Business | Articoli

Case in vendita a 1 euro: ecco dove

10 Novembre 2017
Case in vendita a 1 euro: ecco dove

In Italia è possibile comprare casa pagandola solo 1 euro: vediamo perché ed in quali Comuni

Sapevate che in Italia è possibile comprare casa a 1 euro? Si, avete letto bene: in molte parti di Italia è possibile acquistare un appartamento pagandolo solo un euro. Non è uno scherzo, ma quanto hanno previsto alcuni Comuni al fine di frenare l’effetto “spopolamento” o peggio l’effetto “abbandono”. L’obiettivo è fare in modo che i nuovi proprietari diano una “nuova vita”  agli immobili ed ai luoghi in cui essi sono ubicati. Si tratta di borghi e paesini bellissimi, verrebbe da dire quasi poetici, ma purtroppo con sempre meno abitanti, o popolati da persone sempre più anziane. La verità è che oltre 5000 Comuni italiani stanno letteralmente morendo. Ed è un vero peccato. Da tutto il mondo “invidiano” i nostri borghi, pregni di storia, di cultura e parte della nostra identità nazionale. Per porre un argine a questo fenomeno gravissimo, molte case verranno vendute alla cifra simbolica di 1 euro. Vediamo dove e cosa prevede questo progetto.

Case a 1 euro: ecco dove

Ecco l’elenco dei Comuni dove si possono acquistare case a un euro:

  • Gangi (Palermo), Sicilia: nel 2014 Gangi è stato eletto il borgo più bello d’Italia. Eppure il centro storico di questo affascinante paesino siciliano, con lo scorrere del tempo, ha vissuto un vero e proprio abbandono.
  • Salemi  (Trapani), Sicilia: ove un’analoga iniziativa è stata presa nel 2008 dall’allora sindaco Vittorio Sgarbi.
  • Regalbuto (Enna), Sicilia.
  • Patrica (Frosinone), Lazio.
  • Fabbriche di Vergemoli (Lucca), Toscana.
  • Montieri, (Grosseto), Toscana.
  • Ollolai (Nuoro), Sardegna.
  • Nulvi (Sassari), Sardegna.
  • Carrega Ligure (Alessandria), Piemonte.
  • Lecce nei Marsi (Aquila), Abruzzo.

Case a 1 euro: cosa prevede il progetto

Il progetto riguarda abitazioni molto vecchie, a volte anche fatiscenti, abbandonate o a cui i proprietari rinunciano perché impossibilitati a ristrutturarle o semplicemente perché vivono altrove. Il Comune, una volta ottenuta la disponibilità da parte dei proprietari di queste case, le fa rientrare in questo progetto, inserendole all’interno di un apposito bando e offrendole a chi è interessato al costo simbolico di 1 euro. In cambio però si richiede l’impegno, in tempi che variano da sei mesi a tre anni, di ristrutturarle a spese proprie. Chi decide di acquistare casa a 1 euro, dunque, deve prevedere un progetto di ristrutturazione e rivalutazione della casa, sostenere le spese notarili per la registrazione, le volture e l’accatastamento e deve impegnarsi a far partire i lavori dal momento dell’ottenimento di tutti i permessi.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

8 Commenti

  1. Quanto mi piacerebbe un giorno tornate in Sardegna con mio marito e i nostri ragazzi che crescerebbero e mettetebbero su famiglia, nella nostra terra dovuta abbandonare per cercare lavoro e mio marito a servizio dello stato…

  2. Buongiorno vorrei ricevere maggior informazioni e capire la veriticita’ di questo progetto …visto che sn andata presso una casa comunale e mi e’stato detto che nn c’erano immobili disponibili per meglio dire nn ci sn mai stati.

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube