Diritto e Fisco | Articoli

Mediazione tributaria obbligatoria: aumentano i casi

25 Marzo 2013 | Autore:
Mediazione tributaria obbligatoria: aumentano i casi

Anche in materia d’imposta e tasse ipotecarie, tributi speciali catastali, oneri e relative sanzioni è prevista la mediazione tributaria.

 

Un recente Decreto Legge [1] ha previsto l’incorporazione dell’Agenzia del Territorio nell’Agenzia delle Entrate, con delle specifiche conseguenze per il contribuente che intende difendersi in sede giudiziaria.

Dal 1° dicembre 2012, l’Agenzia delle Entrate esercita, infatti, le funzioni e i compiti già svolti dall’Agenzia del Territorio, compresi i relativi rapporti giuridici attivi e passivi, anche processuali.

Ne consegue che tutte le norme processuali che riguardano l’Agenzia delle Entrate estendono la propria applicazione anche per gli atti emessi dall’Agenzia del Territorio, e quindi anche quanto previsto in tema di mediazione tributaria [2] che trova applicazione esclusivamente per gli atti dell’Agenzia delle Entrate. Chi intende proporre ricorso avverso i ruoli emessi dagli Uffici Provinciali-Territorio dell’Agenzia delle Entrate (si tratta dei nuovi uffici che hanno sostituito l’Agenzia del Territorio), successivamente al 1° dicembre 2012, è tenuto preliminarmente a presentare istanza di reclamo-mediazione; la mediazione tributaria non si applica, invece, alle controversie concernenti i ruoli emessi dagli Uffici Provinciali dell’Agenzia del Territorio fino al 30 novembre 2012, anche se la cartella di pagamento è stata notificata dopo il 1° dicembre 2012.

Il procedimento di reclamo-mediazione [2] è un mezzo, previsto a pena di inammissibilità del ricorso, con il quale l’Amministrazione finanziaria intende risolvere le questioni fiscali con i contribuenti in via amichevole e senza ricorrere alle Commissioni Tributarie, attraverso una sorta di procedimento amministrativo interno sottoposto al vaglio degli uffici legali dell’Agenzia delle Entrate.

L’Agenzia delle Entrate ha elencato [3] quali sono gli atti, emessi dai nuovi Uffici Provinciali-Territorio, che rientrano nella procedura di mediazione fiscale: 1) avviso di accertamento del tributo; 2) avviso di liquidazione del tributo; 3) provvedimento che irroga le sanzioni; 4) ruolo; 5) rifiuto espresso o tacito della restituzione di tributi, sanzioni pecuniarie e interessi o altri accessori non dovuti; 6) diniego o revoca di agevolazioni o rigetto di domande di definizione agevolata di rapporti tributari; 7) ogni altro atto per il quale la legge prevede l’autonoma impugnabilità.


note

[1] D.L. n. 95/2012.

[2] D.lgs. 546/92 art. 17-bis.

[3] Circolare n. 49/T del 28 dicembre 2012.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube