Tech | Articoli

Come bloccare le telefonate moleste

22 Dicembre 2018


Come bloccare le telefonate moleste

> Tech Pubblicato il 22 Dicembre 2018



Quante telefonate moleste ricevi ogni giorno? Il problema si risolve facilmente con l’aiuto della rete e di un’applicazione che può abbattere automaticamente le chiamate non desiderate.

Le telefonate moleste iniziano presto la mattina e finiscono tardi la sera. Ogni giorno devi dire agli operatori di call center che le loro offerte non t’interessano e che stai bene con il tuo gestore di telefonia, gas e luce; poi devi spiegare ai sedicenti impiegati del recupero crediti che non hai mai acquistato una limousine con interni in oro e infine, ricevi anche telefonate burlone. Ti senti bombardato, vero? Ogni giorno la stessa storia, ogni giorno diventi più nervoso. Le telefonate moleste sono un problema molto serio, perché ci fanno perdere tempo e spesso nascondono delle truffe, per cui siamo costantemente sulla difensiva. Quante volte ti sei chiesto/a: come bloccare le telefonate moleste? Esistono modi per opporsi? I modi per opporsi ci sono, grazie alla nuova legge (puoi approfondire qui), ma quel che serve è un rimedio immediato ed efficace. Ti presento un’app geniale che s’installa sullo smartphone e filtra le chiamate, grazie al contributo della community più grande del mondo: quella del web. L’app che blocca le telefonate moleste si chiama “Dovrei Rispondere?” e ha diverse opzioni per il blocco automatico oppure personalizzato. Scopriamo insieme come configurarla al meglio.

Come funziona “Dovrei Rispondere?”

Ogni volta che ricevi una chiamata, il numero è valutato dall’app, in base alle recensioni degli utenti della rete e, in caso di valutazione negativa, viene bloccato automaticamente. L’app si appoggia infatti sul sito web Chi sta chiamando? e tutte le recensioni dei numeri inserite dagli utenti entrano in un grande database, che l’app usa per dirti se un numero è molesto o meno.

Le valutazioni possono essere negativa, positiva o neutra e i numeri che hai memorizzato in rubrica, a meno che tu non intervenga con le impostazioni personalizzate, risultano sempre come positivi. Va sottolineato inoltre, che le tue impostazioni private non confluiscono nel database pubblico e hanno sempre la priorità sulle impostazioni generali e automatiche. Per fare un esempio, se il tuo amico Marco ti chiama insistentemente, puoi inserire il suo numero nella scheda Tue valutazioni e indicarlo come negativo; non riceverai più le sue telefonate, ma il numero di Marco non diventerà di pubblico dominio.

“Devo rispondere?” sul Play Store

L’app è funzionante su tutti gli smartphone Android e si trova sullo Store di Google (per comodità, in coda all’articolo, trovi il link diretto per scaricare l’app dal telefonino).

Per gli iPhone esiste un’app simile, ma ha lo svantaggio di costringere chi la usa a rendere pubblico il proprio numero di telefono sul database su cui si poggia l’applicazione. “Dovrei Rispondere?” invece, protegge la tua privacy. Una volta installata, avrai la tranquillità di essere protetto da telefonate in entrata da parte di molestatori e anche da telefonate in uscita verso numeri a pagamento, sarà sufficiente investire un po’ di tempo nella configurazione guidata.

Le autorizzazioni necessarie

Per configurare correttamente l’app, controlla innanzitutto quale versione di Android hai sullo smartphone. Lo specchietto qui sotto ti aiuta a dare le giuste autorizzazioni.


Il registro delle chiamate

Per funzionare correttamente, l’applicazione deve essere attiva e deve poter accedere alla rubrica e alle informazioni sulla chiamata. In questo modo “Dovrei Rispondere?” sarà in grado di offrirti una protezione totale, senza il rischio che alcune chiamate sfuggano al controllo.

La scheda principale dell’applicazione è Registro. Qui sono elencate le chiamate ricevute e inviate ed è possibile visionare anche quelle che sono state bloccate dall’app. Ogni numero è visualizzato con il prefisso internazionale o con il nome, se questo è memorizzato in rubrica. Le icone colorate a sinistra dei numeri indicano la valutazione e quelle poste a fianco fanno un resoconto delle azioni intraprese per ogni chiamata, secondo la legenda che segue:

Toccando un numero di telefono si apre una scheda che mostra il numero e dà la possibilità di bloccare, chiamare o dare una valutazione personale che, come detto sopra, avrà la precedenza sulle valutazioni del database. Se invece tieni il dito premuto sul numero, si apre un menu con altre azioni possibili, tra cui anche una ricerca sul web, relativa al chiamante.

Le valutazioni personali

Proseguiamo la scoperta di “Dovrei Rispondere?”, con la scheda Tue Valutazioni. La sua importanza è presto spiegata: se è vero che da ora in avanti sarai protetto dalle telefonate moleste, sino ad ora hai sicuramente messo in atto dei trucchi per non rispondere agli scocciatori.

Potresti aver creato sulla rubrica un contatto, nominandolo “non rispondere” o attribuendogli un nome anche meno lusinghiero; o potresti aver memorizzato diversi numeri, attribuendo loro il nome delle società. Tutti questi contatti memorizzati sono considerati Privati dall’applicazione e di conseguenza hanno di default una valutazione positiva che fa passare le chiamate. Per evitare che ciò avvenga, tocca la scheda Tue Valutazioni e poi il segno + e aggiungi i numeri, trascrivendoli o cercandoli nella rubrica, quindi assegna una tua valutazione.

Ricorda di aggiungere il prefisso internazionale e, se hai un amico, un parente o un conoscente un po’ troppo insistente e stai per bloccarlo attraverso questa scheda, ricorda anche di attivare l’opzione Valutazione o numero privato, per non rendere di pubblico dominio il numero. Le valutazioni personali hanno priorità su quelle automatiche.

Come si configura il blocco automatico

Per configurare l’applicazione, tocca la scheda Impostazioni, dove trovi diverse opzioni per personalizzare “Dovrei Rispondere?”. Tra esse c’è la sezione Bloccando, che ha una barra di scorrimento con la quale aumentare o diminuire la sensibilità della protezione. Ci sono tre livelli: Alta, Bassa e Standard.

La sensibilità Alta prevede che basti una sola valutazione negativa della community di “Chi sta chiamando?” per attivare il blocco, aumentando però la possibilità di un falso positivo. Con la protezione Standard sono necessarie tre recensioni negative e infine, con la protezione Bassa ne servono molte di più. Un consiglio utile è attivare in questa scheda l’opzione Icona sulla barra di stato, per essere sicuro che l’applicazione sia attiva e funzionante anche quando il telefono è in stand-by.

Puoi scaricare “Dovrei Rispondere?” qui: App Android: http://bit.ly/DovreiRispondere


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI