Diritto e Fisco | Articoli

Come scoprire se Equitalia ha iscritto un’ipoteca sulla nostra casa

22 Marzo 2013 | Autore:
Come scoprire se Equitalia ha iscritto un’ipoteca sulla nostra casa

Equitalia può ipotecare un immobile anche senza la notifica dell’intimazione di pagamento: ecco come il contribuente può verificare se sulla propria casa vi è un’ipoteca.

Ancora una volta ieri 21 marzo, la Corte di Cassazione [1] ha ribadito che l’ipoteca sui beni del contribuente può essere iscritta senza che a questi sia previamente notificata l’intimazione di pagamento. Ne abbiamo già parlato in questo articolo: “Sanate tutte le ipoteche Equitalia senza previa intimazione ad adempiere”.

Pertanto non potendo pretendere di essere avvisati da Equitalia, è meglio che sia il cittadino stesso ad attivarsi per verificare, di tanto in tanto, se sul proprio immobile sia stata iscritta una ipoteca.

Per sapere se su un immobile c’è un’ipoteca, è necessario richiedere un certificato che si chiama “visura ipocatastale” (o ipotecaria).

La visura ipotecaria è, in buona sostanza, una attività di ricerca che permette di determinare se un soggetto, persona fisica o giuridica è intestataria di beni immobili su cui siano iscritte ipoteche volontarie, legali (quelle cioè automaticamente previste dalla legge, come a favore di Equitalia), ipoteche giudiziarie (sentenze, decreti ingiuntivi), citazioni in una causa civile (per contestare la titolarità dell’immobile o chiedere la conclusione di un contratto preliminare per la vendita di un immobile).

È utile richiedere una visura anche prima di acquistare un immobile, per verificare che sia libero da qualsiasi tipo di “peso”.

Tale certificato è rilasciato dalla Conservatoria dei Registri Immobiliari del luogo ove si trova l’immobile (per quelli di recente costruzione possono anche essere chiesti fuori dal Comune di competenza, essendo ormai gli archivi informatizzati).  Si tratta degli uffici dell’Agenzia del Territorio (detti di “pubblicità immobiliare”).

Chiunque può richiedere il certificato, recandosi personalmente presso il relativo sportello oppure rivolgendosi ad una agenzia immobiliare. È necessario fornire gli estremi dell’immobile (particella, ecc.), indicati nell’atto di proprietà.

Anche su internet si trovano siti che effettuano questo servizio a pagamento. In realtà si tratta di un’attività molto semplice e pertanto, a meno di non essere residenti in un luogo assai distante da quello in cui è ubicato l’immobile, è preferibile effettuare la richiesta personalmente per risparmiare i soldi.

Gli importi da pagare allo sportello sono tutt’altro che elevati (circa 30 euro).

Un altro modo per verificare l’esistenza di ipoteche, è quello di chiedere direttamente ad Equitalia un estratto conto, in cui siano indicate le procedure di riscossione nei confronti del debitore. Equitalia è tenuta a rispondere perché, pur non trattandosi di una amministrazione, è obbligata a consentire al cittadino il cosiddetto “accesso agli atti amministrativi” (ne avevamo già parlato in questo articolo: “Accesso agli atti e documenti: si può pretendere da Equitalia?”)

Ecco un esempio di visura ipotecaria a questo link



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

1 Commento

  1. Per verificare l’esistenza o meno di un’ipoteca legale, ossia quella iscritta da EQUITALIA SpA, o di altra natura (ipoteca volontaria e giudiziale), nonchè altre formule, sequestro conservativo, pignoramento immobiliare, domanda giudiziale ed anche eventuale vendita, è necessaria una “visura ipotecaria” che viene effettuata da qualsiasi ufficio dell’Agenzia del Territorio, Servizio di Pubblicità Immobiliare, che, fornendo il proprio nominativo, fornisce un elenco sintetico (lo stesso da Lei indacato nel “link”), il cui costo è di € 7,00, comprensivo di n. 30 formsalità e di € 3,50 per ogni successivo blocco di n. 15 formalità ulteriori quelle iniziali. E’ bene precisare che la “visura” (e non il certificato che ha invece costi più elevati) è possibile anche indicando i soli dati catastali dell’unità immobiliare, ma questo servizio è attivo dal 01.01.1997 ad oggi, pertante eventuali gravami esistenti prima di detto periodo non sono indicati. Questo servizio è svolto in tempo reale, ovvero contestualmente alla richiesta da qualiasi ufficio dell’Agenzia del Territorio e per tutto il territorio nazionale, con esclusione delle provincie di Bolzano, Trento, Trieste e, forse, Gorizia, dove vige tuttora il “sistema tavolare”. Cordiali saluti.

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube