Diritto e Fisco | Articoli

Avviso di accertamento dell’Inps: tre chance di difesa per i consumatori

19 Marzo 2013
Avviso di accertamento dell’Inps: tre chance di difesa per i consumatori

Se non si impugna l’accertamento, l’Inps emette l’avviso di addebito che è già titolo esecutivo e va pagato entro 60 giorni.

Per contestare l’accertamento effettuato dall’Inps, il cittadino ha due diverse vie. Oltre ovviamente a pagare quanto richiesto, egli può scegliere tra:

ricorrere in via amministrativa all’Inps entro 90 giorni dalla notifica;

proporre azione giudiziaria entro 40 giorni dalla notifica dell’accertamento.

In mancanza, l’Inps notifica l’avviso di addebito.

Dal 1° gennaio 2011, l’Inps utilizza l’avviso di addebito come strumento unico per richiedere il pagamento delle somme a qualunque titolo dovute dai contribuenti.

L’avviso di addebito è dotato di valore di titolo esecutivo (ossia, legittima l’avvio dell’esecuzione forzata contro il debitore senza ulteriori avvisi) ed è notificato direttamente dall’Inps previa Pec, messi comunali, raccomandata A/R o agenti di polizia municipale.

Gli avvisi vanno pagati entro 60 giorni dalla loro avvenuta notifica. In caso di mancato pagamento nei termini scatta l’esecuzione forzata da parte dell’agente della riscossione.

Al mancato pagamento si sommano le sanzioni e gli interessi dovuti, calcolati secondo le disposizioni che le regolano fino alla data del pagamento.

All’agente della riscossione spettano l’aggio, interamente a carico del debitore, e il rimborso delle spese relative alle procedure esecutive.


note

Servizio offerto da METAPING.

Articolo di Daniele Cirioli, Italia Oggi del 18.03.2013,  pag. 16.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube