Business | Articoli

Inps: dove vedere i contributi versati

14 giugno 2018


Inps: dove vedere i contributi versati

> Business Pubblicato il 14 giugno 2018



Contributi versati: vediamo di seguito cos’è  l’estratto conto contributivo e dove può essere consultato dal lavoratore

Capita di frequente che il lavoratore si interroghi riguardo al raggiungimento dei requisiti pensionistici e al relativo calcolo della pensione. La curiosità di sapere quanto manca alla pensione o se il datore di lavoro sta pagando regolarmente i contributi che servono per andare in  pensione, prima o poi viene a tutti. In proposito, dunque, operazione imprescindibile è la verifica della propria  situazione contributiva  e dei contributi versati. Vediamo allora cos’è l’estratto conto contributivo e dove e come è possibile consultarlo.

Contributi: cosa sono

Nel momento in cui veniamo assunti o cominciamo a lavorare come lavoratori autonomi, iniziamo ad essere “messi in regola” o ci mettiamo in regola soli se siamo dei lavoratori autonomi. Iniziamo, cioè, ad accumulare una quantità di versamenti obbligatori, calcolati su una percentuale della nostra retribuzione e pagati dal nostro datore di lavoro al nostro ente previdenziale (colui che poi ci erogherà la futura pensione): si tratta dei cosiddetti contributi previdenziali, che vengono versati in parte dal nostro datore di lavoro e in parte trattenuti dal lordo della nostra busta paga e che concorrono ai fini del calcolo contributivo per la nostra pensione.

I contributi possono essere:

  • previdenziali, vale a dire versati e accumulati ai fini della pensione;
  • assistenziali, cioè versati a Inps o Inail come copertura assicurativa in caso di malattia o infortuni sul lavoro.

Estratto conto contributivo: cos’è

L’estratto conto contributivo è il documento nel quale vengono elencati tutti i contributi, in favore del lavoratore, che vengono effettuati all’Inps oppure nelle varie casse previdenziali di competenza. I contributi possono essere versati dal lavoratore stesso in via autonoma o dai propri datori di lavoro. Tutta questa quantità di contributi che accumuliamo va a finire in un cassetto previdenziale, ove sono raccolti in un fascicolo ordinato e cronologico.  L’estratto conto contributivo, dunque, non è altro che il riepilogo dei versamenti da lavoro. Si tratta, in sostanza, di un documento in cui vengono raccolti e riepilogati tutti i contributi che i datori di lavoro che abbiamo avuto ci hanno versato o che abbiamo versato noi stessi. Vengono, infatti, presi in considerazione tutti i nostri periodi lavorativi, ovviamente quelli con contratti in regola. È  inoltre il documento che ci serve per fare il calcolo della pensione che prenderemo.

Estratto conto contributivo: a che serve

L’estratto conto contributivo consente ai lavoratori di verificare la regolarità dei contributi versati all’Inps o nelle altre casse previdenziali di competenza. Qualora il lavoratore dovesse riscontrare eventuali discordanze potrà presentare apposita segnalazione all’Inps o altro ente. Il lavoratore che, oramai prossimo alla pensione, desideri ricevere un’attestazione analitica della posizione assicurativa, dovrà richiedere alle sedi Inps l’estratto conto certificativo. L’attestazione contenuta in tale documento ha valore legale.

Estratto conto contributivo: cosa riporta

L’estratto conto contributivo riporta i dati anagrafici del lavoratore, nonché i versamenti previdenziali. Questi ultimi sono contenuti in una tabella e sono suddivisi in:

  • periodo di riferimento;
  • tipologia di contributi (da lavoro dipendente, artigiano, commerciante, sportivo professionista, autonomo occasionale, servizio militare ecc.);
  • contributi utili sia per il calcolo della pensione che per il raggiungimento del diritto, espressi in giorni, settimane o mesi;
  • reddito retribuzione;
  • riferimenti del datore di lavoro;
  • eventuali note riportate alla fine dell’estratto.

Estratto conto contributivo: dove si consulta

Il lavoratore può consultare il proprio estratto conto contributivo in modo abbastanza agevole. Online, infatti, vi è un servizio a ciò dedicato. Basterà, pertanto, accedere al sito dell’Inps e inserire il proprio codice Pin (sul punto leggi la nostra giuda: Come ottenere Pin dell’Inps? ). In tal modo il lavoratore verrà riconosciuto nel portale Inps e potrà visualizzare l’elenco dei contributi versati sulla sua posizione assicurativa.

Il lavoratore può consultare il proprio estratto conto contributivo anche tramite:

  • contact center al numero803 164 (gratuito da rete fissa) oppure 06 164 164 (da rete mobile a pagamento);
  • enti di patronato e intermediari dell’Inps, attraverso i servizi telematici offerti dagli stessi.

Come controllare i contributi versati

Ci sono, dunque, diversi modi per controllare l’estratto conto e vedere i contributi versati:

  • Andando dal sindacato o patronato e affidarci a loro. L’impiegato poi si occuperà di fare richiesta all’Inps;
  • Telefonando al Contact center dell’Inps;
  • Effettuando la richiesta estratto conto contributivo online.

Per accedere alla richiesta estratto conto online è sufficiente:

  • verificare se si è in possesso del codice Pin dispositivo, cioè quel codice che oggi serve non solo per consultare documenti, ma per richiedere prestazioni all’Inps. Se non si è in possesso occorre richiederlo.
  • accedere all’area dedicata ai servizi online del portale Inps e inserire la proprie credenziali: codice fiscale e codice Pin.

Una volta entrati nell’area riservata è possibile consultare i contributi cliccando dal menu a sinistra sul link “Fascicolo previdenziale del cittadino“. Se avete contributi versati in gestioni diverse, il vostro estratto conto sarà suddiviso in diverse schede selezionabili, cliccandoci sopra.

Contributi versati: per chi è disponibile il servizio online?

Il servizio online che permette di visualizzare l’estratto conto contributivo è disponibile:

  • per i dipendenti del settore privatoe per i lavoratori autonomi;
  • per gli iscritti alla gestione separata;
  • per gli iscritti al fondo clero;
  • per i lavoratori dello spettacolo;
  • per gli sportivi professionisti.

Il servizio  online non è ancora disponibile per tutti gli iscritti alla Gestione dipendenti pubblici, in quanto è, allo stato attuale, in via di sperimentazione su un campione di 1milione di assicurati.

note

Autore Immagine: Pixabay.com

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI