Diritto e Fisco | Articoli

Autovelox della polizia municipale: su quali strade?

17 Dicembre 2018


Autovelox della polizia municipale: su quali strade?

> Diritto e Fisco Pubblicato il 17 Dicembre 2018



Multa per eccesso di velocità: la competenza territoriale dei vigili urbani in materia di posizionamento dell’autovelox.

Percorrendo una strada statale che attraversa, da un lato all’altro, il Comune in cui vivi sei stato fotografato da un autovelox. L’apparecchio era stato posizionato dalla polizia municipale poche ore prima del tuo passaggio. Dopo qualche settimana ti è arrivata a casa la multa con una raccomandata a.r. e da lì hai potuto constatare che i vigili urbani si sono effettivamente appostati su un tratto di viabilità non rientrante tra quelli di proprietà del Comune. La tua speranza è di poter impugnare la contravvenzione per “incompetenza territoriale”; a tuo avviso, infatti, la polizia municipale non può elevare verbali al di là del territorio di propria appartenenza, sia che si tratti di un altro Comune, che di una strada regionale, provinciale o statale. Prima di impugnare la multa davanti al giudice di pace, per evitare di fare un buco nell’acqua e magari essere costretto a pagare anche le spese processuali, ti informi da un avvocato per sapere su quali strade si può trovare l’autovelox della polizia municipale. Ebbene, se il tuo consulente ha letto l’ultima pronuncia della Cassazione [1] emessa in materia di controlli elettronici della velocità, non potrà che fornirti la seguente soluzione.

Autovelox: obblighi di legge

Prima di spiegare se l’autovelox della polizia comunale si può trovare su una strada statale ed, eventualmente, in quali altri luoghi può essere “montato”, ricordiamo come verificare se l’autovelox è regolare.

Innanzitutto il controllo elettronico della velocità deve essere presegnalato con un cartello posto con congruo anticipo rispetto alla postazione, con su scritto «Controllo elettronico della velocità». La macchinetta non può trovarsi oltre 4 chilometri dal predetto cartello.

Nessuna multa in città se, dopo la foto dell’autovelox, il conducente non viene fermato dalla polizia

La segnaletica con l’avviso deve essere facilmente visibile e non oscurata da altri cartelli o dalla vegetazione, né può trovarsi subito dopo una curva a gomito.

L’autovelox deve essere sempre sottoposto a collaudo all’atto del suo primo utilizzo. Di esso deve essere conservato il certificato che il cittadino ha il diritto di visionare.

L’autovelox deve essere poi sottoposto, almeno una volta all’anno, a taratura (se usato in autostrada, la taratura deve avvenire in un autodromo).

Il verbale deve indicare gli estremi del collaudo e la data dell’ultima taratura al fine di consentire al conducente il controllo del regolare utilizzo dell’apparecchio; senza tale specifica il verbale è nullo.

Se l’autovelox è posizionato in città, il conducente deve essere necessariamente fermato nell’immediatezza dall’agente, onde potersi difendere e presentare le eventuali giustificazioni verbali.

Se il verbale non indica la data dell’ultima taratura la multa è nulla

Se l’autovelox è posizionato fuori dal centro urbano, e in particolare su strade extraurbane secondarie o su strade urbane a scorrimento, la multa è valida anche se non c’è stata la contestazione immediata (con l’alt intimato al conducente) a patto però che: a) un decreto del Prefetto abbia esonerato quella specifica tratta dall’obbligo della contestazione immediata; b) il verbale della polizia indichi gli estremi del decreto prefettizio; c) il verbale della polizia spieghi per quale ragione, sulla strada in questione, non è possibile fermare il conducente.

Sulle strade extraurbane principali e sulle autostrade, la contestazione può sempre essere differita anche senza il provvedimento del Prefetto.

Su quali strade si può trovare l’autovelox della polizia comunale?

A detta della Cassazione la polizia municipale può posizionare l’autovelox su qualsiasi strada all’interno dei confini del Comune, anche se detta strada è di proprietà dello Stato o della Provincia. A parte, infatti, le autostrade non ci sono infatti limiti alla competenza operativa della polizia locale nell’ambito del proprio territorio comunale.

Risultato: la pattuglia della polizia municipale può elevare multe o installare un autovelox, fisso o mobile, anche sulle strade statali che si trovano all’interno dei confini del Comune di propria competenza.

note

[1] Cass. ord. n. 24209/18 del 4.10.2018.


scarica gratis il tuo contratto su misura

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA