Cultura e società | Articoli

Cos’è il counseling

14 Gennaio 2019


Cos’è il counseling

> Cultura e società Pubblicato il 14 Gennaio 2019



La parola counseling è sempre più diffusa ma non tutti sanno cosa significa esattamente.

E’ noto che i termini inglesi sono sempre più utilizzati anche in Italia. Tuttavia l’uso di questi termini è spesso improprio e non tutti sanno realmente cosa significano queste parole, anche quando ne fanno utilizzo. Una di queste parole è Counseling. Ma quanti sanno realmente cos’è il counseling e a cosa serve? Quanti sono realmente consapevoli di come si diventa counselor di professione (counselor è la parola usata per definire il professionista del counseling) e quali sono gli sbocchi professionali e gli ambiti nei quali il counselor può operare? In linea generale occorre premettere che nella nostra società si assiste ad una continua proliferazione di professionalità che nascono per aiutare gli altri a fare qualcosa, a raggiungere qualche risultato. In effetti viviamo in una società sempre più veloce e frenetica ma anche più egoistica e i rapporti sociali ne risentono negativamente. Inoltre, la società ci spinge ad una sempre maggiore competizione tra di noi. Tutto questo fa nascere, molto spesso, l’esigenza di essere supportati, spinti, di ricevere motivazione ed entusiasmo. Da queste premesse nasce il counseling. In questo articolo cercheremo di darti maggiori informazioni sull’argomento.

Qual è la definizione di counseling?

Se volessimo esprimere il concetto di counseling in pochissime e semplici parole potremmo affermare che il counseling è quella attività umana che si pone l’obiettivo di rendere migliore la qualità della vita delle persone, lavorando dunque sul profondo dell’individuo.

In una società in cui rischia di emergere sempre di più il pessimismo e molte persone rischiano di non credere in sè stesse e di scoraggiarsi, le tecniche di counseling sono state pensate proprio per favorire l’assunzione di atteggiamenti proattivi e propositivi da parte degli individui, esaltando e valorizzando i punti di forza e le attitudini personali nonché tirando fuori da ognuno la propria capacità di scelta e di cambiamento.

L’obiettivo principale che si propongono le attività di counseling è di consentire all’individuo di superare momentanei periodi di difficoltà che possono essere determinati da momenti di passaggio e di cambiamento, stati di crisi personale o famigliare, processi evolutivi.

Tutti noi, durante il corso della nostra esistenza, possiamo attraversare delle fasi di difficoltà che possono mettere in discussione la nostra fiducia in noi stessi. Si pensi ad una persona che perde improvvisamente il lavoro oppure che subisce una forte ferita emotiva in famiglia.

Sono molti gli effetti positivi legati al counseling e in particolare con queste tecniche l’individuo può:

  • migliorare le proprie competenze di comunicazione e di relazione con gli altri;
  • maturare e sviluppare una maggiore e più profonda conoscenza di sé stesso;
  • acquisire una maggiore capacità di gestire lo stress;
  • superare e lasciarsi alle spalle dei periodi transitori di difficoltà;
  • mettere da parte delle problematiche che non abbiano i caratteri delle patologie psichiche;
  • soprattutto se c’è una forte insicurezza di fondo, maturare una maggiore capacità di assumere decisioni consapevoli.

In cosa consiste l’attività del counselor?

L’attività di counseling, per come l’abbiamo descritta fin ora, potrebbe sembrare fumosa e scarsamente comprensibile. Cerchiamo di capire come opera concretamente un professionista esperto di counseling detto anche counselor.

Il counselor ha in mente un obiettivo chiaro: cercare di usare tutta la sua abilità per spronare l’individuo che si è rivolto a lui a conoscere meglio e più nel profondo sé stesso, attraverso percorsi che possiamo definire di autoesplorazione e un’autoanalisi approfondite.

Le persone, molto spesso, hanno molte risorse dentro di loro ma non riescono ad esprimerle. Lo scopo del counselor è proprio quello di sviluppare nel cliente una forte determinazione che passa necessariamente per la consapevolezza delle proprie capacità. Solo così l’individuo potrà trovare da solo le risposte ai propri problemi. Il counselor è chiamato in particolare ad ascoltare, senza mai giudicare o mettersi sul piedistallo a dare consigli.

Diventare counselor

Per diventare counselor non ci si può improvvisare ma è assolutamente consigliabile seguire un percorso di studi e di formazione che ti consenta di diventare un esperto delle relazioni di aiuto.

In Italia, infatti, non esiste una specifica regolamentazione di questa attività professionale ma per svolgere efficacemente questa professione e anche per essere credibili sul mercato è preferibile seguire un apposito corso o master.

Seguendo questi master chi aspira a diventare counselor può:

  • acquisire le capacità professionali che servono per operare come counselor professionale;
  • allenare ed assumere maggiori capacità comunicative e relazionali;
  • ricevere delle nozioni di psicologia che consentono di approcciare al meglio i diversi tipi psicologici;
  • comprendere in profondità l’essere umano;
  • operare e cooperare in considerazione delle qualità personali di ogni singolo individuo.

Quali materie si studiano nei corsi di counseling?

Come abbiamo detto non esiste una normativa che regolamenta la professione del counselor. Da ciò consegue che non esiste nemmeno una regolamentazione dei corsi di counseling che imponga l’insegnamento di alcune materie piuttosto che di altre.

Osservando la realtà dei corsi di counseling in circolazione si può tuttavia, affermare che le materie più frequentemente presenti in questi percorsi formativi sono:

  • la nozione di counseling, la sua storia e la sua regolamentazione normativa;
  • la capacità di comunicazione come elemento fondamentale nelle relazioni di aiuto;
  • le varie forme di comunicazione: il linguaggio, l’ascolto, l’empatia, l’osservazione, la comprensione, il conflitto, la negazione;
  • cenni di psicologia generale (i modelli psicologici, psicologia dello sviluppo, antropologia culturale, psicologia sociale;
  • lo sviluppo psicologico dell’individuo

Gli sbocchi professionali

Vi basterà osservare un social network come Linkedin o Facebook per rendervi conto che negli ultimi anni si sono diffusi professionisti che vendono ad aziende e privati dei servizi professionali che si fondano sulla capacità di queste persone di motivare gli altri, di far assumere agli altri un atteggiamento positivo, reattivo ed orientato al futuro. Vengono chiamati e si autodefiniscono in diversi modi ma l’esplosione di questo settore è innegabile.

E’ del tutto evidente che una simile capacità non è importante solo per il singolo individuo che sta attraversando un momento di crisi e di scoraggiamento ed ha dunque bisogno di essere spronato e incentivato ma è molto importante anche per le aziende, le associazioni e qualsiasi formazione sociale che voglia motivare i propri membri a lottare per un determinato obiettivo.

Nelle aziende, in particolare, soprattutto quelle ad alto capitale umano in cui è la persona a fare la differenza è fondamentale tirare fuori da ogni collaboratore il meglio di sé, la voglia di fare, l’iniziativa e indirizzare queste energie verso l’interesse dell’impresa.

E’ per questo che diventare esperti counselor significa oggi potersi inserire in un settore estremamente promettente dal punto di vista occupazionale.

Perché il counseling è in crescita?

La società attuale, lo si dice spesso, tende a lasciare le persone sempre più sole con i propri problemi. In questa società le persone devono apparire sempre vincenti, di successo e sembra non esserci spazio per chi invece si trova in difficoltà.

Ecco dunque che, date queste premesse, per l’individuo è fondamentale trovare qualcuno che lo ascolta, senza giudicare, e lo comprende.

Il counseling ha esattamente queste caratteristiche, in quanto il counselor è la figura giusta per dare risposta a due dei principali bisogni che ha creato nell’uomo la società attuale: il bisogno di essere compreso ed ascoltato.

Queste esigenze si esprimono a tutti i livelli: le esprime il singolo individuo, le esprime la famiglia nel suo insieme, le esprime l’azienda, l’associazione e qualsiasi altra formazione sociale.

Proprio per questo possiamo dire che il counselor ha oggi un’ampia rosa di possibilità di fronte a sé potendo agire nei più svariati contesti sociali, dalla coppia, alla famiglia, sino all’azienda, alla scuola, agli ospedali. Ovunque ci sia umanità, il counselor può esprimere le sue competenze.

In particolare, il counselor può esprimere pienamente il suo valore nei seguenti ambiti:

  • scuola: possono essere sviluppati dei progetti specifici, pensati per dare risposta a bisogni specifici segnalati dai bambini, oppure dagli adolescenti, dai giovani, dai genitori e dagli insegnanti;
  • sanità: affrontare un periodo di malattia e magari di ricovero ospedaliero non è affatto facile e in quei contesti è facile perdere la fiducia in sé stessi e mollare. Molto difficile è anche la sfida a cui sono chiamati gli operatori della sanità, siano essi medici, infermieri, etc. Per questo anche nell’ambito sanitario il counselor può lavorare per tirare fuori il meglio dalle persone in una fase spesso delicata della propria esistenza;
  • famiglia:  le statistiche ci dicono che le famiglie italiane durano sempre di meno. La vita frenetica, le difficoltà economiche, la perdita di valori sono tutti fattori che mettono in crisi moltissime coppie. Spesso la fine dei rapporti avviene solo alla fine di periodi molto lunghi di litigi, tensioni che minano l’equilibrio di tutti i famigliari. Per questo il counselor cerca di lavorare per il benessere dei membri della famiglia, nessuno escluso. A tal fine il counselor spinge i famigliari ad assumere atteggiamenti pazienti, positivi, non conflittuali.
  • sociale: spesso anche il disagio sociale deriva dalla crisi dell’individuo, della sua fiducia in sé e della sua capacità di lottare giorno dopo giorno per migliorare la propria condizione. Su tutti questi aspetti lavora il professionista del counseling.

scarica gratis il tuo contratto su misura

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA