Diritto e Fisco | Articoli

Immigrazione: i clandestini possono sposarsi in Italia anche senza permesso

15 Marzo 2013 | Autore:
Immigrazione: i clandestini possono sposarsi in Italia anche senza permesso

Per sposarsi in Italia non è necessario avere il permesso di soggiorno: contrarre matrimonio è un diritto inviolabile.

Gli immigrati possono sposarsi in Italia anche se sono clandestini. Lo ha ribadito nei giorni scorsi il Tribunale di Brescia, che ha annullato un’ordinanza del Comune di Chiari con la quale si chiedeva, agli stranieri che volevano contrarre matrimonio nel paese lombardo, l’esibizione del permesso di soggiorno.

Il cosiddetto “Pacchetto sicurezza” del 2009 [1] aveva effettivamente introdotto il divieto di convolare a nozze in Italia per gli stranieri irregolari. Tale norma, però, è stata ben presto cancellata nel 2011 da un colpo di spugna della Corte Costituzionale [2], sulla base del fatto che contrarre liberamente matrimonio rientra tra i diritti inviolabili dell’individuo [3].

Il diritto di costituire una famiglia è prevalente rispetto alla repressione dell’immigrazione clandestina.

Il Comune di Chiari ha tuttavia disatteso quanto stabilito dalla Conulta, ma si è visto annullare la suddetta ordinanza dal Tribunale di Brescia poiché discriminatoria.


note

[1] L. n. 94 del 15.07.2009 (“Pacchetto sicurezza”), entrata in vigore in data 8.08.2009.

[2] C. Cost. sent. n. 245/2011.

[3] Il diritto a contrarre liberamente matrimonio è oggetto della tutela primaria assicurata dagli artt. 2, 3 e 29 Cost., in quanto rientra nel novero dei diritti inviolabili dell’uomo. Inoltre, l’art. 31 Cost., nel prevedere che la Repubblica agevola la formazione della famiglia, esclude la legittimità di limitazioni di qualsiasi tipo alla libertà matrimoniale.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube