Diritto e Fisco | Articoli

Allagamento cantina privata in condominio: chi paga?

27 Dicembre 2018 | Autore:


> Diritto e Fisco Pubblicato il 27 Dicembre 2018



Se si allaga la tua cantina, il tuo box o il tuo garage in condominio, chi paga i danni? Devi rivolgerti al condominio oppure direttamente all’assicurazione?

Come spesso pensi, non si riesce mai a stare tranquillo. Ed infatti, tanto per cambiare si è presentato l’ennesimo problema. Una mattina sei sceso in cantina per prendere le tue cose e l’hai trovata allagata dal liquame fuoriuscito da un pozzetto condominiale, che è tracimato nel tuo locale. Ovviamente hai subito interpellato l’amministratore del condominio, invitandolo a risolvere il problema immediatamente, anche per evitare che accadesse nuovamente questo maleodorante incidente. In effetti, l’amministratore si è subito interessato al dovuto espurgo, ma intanto a te sono rimasti i danni provocati dall’evento descritto: hai dovuto buttare molti oggetti, tra cui anche un costoso trapano irrimediabilmente danneggiato dal liquido che lo ha invaso. Hai la parete della cantina, visibilmente sporca e danneggiata a seguito dell’umidità che ha dovuto assorbire. Ma chi paga i danni in questione? La risposta sembrerebbe scontata, tant’è che hai chiesto conto all’amministratore, ma non hai avuto alcun riscontro a riguardo. Gli hai inviato molte mail e lo hai anche telefonato più volte, ma le risposte che hai ricevuto sono sempre state per lo più evasive. Ed allora ti sei scocciato e ti chiedi: se ho subito un allagamento alla mia cantina privata in condominio, chi paga i danni? Se l’amministratore non risponde alle mie legittime pretese, cosa debbo fare? Posso fare causa al condominio oppure no? Mi conviene agire anche contro l’eventuale assicurazione del condominio?

Allagamento cantina privata: il condominio è responsabile?

Come detto, hai subito un allagamento alla tua cantina privata. Sembrerebbe, inoltre, che il nefasto evento sia dipeso da una negligenza del condominio: infatti non è stato spurgato adeguatamente il pozzetto condominiale e pertanto è successo il fattaccio. Ma perché il condominio sarebbe responsabile? Ebbene devi sapere che il condominio è ritenuto custode dei beni condominiali e che è obbligato ad eseguire sugli stessi la manutenzione ordinaria e straordinaria, tra cui anche gli scarichi fognari, le tubature, ecc. Se dalla cattiva o mancata manutenzione di questi beni dovesse derivare un danno a qualcuno, questi dovrebbe essere risarcito dal condominio responsabile. Si tratta di una conclusione che trova riscontro nella legge [1] e nell’applicazione della stessa ad opera della giurisprudenza prevalente [2]. Tuttavia ti rimane un annoso dubbio: in un caso come quello che mi è successo, se il condominio è responsabile del fatto, in qualche modo lo sarei anch’io, visto che sono un proprietario come tutti gli altri. Ed allora il mio risarcimento sarebbe di conseguenza ridotto? La risposta è negativa e lo dice la Suprema Corte di Cassazione, secondo la quale, il condomino danneggiato deve considerarsi terzo a tutti gli effetti, come se fosse un estraneo. Nel caso di danni derivanti dall’omessa custodia di un bene condominiale, il condomino danneggiato verrebbe risarcito senza alcuna, anche solo parziale, riduzione [3].

Allagamento cantina privata: il risarcimento

Hai subito l’allagamento della tua cantina privata, causato dalla cattiva manutenzione di un bene condominiale. Hai quindi giustamente chiamato l’amministratore affinché provvedesse alla dovuta riparazione, ma non ha fatto nient’altro. Sei rimasto con gli oggetti rovinati dall’acqua e con le pareti della cantina, visibilmente danneggiate: cosa devi fare per avere il risarcimento? Ebbene, lo avrai sicuramente già tempestato di telefonate e di mail, ma la situazione non si è sbloccata. Allora urge una richiesta formale, magari avanzata per il tramite del tuo avvocato di fiducia. Con buona probabilità, l’intervento del legale indurrà l’amministratore a prendere maggiormente sul serio le tue più che legittime pretese. Ma se ciò non dovesse accadere, l’azione legale, cioè la causa contro il condominio, sarebbe la soluzione inevitabile per avere il tuo risarcimento.

Allagamento cantina privata: agisco sull’assicurazione?

Poniamo il caso che l’allagamento della tua cantina privata è stato provocato dalla rottura di una tubatura condominiale. L’amministratore ha provveduto a ripararla immediatamente, ma nulla ha fatto per i danni che hai dovuto subire. Sai che il condominio è regolarmente assicurato e quindi, di fronte all’inerzia dell’amministratore vorresti agire contro l’assicurazione: puoi farlo? La risposta è negativa. Devi sempre ricordarti che il soggetto responsabile del fatto accaduto è solo e soltanto il condominio. è a questi che devi rivolgere la tua legittima richiesta di risarcimento dei danni. Se l’amministratore, opportunamente interpellato, dovesse essere restio a darti qualsivoglia riscontro, così come l’assemblea dei condomini, non puoi che fare causa al condominio. Sarà quest’ultimo, una volta citato in giudizio, a chiamare in causa la propria assicurazione la quale, in base al contratto, provvederà ad indennizzarti se dovesse essere accertata la responsabilità condominiale e se l’evento dovesse rientrare tra quelli assicurati. In conclusione, se sei giustamente convinto delle tue ragioni, scrivi all’amministratore in modo formale (con una raccomandata, con una pec, tramite il tuo legale, ecc) ed attendi la sua risposta. In mancanza potrai sempre fare causa al condominio con un’azione legale dall’esito, molto probabilmente, scontato e positivo.

note

[1] Art. 2051 cod. civ.

[2] Cass. civ. sent. n. 1674/2015

[3] Cass. civ. sent. n. 6665/2009


scarica gratis il tuo contratto su misura

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA