Diritto e Fisco | Articoli

Tirare una persona per un braccio: conseguenze legali

20 Dicembre 2018


Tirare una persona per un braccio: conseguenze legali

> Diritto e Fisco Pubblicato il 20 Dicembre 2018



Trascinare o strattonare una persona, senza farle male, costituisce reato anche se la vittima può reagire?

Privare qualcuno della sua libertà di movimento è un reato. Siamo tutti portati giustamente a pensare che chiudere una persona in una camera, contro la sua volontà, o legarla per le mani e i piedi integra un illecito penale di particolare serietà. Ma questo principio – di logica comune prima ancora che giuridica – vale in tutti i suoi gradi, dal più lieve al più grave. Resta però condizione essenziale che la vittima non abbia via di scelta, non possa cioè sottrarsi alla violenza. Per capire come questa regola possa avere enormi effetti sulla vita di tutti i giorni e comprendere magari quali possono essere le conseguenze legali del tirare una persona per un braccio, immaginiamo questa scena. 

Due fidanzati litigano. Lei, ormai esasperata, gli dice che non vuole più vederlo e che intende lasciarlo per sempre. Lui non se ne fa una ragione e pretende spiegazioni. Per tutta risposta la ragazza gira i tacchi e se ne va. L’uomo non si dà pace, la raggiunge, le chiede di potersi chiarire ma, non ricevendo risposta, per evitare sceneggiate in mezzo alla strada, l’afferra per un braccio e la trascina in un vicolo cieco per parlarle. Il braccio di lei si fa rosso per la pressione ma non riporta lividi o conseguenza alcuna. Ciò nonostante la giovane decide di querelare il suo ex partner. Può farlo? 

Facciamo un altro esempio. Ritorniamo alla stessa scena di prima. In questo caso, però, il litigio animoso si consuma in auto, nei pressi di un parcheggio. Lei, offesa, apre lo sportello per uscire dall’abitacolo ma il conducente la tira dal braccio per trattenerla. Una volta costretta a sedersi nuovamente sul sedile mette in modo l’auto per non farla più scendere. La sicura però resta aperta: sicché lei, volendo, potrebbe comunque aprire la portiera. Cosa si rischia in quest’altra situazione per aver strattonato una persona?

È stata la Cassazione a dare, di recente, la risposta al quesito in commento [1]. I due esempi rappresentano, almeno da un punto di vista legale, la medesima situazione: la privazione dell’altrui volontà avvenuta con l’uso della violenza. Attenzione però a non cadere in errore: per «violenza» non bisogna necessariamente pensare a un’azione che provochi lesioni sul corpo della vittima o segni evidenti. La violenza si attua tutte le volte in cui si costringe il soggetto passivo del reato a subire la volontà altrui pur non intendendo sottomettervisi. Accelerare l’andatura per evitare che il passeggero scenda dall’auto oppure afferrare e tirare una persona per un braccio affinché questa sia costretta a seguire il suo “aggressore”, sia pure per un pacifico chiarimento, sono condotte che integrano il reato di violenza privata. 

Il codice penale [2], nel definire tale illecito penale, è del resto molto generico: «Chiunque, con violenza o minaccia, costringe altri a fare, tollerare od omettere qualche cosa è punito con la reclusione fino a quattro anni». E non importa se chi agisce lo fa per tutelare un proprio diritto (si pensi al creditore che strattona il debitore per farsi pagare un debito): a nessuno è ammesso difendersi da solo, a meno che ovviamente non voglia rispondere poi dell’ulteriore reato di «esercizio arbitrario delle proprie ragioni». Secondo la Cassazione [3], la violenza consiste in qualsiasi uso della forza fisica e di qualsiasi mezzo, esclusa la minaccia, idoneo a esercitare una coazione della libertà della vittima. La minaccia invece consiste nel prospettare  un male futuro ingiusto, il cui verificarsi dipende dalla volontà del soggetto agente (non è minaccia dire «Spero che tu muoia», oppure «Ti lancio il malocchio»).

Dunque, se anche è difficile accettare la fine di una relazione ed è anche legittimo pretendere delle spiegazioni dall’ex partner, la richiesta deve sempre avvenire con modi “urbani” e non come una pretesa a cui è dura dire no. Se la richiesta di chiarimenti è caratterizzata anche da un comportamento aggressivo, che ignora la volontà contraria della vittima, e anzi la spinge ad accettare la propria, allora è logico parlare di violenza privata. Per questo comportamento si scontano fino a quattro anni di reclusione. 

Le implicazioni pratiche della violenza privata si possono trovare in numerosi altri comportamenti che, spesso, nella vita di tutti i giorni siamo abituati a tollerare e, seppur con difficoltà, a perdonare. È violenza privata ad esempio chiudere il passaggio con l’auto dimodoché un’altra non possa entrare o uscire dal proprio passaggio (un garage, un parcheggio, l’uscita da un cancello, ecc.). È altresì violenza privata la condotta di chi parcheggia a filo con una macchina adiacente tanto da impedire al conducente di aprire lo sportello per scendere, costringendolo a una difficoltosa manovra all’interno dell’abitacolo per portarsi sul sedile del passeggero (non tutti sono in grado di farlo, specie le persone di corporatura robusta o quelle anziane). È stato, ad esempio, chiarito dalla giurisprudenza [4] che, ai fini della configurabilità del delitto di violenza privata, è sufficiente qualsiasi comportamento o atteggiamento intimidatorio o violento dell’agente che, avuto riguardo alle condizioni ambientali in cui il fatto si svolge, e suscitando la preoccupazione di subire un danno ingiusto, sia idoneo ad eliminare o ridurre sensibilmente nel soggetto passivo la capacità di determinarsi ed agire secondo la propria volontà, indipendente, inducendolo a fare, tollerare o omettere qualcosa. Nel caso di specie il prevenuto bloccava la vittima all’interno della propria autovettura, sottraendole la carta di circolazione al fine di ricattarla ed indurla a cedere alla sue richieste. Orbene, appare evidente come una tale condotta appaia idonea a condizionare la volontà della vittima, impedendole di autodeterminarsi e di allontanarsi con la sua auto come era in procinto di fare prima di essere avvicinata dal prevenuto che va condannato per la fattispecie ascrittagli.

Ed ancora, chi afferra la vittima e tenta di condurla all’interno propria auto con forza, pur non riuscendovi a causa della ferma opposizione della persona offesa, commette comunque il reato di violenza privata. Ed invero la violenza richiesta ai fini del delitto di violenza privata consiste in una energia fisica che può esercitarsi sulle persone al fine di costringere esse a fare, tollerare o ad omettere qualche cosa. La condotta, in ogni caso, può essere realizzata con i mezzi più diversi e la sua idoneità va valutata anche in rapporto alle condizioni fisiche e psichiche del soggetto passivo che si intende privare della sua capacità di autodeterminazione. Ad esempio, la stessa pressione sul braccio può essere determinante a far scattare il reato se la vittima è un bambino o una persona anziana, ma del tutto ininfluente su una persona di grossa corporatura [5].

Qualora una tale costrizione non si sia verificata per fatto indipendente dalla volontà del colpevole è configurabile il tentativo di violenza privata. L’afferrare per un braccio, dunque, una giovane minorenne allo scopo di introdurla all’interno di un’autovettura da parte di un soggetto adulto, volitivo e fisicamente dominante, integra senz’altro il delitto in considerazione, avendo la condotta indubbiamente messo in pericolo il bene giuridico protetto dalla norma incriminatrice.

note

[1] Cass. sent. n. 57431/18 del 19.12.2018.

[2] Art. 610 cod. pen.

[3] Cass. 7.6.2010, n. 21559; Cass. 26.3.2010, n. 11907.

[4] Trib. Bari, sent. n. 81/2015.

[5] Trib. Cassino, sent. n. 433/2011.

Corte di Cassazione, sez. V Penale, sentenza 27 settembre – 19 dicembre 2018, n. 57431

Presidente Fumo – Relatore Stanislao

Ritenuto in fatto

1 – Con sentenza del 6 aprile 2016, la Corte di appello di Lecce, in parziale riforma della sentenza del locale Tribunale, assolveva Lu. Fi. dai delitti ascrittigli ai sensi degli artt. 614 e 594 cod. pen., rispettivamente perché il fatto non sussiste e perché non è previsto dalla legge come reato, confermandone la condanna per il solo reato punito dagli artt. 56 e 610 cod. pen., per avere, il 6 dicembre 2008, afferrato per un braccio Gi. To., con la quale aveva intrattenuto una relazione sentimentale, al fine di costringerla, mentre erano entrambi all’interno di una discoteca, a recarsi con lui nel locale riservato ai fumatori.

La Corte territoriale aveva fondato il suo giudizio muovendo dalla ricostruzione dei fatti offerta dalla persona offesa, la cui attendibilità era confermata dal suo costrutto, logico e coerente, privo di significative contraddizioni.

L’assoluzione dell’imputato dall’ipotizzato delitto di violazione di domicilio era derivata dalla considerazione che il prevenuto, in quella occasione, non aveva inteso penetrare nell’abitazione della To. contro la sua volontà ma solo ottenere una spiegazione per l’interruzione della relazione, voluta dalla donna.

2 – Propone ricorso l’imputato, a mezzo del suo difensore, articolando le proprie censure in tre motivi.

2 – 1 – Con il primo deduce la violazione di legge ed il vizio di motivazione in relazione all’elemento psicologico del delitto, tentato, di violenza privata.

La ricostruzione offerta dalla persona offesa, infatti, era contraddittoria non avendo ella affatto chiarito la ragione per cui l’imputato avrebbe inteso costringerla a recarsi nella sala fumatori. La stessa poi aveva ammesso che il Fi., quando non vi era riuscito, si era limitato a schiaffeggiarla e ad allontanarsi. Una ricostruzione che presentava anche chiari caratteri di illogicità.

2 – 2 – Con il secondo motivo lamenta l’omessa valutazione della totale incapacità di intendere e volere del ricorrente al momento del fatto posto che si era accertato che, solo con la terapia farmacologica, Fi. riusciva a mantenere una condotta corretta.

2 – 3 – Con il terzo motivo lamenta la violazione di legge ed il difetto di motivazione in ordine alla mancata concessione delle circostanze attenuanti generiche ed alla misura della pena.

Si trattava di questioni sottoposte al vaglio della Corte territoriale con distinti motivi di appello: non si erano individuate nel dettaglio le diminuzioni conseguenti all’applicazione degli artt. 56 ed 89 cod. pen..

3 – Il difensore della parte civile ha depositato memoria con la quale chiede che venga dichiarata l’inammissibilità del ricorso perché i motivi che lo sorreggono sono dedotti in fatto, difettano di specificità e il ricorso medesimo non è autosufficiente non essendo state allegate le integrali dichiarazioni dei testimoni citati.

Considerato in diritto

Il ricorso promosso nell’interesse di Lu. Fi. è manifestamente infondato.

1 – Il primo motivo è interamente versato in fatto e non tiene conto che non rientra nei poteri della Corte di cassazione quello di una “rilettura” degli elementi di fatto posti a fondamento della decisione, la cui valutazione è, in via esclusiva, riservata al giudice di merito, senza che possa integrare il vizio di legittimità la mera prospettazione di una diversa, e per il ricorrente più adeguata, valutazione delle risultanze processuali (per tutte: Sez. Un., 30/4-2/7/1997, n. 6402, Dessimone, Rv. 207944; tra le più recenti: Sez. 4, n. 4842 del 02/12/2003 – 06/02/2004, Elia, Rv. 229369).

La Corte territoriale, con motivazione priva di manifesti vizi logici, aveva osservato come la ricostruzione dei fatti offerta dalla persona offesa non avesse trovato smentita in alcuna delle ulteriori emergenze di causa e come la stessa fosse dotata di coerenza e logicità, illustrando le condotte del prevenuto che cercava, in vari modi (e, quindi, anche cercando di condurla nella sala fumatori della discoteca), di ottenere dalla stessa spiegazioni per la fine della loro relazione a cui, evidentemente, non si era rassegnato.

L’assoluzione del prevenuto dal delitto di violazione di domicilio non intaccava l’attendibilità della persona offesa perché era discesa dalla interpretazione, e non dalla smentita, del portato delle sue dichiarazioni: Fi. aveva bussato violentemente alla porta dell’abitazione della To. non per entrare nella stessa contro la sua volontà ma, ancora, per ottenere le ridette spiegazioni.

2 – Anche il secondo motivo, sulla presunta incapacità totale del ricorrente di intendere e volere al momento del commesso reato, è inammissibile perché dedotto in fatto e formulato su presupposti ipotetici: che Fi., quel giorno, non avesse assunto la terapia farmacologica.

La Corte territoriale aveva poi deciso sul punto condividendo le conclusioni del perito ed è argomento che, nella censura difensiva, neppure si affronta.

3 – Il terzo motivo è anch’esso manifestamente infondato posto che la diminuzione della pena per il tentativo era stata dalla Corte territoriale, che aveva rideterminato la pena ad esito della parziale assoluzione, incorporata nella misura della pena base (ex plurimis Sez. 3, n. 12155 del 10/11/2016, Di Figlia, Rv. 270353: la determinazione della pena nel caso di delitto tentato può essere effettuata con il cosiddetto metodo diretto o sintetico, ossia senza operare, per l’individuazione della cornice edittale la diminuzione sulla pena fissata per la corrispondente ipotesi di delitto consumato) e, invece, la diminuzione dovuta alla parziale incapacità di intendere e volere era stata espressamente quantificata in mesi tre di reclusione.

4 – All’inammissibilità del ricorso segue la condanna del ricorrente al pagamento delle spese processuali e, versando il medesimo in colpa, della somma di Euro 2.000,00 in favore della Cassa delle ammende, nonché al rimborso delle spese sostenute nel grado dalla parte civile, che liquida in complessivi Euro 1.800, oltre accessori di legge.

Il precedente legame personale fra le parti impone l’oscuramento dei dati identificativi.

P.Q.M.

Dichiara inammissibile il ricorso e condanna il ricorrente al pagamento delle spese processuali e della somma di Euro 2.000,00 in favore della Cassa delle ammende nonché al rimborso delle spese sostenute dalla parte civile, che liquida in Euro 1.800,00 oltre accessori di legge.

Dispone che, in caso di diffusione del presente provvedimento, siano omesse le generalità e gli altri dati identificativi a norma dell’art. 52 d.lgs. n. 196/2003


scarica gratis il tuo contratto su misura

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA