Diritto e Fisco | Articoli

Come ottenere il risarcimento del danno in caso di furto d’auto

21 Marzo 2013
Come ottenere il risarcimento del danno in caso di furto d’auto

La garanzia furto è presente in ogni polizza assicurativa base: in caso di sottrazione del mezzo è bene seguire alcuni passaggi per ottenere il risarcimento congruo al più presto.

La prima cosa da fare quando si scopre che la propria vettura è stata rubata è rivolgersi alle autorità.

La denuncia alle autorità non ha solo scopo di notizia e avvio delle indagini, ma anche un fine cautelativo. Infatti, nel caso in cui si verifichi un sinistro stradale con la propria auto rubata, competente al risarcimento potrà essere il fondo vittime della strada [1] e non la propria assicurazione, evitando quindi sia un aumento del premio di polizza che qualsiasi conseguenza giuridica sia sul piano civile o penale.

Dopo, è necessario avvertire la propria compagnia di assicurazione: recandosi in agenzia o per lettera raccomandata, per email o con altri mezzi consentiti. La compagnia successivamente invierà all’assicurato una comunicazione contenente l’elenco della documentazione necessaria per procedere alla liquidazione del danno. Tale elenco comprende: in originale, denuncia alle autorità; certificato di proprietà (in originale o copia conforme) con annotata perdita di possesso; chiavi della vettura (originali e di riserva). Solo una volta ricevuto tutto ciò l’assicurazione provvederà al pagamento.

Rivolgersi al Pubblico Registro Automobilistico (PRA) è utile al fine di annotare la perdita di possesso. Oltre che a fini assicurativi, ciò servirà ad interrompere i termini per il pagamento della tassa automobilistica (bollo auto). Se il certificato di proprietà in originale è stato sottratto insieme all’auto, basterà compilare un modulo sostitutivo.

Il valore dell’auto ai fini liquidativi viene calcolato sottraendo la franchigia [2] e/o lo scoperto di polizza al valore commerciale che il mezzo ha al momento dell’incidente (tale stima viene effettuata utilizzando Quattroruote, Eurotax giallo e blu).

Per quanto riguarda le tempistiche di risarcimento, sino al Gennaio 2012 era necessario presentare il certificato di chiusura inchiesta (termine delle indagini sul furto) prima di poter essere liquidati. Ciò comportava un allungamento consistente dei tempi (diversi mesi). Oggi invece la compagnia può pretendere questo certificato soltanto nel caso in cui il bene rubato sia una macchina e solo se si stia indagando per il reato di fraudolenta distruzione della cosa propria (per ottenere illegittimamente il risarcimento). Altrimenti, deve procedere al risarcimento anche senza la presentazione del certificato. I tempi, dall’anno scorso, si sono quindi notevolmente ridotti.

di LICIA ALBERTAZZI


Una volta scoperto il furto, occorre rivolgersi alle autorità per denunciare l’accaduto. Quindi, bisogna rivolgersi alla propria compagnia per avviare l’iter di risarcimento danni.

In media, dal momento in cui il danneggiato invia tutta la documentazione richiesta, l’assicurazione oggi risarcisce in 40/50 giorni.

note

[1] Il fondo di garanzia per le vittime della strada risarcisce il danneggiato anche quando il veicolo responsabile del sinistro è stato condotto contro la volontà del legittimo proprietario.

[2] La franchigia è una somma fissa posta a carico dell’assicurato. Ad esempio, se il valore del mezzo all’acquisto è pari a euro 8000 ma al momento dell’incidente è stimato in 3000 euro, con una franchigia fissa di 300 euro ed oltre uno scoperto del 10%, la somma da liquidarsi sarà: 3000 – 300 = 2700 euro – 10% =  2430 euro. Alcune polizze prevedono o lo scoperto o la franchigia, altre ancora entrambi gli elementi. Raramente non prevedono alcuno dei due.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube