Diritto e Fisco | Articoli

Dis-coll: contratto di collaborazione e calcolo della indennità

29 Dicembre 2018 | Autore:


> Diritto e Fisco Pubblicato il 29 Dicembre 2018



Ho un contratto co.co.co in scadenza il 31 dicembre 2018 (disoccupato dal 1 gennaio 2019). Per il calcolo della disoccupazione DisColl si calcolano i contributi 2018 (per me 10 mesi) o quelli 2017 (3 mesi)? Se si, perchè? La mia base reddituale è di 1536 euro/mese. Quanto dovrei prendere di disoccupazione?

Per quanto riguarda il calcolo della Dis-coll, l’indennità di disoccupazione per collaboratori, in base a quanto chiarito nella circolare Inps n. 115/2017, si devono considerare i contributi accreditati nell’anno in cui si verifica la cessazione del rapporto di lavoro e nell’anno precedente. Nel suo caso, dunque, poiché la cessazione avviene il 31 dicembre 2018, vanno considerati il 2018 (anno civile in cui si è verificato l’evento di cessazione dal lavoro) ed il 2017, l’anno civile precedente.

Nello specifico, l’ammontare dell’indennità si ottiene:

– sommando gli imponibili previdenziali (che figurano nei cedolini dei compensi, sotto la voce imponibile Inps) dell’anno di cessazione e dell’anno precedente;

-dividendo il risultato per i mesi di contribuzione e le frazioni di mese di durata del rapporto di lavoro.

Se l’importo che si ottiene è pari o inferiore a 1.208,15 euro (dal 2018, in precedenza il limite era pari a 1.195 euro), l’indennità è pari al 75% di questo importo; se è superiore si aggiunge anche il 25% della differenza tra l’imponibile e i 1.208,15 euro. La Dis-coll non può mai superare, comunque, 1.314,30 euro mensili.

L’indennità diminuisce del 3% al mese a decorrere dal primo giorno del quarto mese di fruizione.

Considerando che il lettore ha calcolato, quale reddito medio mensile, 1536 euro, l’importo, se il suo calcolo dell’imponibile medio è corretto, sarà:

[(1536-1.208,15) x 25%] + (1.208,15 x 75%) = (327,85 x 25%) + 906,11= 81,96 + 906,11= 988,07 euro

La Dis-coll del lettore sarà dunque pari a 988,07 euro mensili

La durata della prestazione corrisponde alla metà dei mesi di durata del rapporto di collaborazione, o dei rapporti di collaborazione, nel periodo che va dal 1° gennaio dell’anno civile precedente l’evento di cessazione dal lavoro alla cessazione stessa del rapporto. Non può essere superiore ai 6 mesi.

Nel caso di specie, il lettore riferisce di avere alle spalle un rapporto di lavoro della durata di 10 mesi nel 2018 e un rapporto della durata di 3 mesi nel 2017: la durata della Dis-coll dovrebbe essere dunque pari a 13: 2, ossia a 6 mesi e mezzo, ma dato che non si possono superare i 6 mesi di durata, sarà pari a 6 mesi.

Ai fini del calcolo della durata della prestazione, non sono computati i “periodi contributivi” che hanno già dato luogo ad erogazione di un’altra indennità Dis-coll.

Articolo tratto dalla consulenza resa dalla dott.ssa Noemi Secci

 


scarica gratis il tuo contratto su misura

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA