Tech | Articoli

WhatsApp: da ora solo a pagamento e in abbonamento

19 Marzo 2013
WhatsApp: da ora solo a pagamento e in abbonamento

L’incubo si è avverato: abbonamento annuale per gli utilizzatori di WhatsApp, l’applicazione più scaricata per smartphone.

Finito il tempo delle vacche grasse: ora anche WhatsApp sarà a pagamento. La popolare app di messaggistica gratuita, che sfrutta la rete dati anziché quella telefonica, imporrà ai nuovi iscritti – anche su iPhone – un abbonamento annuale. Il costo, si può dire, è simbolico (89 centesimi all’anno), ma dovrà comunque sopportare la concorrenza dei nuovi contratti telefonici flat, che ormai prevedono la possibilità di un numero illimitato di sms, tutto incluso nel costo dell’abbonamento mensile, e senza costi aggiuntivi per singolo invio.

La notizia, in verità, era più volte filtrata tra gli utenti dell’applicazione sotto forma di messaggio a “catena di Sant’Antonio” e in molti non vi avevano prestato attenzione, anche perché il pagamento dovrebbe scattare – stando alle notizie – solo per i nuovi iscritti.

Ora però, a ufficializzare la notizia è stato lo stesso amministratore delegato della società, Jan Koum, in un’intervista fornita a un giornalista olandese e ribattuta da Ansa e dal “Il Messaggero”. Il nuovo modello di sottoscrizione al servizio si applicherà “entro l’anno” ai nuovi utenti, ha detto Koum, e sarà simile a quello già attivo per le applicazioni di WhatsApp su altre piattaforme, come Android e BlackBerry.

WhatsApp è tra le applicazioni più famose tra i possessori di smartphone, che ha consentito sino ad oggi di inviare, nell’intero pianeta, ben 17 miliardi di sms al giorno (quasi tre messaggi a testa per ogni abitante della terra, neonati e paesi poveri compresi).



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube