Diritto e Fisco | Articoli

Impianti fotovoltaici: si può detrarre l’Irpef al 50%

25 Marzo 2013 | Autore:
Impianti fotovoltaici: si può detrarre l’Irpef al 50%

La detrazione applicabile alle spese per le ristrutturazioni dell’abitazione può essere estesa anche all’installazione degli impianti fotovoltaici.

L’acquisto e installazione degli impianti fotovoltaici per la produzione di energia elettrica fino a 20 kilowatt nominali rientra tra le spese per le ristrutturazioni edilizie che possono fruire delle detrazioni fiscali Irpef al 50%.

A chiarirlo è la stessa Agenzia delle Entrate con una recente nota [1] che ha previsto come anche l’installazione di impianti fotovoltaici sia da ricondurre all’interno degli interventi che danno diritto alla detrazione d’imposta.

La decisione è stata presa a seguito di un’istanza di consulenza giuridica richiesta da Federazione ANIE, aderente a Confindustria, che rappresenta le imprese elettrotecniche ed elettroniche che operano in Italia lo ha riconosciuto.

L’Agenzia delle Entrate ha evidenziato che, per beneficiare della detrazione del 50%, l’impianto fotovoltaico deve essere installato per usi domestici e far fronte ai bisogni energetici dell’abitazione, quindi per esigenze di illuminazione e di alimentazione degli apparecchi elettrici.

Inoltre, per ottenere la detrazione non sarà necessario produrre alcuna certificazione particolare che attesti il risparmio energetico, poiché l’installazione dei pannelli fotovoltaici comporta di per sé un miglioramento della prestazione energetica dell’edificio.

Per usufruire dell’agevolazione è sufficiente effettuare i pagamenti mediante bonifico e conservare la documentazione comprovante l’avvenuto acquisto e installazione dell’impianto posto a servizio dell’abitazione (con la relativa documentazione amministrativa richiesta per legge); non è necessaria alcuna specifica attestazione dell’entità del risparmio energetico derivante dall’installazione dell’impianto fotovoltaico.

La detrazione in esame è comunque esclusa quando la cessione dell’energia prodotta in eccesso configuri esercizio di attività commerciale, come nel caso, ad esempio, in cui l’impianto abbia potenza superiore a 20 kw ovvero, pur avendo potenza non superiore a 20 kw, non sia posto a servizio dell’abitazione.

Tutte le spese documentate e sostenute dal 26 giugno 2012 al 30 giugno 2013, godranno di una detrazione d’imposta del 50% fino ad un importo massimo di euro 96.000,00, mentre per quelle precedenti la detrazione d’imposta è pari al 36% fino ad un importo massimo di euro 48.000,00.

La detrazione viene ripartita in dieci anni con quote costanti dell’importo sostenuto nell’anno.

Ciò significa che se sono state sostenute spese per l’installazione di un impianto fotovoltaico pari a euro 20.000, da questa somma si possono detrarre euro 10.000,00 ossia il 50% di euro 20.000. I 10.000,00 euro saranno ripartiti in dieci anni, riuscendo così ad ottenere un risparmio d’imposta pari a euro 1.000 per ogni anno.

Nel caso di soggetti che presentano il modello 730 ciò potrebbe determinare un rimborso d’imposta direttamente da parte del datore di lavoro in sede di conguaglio IRPEF.

Si ricorda che le spese per le ristrutturazioni edilizie sostenute fino al 30 giugno 2013 potranno essere detratte nell’anno 2014.

Per richiedere la detrazione, è necessario che le spese siano pagate tramite bonifico bancario entro il 30 giugno di quest’anno, inserendo nella causale il codice fiscale di chi intende beneficiare della detrazione, il codice fiscale e la partita iva del fornitore.


note

 [1]  Comunicato stampa Agenzia delle Entrate del 18 marzo 2013 in relazione alla Nota 14 marzo 2013 Agenzia delle Entrate – Dir. Centrale Normativa Irpef – Detrazione – Spese sostenute per l’acquisto e l’installazione di pannelli fotovoltaici per la produzione di energia elettrica – Consulenza giuridica – Art. 16-bis, D.P.R. n. 917/1986


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

1 Commento

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube