Tech | Articoli

Come riavviare un computer bloccato

8 Dicembre 2018


Come riavviare un computer bloccato

> Tech Pubblicato il 8 Dicembre 2018



Da un po’ di tempo il tuo pc fa i capricci? Continua a bloccarsi con una continua frequenza e lavorare con lui per te è diventato molto difficile? Vediamo insieme come risolvere questo problema… 

Il computer che solitamente usi per lavorare sta diventando un vero problema a causa dei blocchi improvvisi che si verificano ad intervalli regolari? Utilizzarlo in questa situazione è diventato impossibile e non riesci a capire come risolvere questa situazione, se non interrompendo l’alimentazione del PC ogni volta che ciò accade?

Non c’è da preoccuparsi! In questa guida infatti, voglio darti dei piccoli suggerimenti per essere pronti a gestire e risolvere questi intoppi, capendo come riavviare il computer bloccato senza per forza, perdere il lavoro fatto prima e senza dover ogni volta staccare la spina del case o scollegare la batteria del portatile. Ti indicherò, inoltre, anche le possibili cause che possono provocare questi crash di sistema, provando a darti delle soluzioni efficaci, semplici da eseguire. L’obiettivo? Risolvere una volta per tutte il problema dei blocchi improvvisi.

Chiusura forzata delle applicazioni

Prima di riavviare un computer bloccato e rischiare di perdere le eventuali modifiche ai file in uso, è sempre meglio accertarsi se la colpa del blocco è di un particolare programma in esecuzione. Se questo fosse il tuo caso, puoi scegliere di non riavviare il sistema, chiudendo forzatamente il software andato in tilt, attraverso le utility Gestione attivitàForza chiusura applicazioni, utilizzabili sia in Windows che su MacOS. Dopo aver chiuso il programma problematico, salva il tuo lavoro e riavvia semplicemente il pc.

Che differenza c’è tra Applicazioni, Processi e Servizi di Windows?

Prima di procedere e scoprire come chiudere forzatamente un task bloccato però, è opportuno avere chiaro le differenze che intercorrono tra Applicazioni, Processi e Servizi di Windows. Cercando di semplificare il più possibile e senza entrare in tecnicismi possiamo individuare le seguenti differenze:

  • le applicazioni sono a tutti gli effetti le app o i software attualmente in esecuzione sul computer come ad esempio, Word, il browser, Excel e via discorrendo.
  • processi sono delle attività correlate alle applicazioni in esecuzione sul pc: ogni applicazione può avere più processi attivi contemporaneamente. Ad esempio, se si aprono 3 tab di Chrome, nella finestra Applicazioni troveremo la voce Chrome che indica che l’app è in esecuzione, mentre nella finestra Processi troveremo tre differenti processi, uno per ogni tab di Chrome aperta.
  • servizi sono delle applicazioni di sistema che non richiedono nessuna interazione da parte dell’utente e, generalmente, fungono da supporto al corretto funzionamento del sistema.

Come chiudere task bloccati tramite Windows

Per quanto riguarda il sistema operativo Windows, grazie all’utility Gestione Attività (o task manager) puoi visualizzare i programmi in esecuzione, i processi attivi o i servizi in esecuzione o bloccati.

Questo speciale software di sistema può essere avviato anche qualora il computer fosse totalmente bloccato, premendo la nota combinazione di tasti Ctrl+Alt+Canc e selezionando successivamente l’opzione Gestione attività dal menu proposto a schermo. In alternativa puoi provare ad avviare il task manager senza passare dal menu di scelta, premendo la combinazione di tasti Ctrl+Shift+Esc.

Come prima cosa individua dalla finestra Gestione attività Windows, scheda Applicazioni, il software bloccato identificato dalla dicitura Non risponde e clicca sul pulsante Termina attività per chiudere definitivamente il programma che ha bloccato il pc. Non dimenticare che, in questo modo, le modifiche effettuate su eventuali file aperti dal rispettivo programma associato non verranno salvate. Se la chiusura dell’app non dovesse essere sufficiente a rimettere in funzione il pc allora…

Ti consigliamo di andare nel tab Processi e cliccare sulla voce Mostra i processi di tutti gli utenti posizionata in basso a sinistra così da avere tutti i task sott’occhio. Per individuare il processo in funzione che sta impegnando di più il processore e rallentando il computer, clicca sulla colonna CPU per ordinare la lista in base al consumo di CPU; per effettuare l’ordinamento in base al consumo di RAM, invece, clicca sulla colonna Memoria. Se hai riconosciuto il processo che funziona in modo anomalo nella CPU e/o in RAM, clicca sul suo nome e premi sul pulsante Termina processo per concluderlo forzatamente.

Come sbloccare il Mac “cestinando” i task bloccati

Parlando del MacOS, ci sono due opzioni per uscire forzatamente dai programmi bloccati: il primo prevede l’utilizzo dell’utility Forza chiusura applicazioni che può interrompere le applicazioni che non rispondono più in modo veloce.

Per usarlo, premi la combinazione di tasti Cmd+Alt+Esc sulla tastiera del Mac. A questo particolare shortcut, che può salvarti la vita anche quando il sistema è bloccato, deve seguire la scelta del software che non risponde più. Dalla finestra che compare, individuiamo il programma incriminato e interrompiamolo cliccando per due volte sul pulsante Uscita forzata. Così come avviene per il sistema Windows, anche qui le modifiche su file aperti nel programma appena fermato non saranno salvate. Oppure, se il sistema è dannatamente lento ma non del tutto bloccato, puoi comunque avere una lista più completa dei processi attivi sul computer, utilizzando l’utility Monitoraggio Attività, che puoi richiamare dalla cartella Altro del Launchpad.

Una volta avviato il programma, che assomiglia molto a Gestione Attività di Windows, clicca sulla scheda CPU e poi sulla colonna %CPU per sapere quali processi stanno impiegando maggiormente il processore; allo stesso modo, portati nella scheda Memoria e clicca sulla colonna Memoria per individuare i processi che impegnano più RAM. Una volta trovato il processo aspira risorse che rallenta tutto, puoi terminarlo selezionando il suo nome e cliccando prima sulla [X] collocata in alto a sinistra e, successivamente, sul pulsante Uscita forzata.

Riavvio forzato del tuo computer 

Se non hai ancora risolto il tuo problema, eseguendo il procedimento che abbiamo visto insieme, allora la stabilità del sistema potrebbe essere assolutamente compromessa e potresti aver bisogno di riavviare il computer in maniera forzata. In pratica significa che dovrai effettuare uno spegnimento non corretto e di colpo, senza tenere presente la procedura standard del sistema operativo, come se stessimo interrompendo l’alimentazione. Si tratta di un’operazione brusca che può tornarti comunque utile come ultima ratio. Prima di procedere e spiegarti come spegnere forzatamente il computer, è bene però che tu sia al corrente di ciò che potrebbe attenderti all’avvio successivo.

  • • Se usi Windows lo stato del sistema non verrà scritto sul disco e il fastboot e l’avvio rapido, non sarà utilizzabile totalmente all’accensione successiva: ciò significa che il sistema potrebbe avviarsi in modo molto più lento del solito, impiegando anche alcuni minuti.
  • • Se usi MacOS, potresti visualizzare un messaggio informativo riguardante lo spegnimento inaspettato del sistema.
  • • In alcuni casi particolari, il filesystem del disco potrebbe diventare inconsistente, quindi potrebbe essere fatta un’analisi di integrità subito prima dell’avvio del sistema.
  • • In generale, le modifiche sui documenti non salvati prima dello spegnimento forzato verranno perse.

Fatte queste premesse, per spegnere in maniera forzata il computer o il notebook, premi e tieni premuto il tasto Power per almeno 4 secondi o fino a quando tutti i LED del case o del portatile non si spengono del tutto. Se il notebook è collegato all’alimentazione elettrica, l’unico indicatore acceso dev’essere quello di ricarica della batteria. Se invece usi un computer desktop, a spegnimento fatto, il monitor combinato dovrebbe mostrare un messaggio che riguarda l’assenza di segnale. Poi, non ti resta che premere nuovamente, questa volta per poco, il tasto di accensione del computer e attendere che il sistema si avvii di nuovo. Ricorda che, al successivo avvio, potrebbe verificarsi una o più tra le condizioni che ti ho indicato in precedenza.


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI