Diritto e Fisco | Articoli

Successione: divisione eredità in caso di coniugi in comunione dei beni

26 Gennaio 2019 | Autore:


> Diritto e Fisco Pubblicato il 26 Gennaio 2019



Ho letto su un articolo del vostro portale che “in caso di comunione dei beni la divisione tra gli eredi riguarda solo il 50% dei beni stessi, atteso che l’altro 50% spetta di diritto al coniuge in comunione”. Questo significa che nel caso di eredità spettante al coniuge e a due figli, ovviamente in assenza di testamento, supponendo che il valore dell’intero asse ereditario sia pari a 100, al coniuge spetta il 66,66% (50 % perchè in comunione oltre ad 1/3) e ai due figli 1/3 (16,66%) ciascuno?

La tematica delle successioni esula dal campo della scelta dei coniugi sulla comunione o separazione dei beni matrimoniali.

Per la legge ciò che conta è il fatto che, una volta convolati a nozze, i coniugi formano una famiglia e, quindi, una parentela, a prescindere dal tipo di regime patrimoniale prescelto.

Quello che intendeva dire l’articolo è che nel caso di scelta della comunione dei beni, ciò che è stato acquistato dai coniugi successivamente al matrimonio è da ritenersi di proprietà di entrambi, per metà ciascuno, ma non che l’eredità riguarderà solo il 50% dei beni del defunto.

Infatti, esistono tutta una serie di beni di proprietà del defunto, quali quelli acquistati prima del matrimonio, così come anche i beni ereditati o ricevuti in donazione dallo stesso dopo il matrimonio che non ricadono nella comunione dei beni e rimangono di proprietà esclusiva del coniuge intestatario: in questo caso, questi beni ricadranno nella successione con gli altri eredi e al coniuge superstite non spetterà a prescindere la metà degli stessi.

Detto ciò, nel caso di successione legittima di un coniuge e due figli, in assenza di testamento, spetterà sia al coniuge superstite che ai due figli la porzione di 1/3 ciascuno dell’eredità.

Quando detto è statuito dall’art.581 del codice civile che testualmente recita: “quando con il coniuge concorrono figli, il coniuge ha diritto alla metà dell’eredità, se alla successione concorre un solo figlio, e ad un terzo negli altri casi”.

Esistendo nel caso di specie due figli, s’applicherà la regola per cui tutti concorreranno per 1/3. In aggiunta, al coniuge superstite spetterà per legge il diritto di abitazione sulla casa coniugale.

Facendo un esempio di scuola, se il coniuge defunto avesse avuto questo asse ereditario:

– un immobile acquistato prima del matrimonio,

– un conto corrente cointestato con novanta mila euro di giacenza, allora la successione legittima dovrebbe espletarsi in questo modo:

– il coniuge potrebbe trattenere la metà del conto corrente perché già di sua proprietà, oltre la casa familiare in assegnazione e 1/3 del residuo del conto corrente (15mila euro) e un 1/3 dell’immobile;

– ai due figli andrebbero 15mila euro ciascuno e gli altri 2/3 dell’immobile ereditato.

Articolo tratto dalla consulenza resa dall’avv. Salvatore Cirilla


scarica gratis il tuo contratto su misura

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA