Diritto e Fisco | Articoli

Sconti vietati: licenziato il dipendente che vendeva agli amici a prezzo ridotto

14 Marzo 2013
Sconti vietati: licenziato il dipendente che vendeva agli amici a prezzo ridotto

Licenziamento in tronco senza neanche la comunicazione dei motivi al lavoratore.

È legittimo licenziare il dipendente del negozio che applica, agli amici, sconti non autorizzati: una sentenza, quella da poco emessa dalla Corte di Cassazione [1], che farà tremare le gambe a molti addetti alle vendite. Per i giudici, infatti, tale comportamento compromette il rapporto di fiducia che ci deve essere tra datore di lavoro e dipendente, per cui la sua violazione legittima un licenziamento in tronco, senza preavviso.

Si tratta – secondo i giudici – di una condotta contraria al minimo etico e a norme di rilevanza penale, un inadempimento tale da non consentire la prosecuzione, neppure provvisoria, del rapporto.

Proprio in ragione di tale gravità di illecito, la Cassazione ha anche giustificato l’azienda che non aveva risposto alla richiesta di comunicazione – inviata dal dipendente – circa i motivi del licenziamento.


note

[1] Cass. sent. n. 5655 del 7.03.2013.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube