Diritto e Fisco | Articoli

Dis-coll: contratto di collaborazione e calcolo della indennità

29 Dicembre 2018 | Autore:


> Diritto e Fisco Pubblicato il 29 Dicembre 2018



Ho un contratto co.co.co in scadenza il 31 dicembre 2018 (disoccupato dal 1 gennaio 2019). Per il calcolo della disoccupazione DisColl si calcolano i contributi 2018 (per me 10 mesi) o quelli 2017 (3 mesi)? Se si, perchè? La mia base reddituale è di 1536 euro/mese. Quanto dovrei prendere di disoccupazione?

Per quanto riguarda il calcolo della Dis-coll, l’indennità di disoccupazione per collaboratori, in base a quanto chiarito nella circolare Inps n. 115/2017, si devono considerare i contributi accreditati nell’anno in cui si verifica la cessazione del rapporto di lavoro e nell’anno precedente. Nel suo caso, dunque, poiché la cessazione avviene il 31 dicembre 2018, vanno considerati il 2018 (anno civile in cui si è verificato l’evento di cessazione dal lavoro) ed il 2017, l’anno civile precedente.

Nello specifico, l’ammontare dell’indennità si ottiene:

– sommando gli imponibili previdenziali (che figurano nei cedolini dei compensi, sotto la voce imponibile Inps) dell’anno di cessazione e dell’anno precedente;

-dividendo il risultato per i mesi di contribuzione e le frazioni di mese di durata del rapporto di lavoro.

Se l’importo che si ottiene è pari o inferiore a 1.208,15 euro (dal 2018, in precedenza il limite era pari a 1.195 euro), l’indennità è pari al 75% di questo importo; se è superiore si aggiunge anche il 25% della differenza tra l’imponibile e i 1.208,15 euro. La Dis-coll non può mai superare, comunque, 1.314,30 euro mensili.

L’indennità diminuisce del 3% al mese a decorrere dal primo giorno del quarto mese di fruizione.

Considerando che il lettore ha calcolato, quale reddito medio mensile, 1536 euro, l’importo, se il suo calcolo dell’imponibile medio è corretto, sarà:

[(1536-1.208,15) x 25%] + (1.208,15 x 75%) = (327,85 x 25%) + 906,11= 81,96 + 906,11= 988,07 euro

La Dis-coll del lettore sarà dunque pari a 988,07 euro mensili

La durata della prestazione corrisponde alla metà dei mesi di durata del rapporto di collaborazione, o dei rapporti di collaborazione, nel periodo che va dal 1° gennaio dell’anno civile precedente l’evento di cessazione dal lavoro alla cessazione stessa del rapporto. Non può essere superiore ai 6 mesi.

Nel caso di specie, il lettore riferisce di avere alle spalle un rapporto di lavoro della durata di 10 mesi nel 2018 e un rapporto della durata di 3 mesi nel 2017: la durata della Dis-coll dovrebbe essere dunque pari a 13: 2, ossia a 6 mesi e mezzo, ma dato che non si possono superare i 6 mesi di durata, sarà pari a 6 mesi.

Ai fini del calcolo della durata della prestazione, non sono computati i “periodi contributivi” che hanno già dato luogo ad erogazione di un’altra indennità Dis-coll.

Articolo tratto dalla consulenza resa dalla dott.ssa Noemi Secci

 


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI