Diritto e Fisco | Articoli

Garanzia auto usate: come funziona?

27 Dicembre 2018 | Autore:


> Diritto e Fisco Pubblicato il 27 Dicembre 2018



Le auto usate sono garantite? Qual è la durata della garanzia auto usate e come si fa ad attivarla? Qual è la garanzia per le auto acquistate presso privati?

Il mercato delle auto usate è sempre più florido: un po’ per via della crisi economica, la quale ha favorito l’acquisto delle più economiche autovetture usate a discapito di quelle di nuova immatricolazione, un po’ perché a volte è possibile fare dei veri e propri affari, le auto di seconda mano che circolano per le strade d’Italia sono sempre di più. Il mercato delle auto usate potrebbe poi subire ripercussioni dall’introduzione della nuova ecotassa auto 2019 e del corrispondente ecobonus, visto che la prima verrà pagata solamente a fronte dell’acquisto di auto nuove immatricolate in Italia, mentre il secondo verrà elargito in maniera più cospicua solo a fronte della rottamazione della propria vecchia auto. Ad ogni modo, una delle preoccupazioni maggiori che affligge il cliente al momento dell’acquisto di un’auto usata è la garanzia: le vetture di seconda mano sono garantite come quelle nuove oppure no? La garanzia è piena oppure ridotta, visto che si tratta di un veicolo vecchio? C’è differenza tra acquisto presso un privato e presso una concessionaria? Se anche tu stai pensando di acquistare un’auto usata e ti stai ponendo questi interrogativi, allora questo è davvero l’articolo che fa per te: ti spiegherò cos’è e come funziona la garanzia auto usate.

Garanzia auto: cos’è?

Prima di parlarti di come funziona la garanzia auto usate, spenderò giusto qualche parola sul funzionamento generale della garanzia auto. Come per la compravendita di qualsiasi prodotto, anche l’acquisto di un’auto è garantita dal venditore. La garanzia consiste nell’obbligo, imposto dalla legge o dal contratto, a carico del venditore di assicurare che il bene oggetto della compravendita sia esente da vizi materiali. In pratica, ciò che compri deve essere funzionante.

Lo stesso vale per la garanzia auto: il venditore deve assicurare al cliente che il veicolo cedutogli sia in buone condizioni, almeno con riferimento alle parti meccaniche (tipo motore e cambio). Il problema della garanzia auto è che essa cambia a seconda che si tratti di auto nuova oppure usata; un’altra distinzione, poi, deriva dalla qualifica dell’acquirente, nel senso che le norme maggiormente garantistiche si applicano solamente all’acquisto effettuato dal consumatore, cioè da colui che compra l’auto per finalità non professionali (senza partita iva, per intenderci). Vediamo cosa dice la legge.

Garanzia auto nuova: cosa dice la legge?

Arriveremo subito a vedere come funziona la garanzia auto usate; ora mi soffermerò brevemente sulla garanzia per le auto nuove. Com’è probabile che tu già sappia, un’auto nuova, cioè una appena acquistata dalla concessionaria, gode di una garanzia di due anni, senza possibilità che il venditore possa ridurla, nemmeno con il consenso del compratore [1].

Perché la garanzia auto possa essere attivata, è necessario che i vizi vengano segnalati al venditore entro e non oltre due mesi dalla loro scoperta: in caso contrario, la garanzia non potrà essere invocata. Sempre secondo la legge, si presume che i difetti di conformità che si manifestano entro sei mesi dalla consegna del bene esistessero già a tale data, a meno che tale ipotesi sia incompatibile con la natura del bene o con la natura del difetto di conformità. Ad esempio, se dopo cinque mesi l’auto nuova presente un guasto al motore, è inutile indagare sulle cause: la legge presume che il vizio preesista all’acquisto; al contrario, un vetro rotto non può essere annoverato tra i vizi dell’autovettura.

Garanzia auto usate: cosa dice la legge?

Contrariamente a quanto tu possa pensare, la garanzia per le auto usate funziona come quella per le auto nuove: anch’essa è pari a due anni, cioè a ventiquattro mesi. C’è però una differenza: il venditore, se c’è l’accordo con la controparte (cioè, con l’acquirente), può ridurre la garanzia auto usate a un anno, cioè a dodici mesi. Quindi, è molto probabile che, andando a sottoscrivere il contratto d’acquisto con la concessionaria, ti sia indicato come durata della garanzia il termine di dodici mesi; se nulla è previsto, vale quello ordinario di ventiquattro mesi.

Al momento dell’acquisto di un’auto usata presso un concessionario, ricorda quindi che la garanzia ti è dovuta per legge, sia che si tratti di veicolo usato che di veicolo nuovo, e che la garanzia non può essere annullata né si può rinunciare spontaneamente ad essa; solamente nel caso di acquisto di auto usate, la garanzia può essere ridotta a dodici mesi.

Garanzia auto usata: se acquistata da un privato?

Il problema della garanzia auto usate è che quanto detto sinora si applica solamente nel caso in cui tu decida di acquistare presso una concessionaria o un rivenditore autorizzato; se, invece, compri un’auto usata da un privato come te, non ti si potranno applicare le norme appena viste contenute nel codice del consumo. Questo perché la garanzia dei due anni si applica solamente a chi acquista l’autovettura per uso proprio presso un soggetto che possa essere definito professionista: nel nostro caso, se la compravendita avviene presso un rivenditore autorizzato.

Al contrario, l’acquisto tra privati viene regolato dalle ordinarie norme del codice civile: il venditore è tenuto a garantire che il bene venduto sia esente da vizi materiali e che, se questi vi sono, devono essere segnalati dall’acquirente entro e non oltre otto giorni dalla scoperta; la garanzia si prescrive nell’arco di un anno [2].

Quindi, la situazione è la seguente:

  • se acquisti, in qualità di consumatore (cioè, per scopi personali, non lavorativi), un’auto usata da una concessionaria, la garanzia è di due anni, con onere di denunciare il vizio entro due mesi dalla scoperta;
  • se acquisti da un privato, la garanzia si prescrive entro un anno, con onere di segnalare il vizio entro otto giorni dalla scoperta.

La vera differenza, però, non è tanto nella durata, quanto nella possibilità, concessa al privato, di escludere la garanzia: il codice civile dice infatti che la garanzia può essere esclusa con l’accordo dell’acquirente, a meno che i vizi non siano stati taciuti in mala fede [3].

Garanzia auto usate: cosa succede?

Cosa succede una volta attivata la garanzia auto usate, cioè una volta segnalato il difetto a chi te l’ha venduta? Anche qui bisogna distinguere:

  • se si applica la disciplina prevista dal codice del consumo (cioè quella più favorevole dei due anni), e quindi hai acquistato l’auto presso una concessionaria, il venditore dovrà riparare il vizio o, in alternativa, sostituire l’auto;
  • se l’acquisto è avvenuto tra privati, invece, hai diritto, a tua scelta, alla risoluzione del contratto (e, quindi, alla restituzione di quanto hai pagato, oltre al risarcimento del danno) ovvero alla riduzione del prezzo in modo proporzionale al difetto che si è manifestato dopo l’acquisto.

note

[1] D. lgs. n. 206/2005 (codice del consumo).

[2] Art. 1495 cod. civ.

[3] Art. 1490 cod. civ.

Autore immagine: Pixabay.com


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI