Diritto e Fisco | Articoli

Arriva un assegno di disoccupazione per i co.co.pro. in cerca di lavoro

15 Marzo 2013
Arriva un assegno di disoccupazione per i co.co.pro. in cerca di lavoro

I titolari di un contratto di collaborazione a progetto, che attualmente siano disoccupati, possono ora riscuotere un assegno di sostegno da parte dell’Inps: si tratta di una novità introdotta dalla riforma Fornero.

Entra a regime la nuova indennità una tantum a favore dei collaboratori coordinati e continuativi che si trovino in stato di disoccupazione. La misura è stata introdotta in via sperimentale nel 2008 [1] e resa definitiva dalla riforma Fornero. Si tratta di una misura specifica per i collaboratori coordinati e continuativi iscritti in via esclusiva alla gestione separata presso l’Inps. Lo scopo è garantire una tutela di reddito a favore di lavoratori economicamente dipendenti da un solo committente, benché giuridicamente autonomi.

Interessati alla nuova indennità una tantum sono i titolari di un contratto di collaborazione a progetto iscritti in via esclusiva alla gestione separata che versano l’aliquota contributiva piena. Inoltre bisogna avere un periodo di disoccupazione ininterrotto di almeno due mesi [2].

Sono dunque esclusi i titolari di redditi di lavoro autonomo, gli altri lavoratori iscritti alla gestione separata a vario titolo e i soggetti titolari di pensione oppure già assicurati presso altre forme pensionistiche obbligatorie [3].

La riforma del lavoro ha previsto l’entrata a regime dell’indennità dal 1° gennaio 2013, con il periodo di transizione 2013-2015, per gli iscritti in via esclusiva alla Gestione separata presso l’Inps, che soddisfino “in via congiunta” una serie di requisiti


note

[1] Dl 185/2008.

[2] Cfr. circolare INPS n. 38 del 14.03.2013.

[3] In particolare risultano esclusi: i titolari di redditi di lavoro autonomo; i lavoratori iscritti alla Gestione separata a vario titolo, ma non inquadrabili nell’ambito di applicazione dei contratti di collaborazione a progetto ex articolo 61, comma 1, del Dlgs n. 276/2003 (assegnisti di ricerca, dottorandi di ricerca con borsa di studio, soggetti che svolgono un mero rapporto di co.co.co.); i soggetti assicurati presso altre casse previdenziali, che siano già titolari di pensione o assicurati presso altre forme pensionistiche obbligatorie.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

1 Commento

  1. Ma se un lavoratore cocopro ha lavorato i primi 8 mesi del 2012, è stato disoccupato per 60 gg (settembre-ottobre), ha chiesto e ottenuto l’una tantum, poi ha rilavorato per lo stesso committente gli ultimi 2 mesi (novembre-dicembre 2012), ora è disoccupato da gennaio, può chiedere di nuovo l’una tantum per i 3 mesi scoperti del 2013? All’INPS dicono che bisogna avere 1 mese di lavoro quest’anno. E non si capisce se all’atto di presentazione della domanda bisogna risultare disoccupati, come prevedeva l’Inps fino all’anno scorso. Inoltre, nel caso in cui il lavoratore ottenesse un nuovo incarico a progetto per pochi mesi per lo stesso committente anche quest’anno, come fa a ottenere l’una tantum per i mesi in cui non lavora? Qualcuno sa come ci si deve muovere?

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube