Business | Articoli

La riduzione del capitale sociale nelle S.r.l.

7 Ottobre 2013 | Autore:
La riduzione del capitale sociale nelle S.r.l.

La riduzione del capitale di una società a responsabilità limitata può essere volontaria (e in tal caso non necessita di motivazione) o in presenza di perdite che abbiano ridotto il patrimonio netto.

 

I soci di una S.r.l. possono deliberare una riduzione del capitale sociale volontaria o necessitata dalla presenza di perdite. In ogni caso il capitale sociale non può essere ridotto al punto da risultare inferiore a 10.000,00 euro.

La competenza a deliberare la riduzione spetta all’assemblea dei soci con un quorum deliberativo rafforzato (voto favorevole di almeno la metà del capitale sociale) e non può essere delegata all’organo amministrativo.

Riduzione volontaria del capitale

I soci possono decidere di ridurre il capitale sociale senza dover obbligatoriamente motivare la scelta. Quest’ultima può, infatti, essere dettata da ragioni di mera opportunità e convenienza, anche a prescindere da un’esuberanza del capitale.

La riduzione volontaria può avvenire tramite rimborso ai soci delle quote pagate o mediante liberazione dall’obbligo dei versamenti ancora dovuti.

Il procedimento segue le regole previste per le società per azioni, con l’unica differenza che l’avviso di convocazione dell’assemblea per l’apposita delibera non deve necessariamente indicare i motivi e le modalità di riduzione.

Riduzione per perdite

La società delibera una riduzione di capitale in caso di perdite, cioè quando il valore del patrimonio netto è inferiore al capitale di riferimento.

Il procedimento di riduzione è quello previsto per le S.p.a.

In ogni caso i soci conservano i diritti sociali secondo il valore originario delle rispettive quote.

Inoltre, nel caso di riduzione per perdite di oltre un terzo, l’atto costitutivo può prevedere modalità diverse di comunicazione ai soci della relazione sulla situazione patrimoniale (almeno otto giorni prima dal deposito alla sede sociale) oppure escludere tale obbligo.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube