Diritto e Fisco | Articoli

Nessun licenziamento al lavoratore che dopo il comporto va in aspettativa

22 Marzo 2013
Nessun licenziamento al lavoratore che dopo il comporto va in aspettativa

Il dipendente che, alla fine del periodo di comporto unisce l’aspettativa per malattia non può essere licenziato prima che scada l’intero periodo.

 

Quando un lavoratore (sia nel settore pubblico che privato) si assenta per malattia o infortunio, esiste un periodo, detto periodo di comporto, entro il quale il datore di lavoro ha il divieto di licenziare il lavoratore. In tal caso, al lavoratore è garantito il mantenimento del posto di lavoro e l’identica retribuzione economica.

Tuttavia, una volta terminato il comporto senza che il lavoratore sia rientrato al lavoro, il datore di lavoro può a procedere al suo licenziamento.

La Corte di Cassazione, con una recente sentenza [1] ha precisato che il dipendente non può essere licenziato se ha richiesto, al termine del comporto, un periodo di aspettativa.

Nel motivare la decisione, i giudici hanno richiamato il contratto nazionale di lavoro, il quale stabilisce che, superati i limiti di conservazione del posto, l’azienda, su richiesta del lavoratore, può concedergli un periodo di aspettativa fino a un massimo di 4 mesi. Durante tale periodo, dunque, il licenziamento non è effettuabile.

di ANDREA BORSANI


Durante l’aspettativa il rapporto di lavoro resta sospeso. In tale periodo, il lavoratore ha diritto alla conservazione del posto di lavoro, ma non alla retribuzione. Pertanto, il licenziamento intimato durante l’aspettativa, seppur concessa al termine del comporto, è illegittimo.

note

[1] Cass. sent. n. 6711 del 18.01.2013. 


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

1 Commento

  1. sono impiegata 8° liv. CCNL Metalmeccanici Confapi. Essendo in prossimità del termine del periodo di comporto ho comunicato l’intenzione di usufruire dell’aspettativa di 4 mesi (prorogabile fino a max 24 mesi da CCNL);
    devo continuare ad inviare certificati medici all’Inps (ed al datore di lavoro) anche durante l’aspettativa?
    Eventualmente, sono soggetta anche alle visite di controllo e quindi alla reperibilità a casa durante gli orari previsti?
    Grazie

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube