Diritto e Fisco | Articoli

Avv. Angelo Greco: illeciti civili e reati su Internet

21 Marzo 2013
Avv. Angelo Greco: illeciti civili e reati su Internet

Privacy, diritto all’oblio, crimini informatici, copyright e diritti d’autore, contratti di e-commerce: il mondo di internet ha regole speciali a cui diventa sempre più difficile stare dietro se non si è costantemente aggiornati. Ne parla l’avv. Angelo Greco nel corso di alcune interviste televisive.

Che internet vanti un mondo di regole a se stanti, lo dimostra il fatto che spesso le pubbliche amministrazioni, i tribunali e gli operatori economici, quando hanno a che fare con il web, “navigano” nel buio, tra luoghi comuni e “sentito dire”.

Ricorrenti sono gli abbagli, come nel caso dei dieci Comuni italiani che hanno pubblicato, sui propri siti istituzionali, le notizie relative al TSO di alcuni cittadini, ledendone vergognosamente la privacy; o come nel caso del Tribunale di Milano che ha condannato i dirigenti di Google per alcuni video illeciti caricati dagli utenti sul noto portale YouTube, in barba al principio della net neutrality; o come le clausole vessatorie dei contratti di e-commerce imposti sul web agli sprovveduti consumatori, tutte nulle per mancanza della sottoscrizione scritta.

Ma c’è anche di peggio. La violazione del diritto all’oblio operata dalle società di due intelligence o l’abuso del diritto da parte dell’industria dei contenuti quando in gioco c’è il diritto d’autore.

Internet è tutt’altro che un’astrazione e le norme del futuro saranno scritte avendo come principale riferimento la loro applicazione sulla realtà telematica.

Di questo si è spesso occupato l’avv. Angelo Greco, del foro di Cosenza. Ecco quindi alcune interviste rilasciate dall’Avv. Greco, nelle quali fa chiarezza su tutti questi temi.

 



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube