Diritto e Fisco | Articoli

Pensione d’inabilità civile 2019

17 Gennaio 2019 | Autore:


> Diritto e Fisco Pubblicato il 17 Gennaio 2019



Pensione per invalidi civili totali: chi ne ha diritto, a quanto ammonta nel 2019, requisiti di reddito, come fare domanda.

Ti hanno dichiarato invalido al 100%, ma non inabile alle mansioni, a proficuo lavoro, o in modo permanente ed assoluto a qualsiasi attività lavorativa? In altre parole, ti è stata riconosciuta la “sola” invalidità civile del 100%? Oppure, nonostante il riconoscimento dell’inabilità assoluta e permanente a qualsiasi attività, dell’inabilità alle mansioni o a proficuo lavoro, non hai gli anni di contributi necessari per le prestazioni collegate a queste condizioni?

Forse non sai che, possedendo il 100% d’invalidità, puoi avere comunque diritto a una prestazione di assistenza da parte dell’Inps: si tratta della pensione per invalidi civili totali, o pensione d’inabilità civile.

L’importo di questa prestazione è lo stesso previsto per la pensione d’invalidità civile, o assegno di assistenza per invalidi civili parziali (dal 74 al 99%), ma i limiti di reddito per il diritto al sussidio sono più elevati. Inoltre, perché spetti il trattamento non è necessario possedere lo stato di disoccupazione, come invece previsto per la pensione d’invalidità civile.

Ma procediamo per ordine e facciamo il punto sulla pensione d’inabilità civile 2019: a quanto ammonta, chi ne ha diritto, quali sono i limiti di reddito, come si richiede, quali sono gli adempimenti previsti.

Che cos’è la pensione d’inabilità civile?

La pensione d’inabilità civile, o pensione per gli invalidi civili totali, è una prestazione dell’Inps che spetta a chi possiede un’invalidità civile riconosciuta del 100%, se non supera determinati limiti di reddito.

Chi ha diritto alla pensione d’inabilità civile?

Per ottenere la pensione d’inabilità civile per invalidi civili totali bisogna possedere i seguenti requisiti:

  • essere invalidi di età compresa tra i 18 e i 67 anni (l’età limite per richiedere la prestazione originariamente prevista, pari a 65 anni, è stata elevata in base agli incrementi alla speranza di vita media), con una riduzione della capacità lavorativa pari al 100%;
  • essere cittadini italiani, europei o extracomunitari in possesso del permesso di soggiorno di lungo periodo;
  • avere un reddito annuo non superiore a 16.664,36 euro annui, per il 2018; per l’anno 2019 il limite è stao essere elevato a 16.814,34 euro, in base alla rivalutazione dei limiti di reddito, pari allo 0,9%;
  • per il diritto al sussidio non è richiesto lo stato di disoccupazione e non sono previsti limiti collegati all’indicatore Isee del nucleo familiare.

A quanto ammonta la pensione d’inabilità civile

La pensione d’inabilità civile nel 2019 aumenta da 282,55 euro mensili a 285,66 euro; l’ammontare mensile spettante agli invalidi civili totali è uguale a quello spettante agli invalidi civili parziali.

Domanda di pensione d’inabilità civile

Perché si abbia diritto alla pensione d’inabilità civile è prima necessario che sia riconosciuta un’invalidità in misura pari al 100%. È dunque necessario, dopo aver ottenuto il certificato medico introduttivo dal proprio medico curante, inviare all’Inps, tramite portale web, call center o patronato, domanda d’invalidità. Qui la Guida alla domanda d’invalidità per conoscere, passaggio per passaggio, la procedura.

Una volta ottenuto il verbale di riconoscimento dell’invalidità al 100% dalla commissione medica, si deve richiedere la pensione attraverso il servizio online, disponibile nel portale dell’Inps, “Verifica dati socio-economici e reddituali per la concessione delle prestazioni economiche”, modello AP 70. In alternativa, la domanda può essere inoltrata tramite call center o patronato.

Adempimenti pensione d’inabilità civile

Per confermare la sussistenza delle condizioni per il diritto all’inabilità civile, come il rispetto dei limiti di reddito e il requisito dell’assenza di ricoveri (requisito necessario soltanto se si percepisce anche l’assegno di accompagnamento), una volta ottenuto l’assegno, l’interessato annualmente deve presentare all’Inps delle dichiarazioni di responsabilità. Per quanto riguarda le condizioni reddituali,  è necessaria la compilazione del modello Red, una sorta di dichiarazione dei redditi semplificata che si deve presentare entro il 31 marzo di ciascun anno. In questa dichiarazione, l’invalido deve specificare tutti i redditi prodotti nell’anno, compresi quelli esenti, che non si dichiarano nel 730.

Per saperne di più: Red, quando va presentato.

Il modello Icric deve essere invece presentato, sempre entro il 31 marzo di ciascun anno, per dichiarare eventuali ricoveri. La presentazione del modello Icric è necessaria solo se l’invalido al 100% percepisce anche l’inennità di accompagnamento.

Il disabile, per aver diritto all’accompagno, non deve essere ricoverato in una struttura sanitaria con retta a carico dello Stato, né in un reparto riabilitativo o di lungodegenza: in caso contrario, i trattamenti sono ridotti in proporzione alla durata del ricovero.

Sono esclusi dalla dichiarazione i ricoveri in ospedale per terapie contingenti o dovuti a malattie non connesse con l’invalidità; inoltre, non sono rilevanti i ricoveri per i quali la retta della struttura sia risultata a totale o a parziale carico del disabile o dei familiari e i ricoveri in day hospital.

Superamento limiti di reddito per la pensione d’inabilità civile

Se l’interessato supera la soglia di reddito annuale per la pensione d’inabilità civile, entro 30 giorni deve inviare un’immediata comunicazione all’Inps del venir meno dei requisiti richiesti per il diritto alla prestazione.

La comunicazione può essere inviata attraverso il patronato, o il servizio online, disponibile nel portale dell’Inps, “Verifica dati socio-economici e reddituali per la concessione delle prestazioni economiche”, modello AP 70. Lo stesso modello può essere utilizzato per comunicare il sopraggiungere di una situazione di incompatibilità.

note

[1] Cass. sent. n.5962/2018.

[2] Cass. sent. n. 13880/2013; Cass. sent. n. 853/2013.

[3] Inps mess. n. 3043/2008.


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI