Business | Articoli

Non fumatori: 6 giorni di ferie extra all’anno

2 Novembre 2017 | Autore:
Non fumatori: 6 giorni di ferie extra all’anno

I dipendenti che non fumano lavorano di più e quindi vanno premiati con 6 giorni di ferie per compensare la pausa sigaretta 

Pausa sigaretta? Per molti è sacrosanta. In ufficio, però, non si può fumare: bisogna per forza andare fuori. Ora, per chi ha questo vizio la pausa sigaretta (non importa quante esse siano) non rappresenta mai una “perdita di tempo”. I veri appassionati delle bionde se “ogni tot” non fumano perdono la concentrazione, non lavorano bene, si innervosiscono e rendono di meno. Tutto ciò ovviamente non può essere compreso da chi non fuma. In azienda, chi non fuma non ha bisogno di “alzarsi dalla sedia” per andarsi ad accendere una sigaretta, magari perde lo stesso tempo stando al telefono con un amico o pensando agli affari propri. Tuttavia, non lascia la propria postazione. Il risultato, quindi, è che chi non fuma, almeno “sulla carta”, fa meno pause e quindi lavora di più. I dipendenti non fumatori hanno, dunque, diritto ad un premio che vada a compensare tutte le pause-sigaretta non godute, premio che consiste in 6 giorni di ferie extra.

Ciò è quanto hanno deciso i dirigenti dell’azienda informatica giapponese Piala Inc, i quali hanno voluto regalare 6 giorni di ferie extra all’anno ai non fumatori del loro team. Secondo i loro calcoli, infatti, il tempo “perso” per ogni pausa sigaretta è pari a circa 15 minuti, di conseguenza chi lascia l’ufficio per fumare “perde” in media 6 giorni di lavoro ogni anno. Si consideri, però, che gli uffici dell’azienda giapponese protagonista della vicenda sono situati al 29esimo piano di un grattacielo e uscire dall’edificio richiede qualche minuto di troppo. Così i dipendenti non fumatori si sono “ribellati”, lamentando di lavorare di più dei colleghi fumatori: uno dei dipendenti ha appeso un messaggio sulla bacheca aziendale all’inizio dell’anno in cui sosteneva che le pause per la sigaretta causavano problemi al lavoro, molti altri lavoratori hanno mandato una mail alla casella aziendale dedicata a proteste e suggerimenti affermando: «Noi lavoriamo di più perché non facciamo pause».

Tali “proteste” sono state accolte dall’azienda, che ha deciso di non punire o penalizzare chi fuma, ma di premiare i dipendenti non fumatori, concedendo loro 6 giorni all’anno di ferie in più rispetto ai colleghi che non possono fare a meno della pausa sigaretta. Ovviamente, la notizia sta impazzando sul web e la questione, per come affrontata dall’azienda giapponese, non può che dare il buon esempio per quanti stiano pensando di appendere l’accendino al chiodo. Non a caso, l’Organizzazione Mondiale della Sanità ha inserito il Giappone in cima alla lista dei Paesi che combatte più fortemente questo vizio.


note

Autore immagine: Pixabay.com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

5 Commenti

  1. io sto cercando di smettere di fumare ma sono ancora fumatrice e la mattina al lavoro mi concedo qualche pausa sigaretta che va dai due minuti ai cinque massimo nel giardinetto dell’ufficio , questo tra le tre e le cinque volte durante tutta la giornata lavorativa ma vi assicuro che i miei colleghi NON fumatori fanno pause molto più lunghe per un caffè ci stanno minimo 30 minuti senza parlare chi con l’orario elastico arriva alle 7,30 e inizia a lavorare alle 8,30/9,00 ,, insomma fumo a parte ci rimette sempre chi lavora di più , bisogna essere concreti e viaggiare negli uffici per rendersi conto che non sono le parole ma i fatti che contano ,,,mi sento una impiegata stanca e penalizzata perchè lavoro e lo faccio anche bene uff.

    1. Ognuno può portare il suo esempio. Io non fumo e le mie pause caffè erano quasi inesistenti. Mentre la collega era fuori a fumare io continuavo a lavorare e il tè della macchinetta me lo bevevo alla scrivania, lavorando. Le pause lunghe accadevano raramente e comunque in contemporanea alla collega. Lei però spesso faceva alcune cose di lavoro in pausa pranzo, uno dei rari momento veramente tranquilli. Insomma, alla fine credo lavorassimo lo stesso tempo (straordinari esclusi).

      Concordo che comunque chi ci rimette è sempre chi si fa il mazzo e si impegna.

  2. Sono un Non fumatore e questo premio non potrò mai averlo perchè dove lavoro io fanno fumare sul posto di lavoro.
    Il datore di lavoro non rispetta la legge è gli operai non rispettano i colleghi che non fumano come me.
    Chi se la prende nel Frack siamo noi non fumatori e se vai a dirlo ai sindacati non cambia nulla.

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube