Diritto e Fisco | Articoli

L’offesa come reazione a un comportamento ingiusto è lecita

21 Marzo 2013
L’offesa come reazione a un comportamento ingiusto è lecita

Lecito reagire ad una scorrettezza con un’offesa purché quest’ultima sia stata detta in stato d’ira.

Sdoganato dai giudici il vaff… se è la conseguenza di un torto ingiusto subìto. La Cassazione, con una recente sentenza, ha sancito il diritto alla reazione. È lecito, dunque, offendere qualcuno purché l’offesa sia la conseguenza “proporzionata” e diretta di un precedente avvenimento illecito.

È necessario, a tal fine, capire la natura delle offese per valutare la loro valenza penale:

– sono lecite le offese che sono il frutto diretto di un precedente comportamento dell’offeso se – e solo se – la reazione dell’offensore è proporzionata all’azione precedentemente subita;

– configurano, invece, il delitto di ingiuria o di diffamazione [1] se sono delle offese c.d. “gratuite” o non giustificate.

La Suprema Corte [2] ha riconosciuto come lecito il comportamento di una condomina la quale ha inviato – all’amministratore e, per conoscenza, a tutti i condomini – una lettera offensiva della professionalità e dell’operato dell’amministratore. Quest’ultimo, in precedenza, aveva tenuto dei comportamenti contrari al vivere civile e alle regole fondamentali della civile convivenza, provocando lo stato d’ira della signora.

Quindi, le offese fatte non sono punibili se sono la conseguenza diretta di uno stato d’ira precedentemente provocato dal soggetto offeso; è necessario, però, che la reazione sia proporzionata all’azione precedentemente subita dall’offensore.

di MARTINA GRIMALDI


Per offendere “lecitamente” qualcuno è necessario che la reazione diffamatoria o ingiuriosa sia il frutto proporzionato di un comportamento scorretto da parte della persona offesa.

note

 

[1] Rispettivamente artt. 594 e 595 c.p.

[2] Cass. sent. n. 8336 del 20.02.2013.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

1 Commento

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube