nucleo familiare, viene considerata parte della famiglia anagrafica solo è legata a quest’ultima da vincoli di matrimonio, unione civile, parentela, affinità, adozione, tutela o da vincoli affettivi. 

A sua volta, lo stato di famiglia certifica la composizione della famiglia quale insieme di persone, legate da un vincolo di matrimonio, di parentela, di affinità, di tutela o, semplicemente, affettivo. 

Ovviamente, il Comune non può essere a conoscenza del rapporto intercorrente tra il lettore e gli amici che lo ospitano, ben potendo presumere che, se la residenza è in comune, possono essere considerati unico nucleo familiare. 

Per evitare che ciò accada, è sufficiente che il lettore, al momento del trasferimento di residenza, dichiari per iscritto all’ufficio anagrafe del Comune di non aver alcun rapporto di coniugio, unione civile, parentela, affinità, adozione, tutela o altro vincolo affettivo con le altre persone residenti presso lo stesso immobile. In questo modo il lettore ed i suoi amici saranno considerati nuclei familiari distinti e non ci sarà alcun rischio di essere ricompresi nel medesimo stato di famiglia. 

Articolo tratto dalla consulenza resa dall’avv. Maria Monteleone



Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA