Diritto e Fisco | Articoli

Su Amazon si può pagare alla consegna?

20 Gennaio 2019 | Autore:


> Diritto e Fisco Pubblicato il 20 Gennaio 2019



Amazon consente il pagamento in contrassegno? Quali sono i metodi di pagamento accettati da Amazon? Si può pagare in contanti?

Anche se non hai mai acquistato online, sicuramente saprai cos’è Amazon: si tratta del più grande negozio virtuale del mondo, fornito di tutti i prodotti di cui hai bisogno. Su Amazon troverai davvero ogni cosa: dal vestiario ai giocattoli, dagli strumenti tecnologici (computer, telefonini, ecc.) agli utensili per la casa, dagli attrezzi da lavoro ai libri, passando per i dischi in vinile, film, alimentari, prodotti per la bellezza e per lo sport. Insomma: se non trovi qualcosa su Amazon, probabilmente è perché non esiste. Acquistare su Amazon è molto semplice: basta visitare il sito internet, sfogliare l’enorme catalogo a disposizione, selezionare la merce, inserirla nel carrello virtuale e procedere al pagamento. Per fare ciò, Amazon chiede che vengano inseriti alcuni dati: le generalità, l’indirizzo per la consegna e il metodo di pagamento, a scelta tra diverse modalità. Amazon ti consente di scegliere tra una vasta gamma di strumenti di pagamento, tra i quali, però, non c’è il pagamento in contrassegno. In pratica, su Amazon non si può pagare alla consegna. Perché? La ragione è abbastanza semplice da intuire: il pagamento in contrassegno è una modalità non propriamente sicura, in quanto l’acquirente potrebbe anche rifiutarsi di dare i soldi al corriere accampando una scusa qualsiasi. Pensa a chi non voglia pagare perché ritiene di non aver ordinato nulla, oppure perché non soddisfatto della merce oppure scontento della consegna tardiva. Alla stessa maniera, Amazon potrebbe anche avere problemi nel ricevere il danaro consegnato al corriere. Per evitare tutti questi problemi, Amazon non accetta il pagamento alla consegna ma solamente quello anticipato, attraverso carta di credito o di debito. In realtà, quanto detto non significa che su Amazon non si possa pagare in contanti, oppure che non esistano in assoluto modi per potere ottenere il pagamento in contrassegno. Se quanto detto sinora ti incuriosisce, allora ti invito a proseguire nella lettura: ti spiegherò se su Amazon si può pagare alla consegna.

Amazon: cos’è?

Prima di spiegarti se su Amazon si può pagare alla consegna, debba dirti di cosa si tratta. Come ti ho anticipato nell’introduzione, Amazon è il più grande store online del mondo: in pratica, è un enorme negozio nel quale puoi trovare e comprare di tutto. Quello che è sufficiente fare è visitare il sito internet, scegliere il prodotto desiderato, selezionarlo, metterlo nel carrello virtuale, inserire i propri dati e pagare: il corriere ti recapiterà direttamente a casa il bene che hai acquistato.

Amazon Prime: cos’è?

Amazon col tempo si è evoluto ed oggi offre ai suoi clienti più fedeli la possibilità di aderire ad un servizio che permette di beneficiare di numerose agevolazioni: parlo di Amazon Prime. Si tratta di una specie di evoluzione del normale Amazon; funziona tutto come ti ho appena descritto, solamente che il cliente Prime gode di alcuni vantaggi a lui riservati, tipo: consegna veloce, sconti dedicati, servizi aggiuntivi (tipo Amazon prime video) e tante altre piccole chicche. Il funzionamento però non cambia: ordinare e pagare la merce desiderata si fa sempre alla stessa maniera.

Come si può pagare su Amazon?

Su Amazon si può pagare alla consegna? Te lo dico subito: prima voglio illustrarti i metodi di pagamento che lo store virtuale mette a disposizione dei clienti. Amazon è molto chiaro nell’individuare le modalità di pagamento accettate: se anche tu vuoi conoscerle, è sufficiente andare sul sito ufficiale e selezionare la voce Metodi di pagamento presente in fondo alla pagina. Una volta cliccato, ti comparirà la pagina dedicata alle transazioni e all’assistenza clienti.

Metodi di pagamento Amazon

Se hai seguito correttamente le mie istruzioni, ti sarà apparsa una pagina ove è illustrata ogni modalità di pagamento che Amazon accetta. Troverai, quindi, tutte le carte di credito utili ad effettuare correttamente una transazione su Amazon: Visa, Visa Electron, CartaSi, Postepay, Mastercard, American Express, Carte prepagate Paypal legate al circuito Visa o Mastercard, Paysafe Card/Skrill legate al circuito Mastercard Maestro Internazionale (emessa all’estero). Accanto alle classiche carte di credito ci sono anche le prepagate, come la Postepay.

Oltre a questi metodi di pagamento, Amazon consente di effettuare le transazioni anche attraverso carte di credito virtuali oppure mediante l’uso dei contanti. Vediamo di cosa si tratta.

Carte di credito virtuali per pagare Amazon

Amazon si può pagare anche mediante carte di credito virtuali. Questo tipo di servizio, offerto da alcune banche, ti consente di ottenere un codice da utilizzare per le transazioni online con un limite di spesa e una scadenza temporale. Le carte virtuali possono essere monouso, cioè possono essere utilizzate solo per una singola operazione, oppure possono essere simili alle carte di credito tradizionali, ma con una durata limitata, che viene determinata nel momento in cui viene richiesto il codice.

Per ogni acquisto online, la tua banca ti fornisce dei codici temporanei “usa e getta” di sedici cifre. Ogni volta che effettui un acquisto attraverso una carta virtuale, dovrai utilizzare il codice per confermare la transazione. Il codice è monouso, può essere cioè utilizzato per una sola transazione. Di solito, il codice viene fornito online dal sito della banca che ha emesso la carta virtuale.

Di conseguenza, pagare Amazon con carta di credito virtuale è facile: al momento del pagamento, è sufficiente inserire il codice di sedici cifre fornito dalla banca ed effettuare la transazione, proprio come si fa quando si inserisce il codice di una carta di credito normale o di una carta prepagata.

Pagare Amazon in contanti: come si fa?

Su Amazon si può pagare in contanti, anche se in modo un po’ particolare. In pratica, è possibile acquistare un codice in uno dei punti vendita aderenti per ricaricare il proprio account Amazon. I codici vengono generati al momento dell’acquisto presso i punti vendita abilitati e stampati sulla ricevuta rilasciata al cliente a fronte del pagamento. I codici sono disponibili nei tagli di 10, 25, 50 e 100 euro.

Una volta acquistato il codice, questo andrà inserito all’interno della propria area personale; per fare ciò, è sufficiente andare sul proprio account, visitare la sezione Buoni Regalo e Ricarica, cliccare su Aggiungi un Buono Regalo o un codice per ricaricare il tuo account e inserire il codice nella schermata successiva. Una volta cliccato su Aggiungi al mio account, l’importo verrà aggiunto al saldo dell’account. In alternativa, potrai aggiungere il codice durante il processo di acquisto, nella pagina di conferma dell’ordine.

Ricorda che il codice per ricaricare il tuo account non è utilizzabile per attivare o rinnovare l’iscrizione ad Amazon Prime.

Su Amazon si può pagare in contrassegno?

Finora abbiamo visto come si può pagare su Amazon: le modalità sono molteplici e non c’è possibilità di sbagliare. Il famoso sito americano è molto chiaro anche nell’indicare le modalità di pagamento che non sono ammesse; in particolare, Amazon non accetta: bonifici o Rid bancari; assegni o vaglia postali; contanti (al di fuori della particolare ipotesi dell’acquisto di un codice di ricarica, come visto nel paragrafo che precede); buoni libro; vaglia internazionali; account Paypal; account Skrill; trasferimenti bancari; finanziamento; pagamento rateale; pagamento in contrassegno. In sostanza, quindi, su Amazon non si può pagare alla consegna.

Perché Amazon non accetta il pagamento alla consegna?

Perché Amazon non accetta il pagamento in contrassegno? Come anticipato nell’introduzione, il pagamento alla consegna può causare problemi ai rivenditori, i quali si troverebbero di fronte alla possibilità di clienti che non abbiano intenzione di pagare o che effettuino acquisti in maniera poco seria. Il metodo di pagamento anticipato, quindi, consente ad Amazon di essere sicuro che la transazione andrà a buon fine. Il pagamento alla consegna, inoltre, non è tracciabile come gli altri metodi.

Anche se su Amazon non si può pagare alla consegna, ciò non significa che tu non sia tutelato nel caso in cui la merce ordinata sia guasta oppure non sia di tuo gradimento. La politica di reso di Amazon è conforme alle leggi a tutela del consumatore: pertanto, se il prodotto ricevuto non è di tuo gradimento, potrai restituirlo entro quattordici giorni dal suo ricevimento senza dover pagare nulla; anzi, il costo che hai sostenuto ti verrà rimborsato. Puoi inoltre godere della garanzia legale per i vizi della cosa: potrai denunciare ad Amazon tutti i difetti del prodotto entro due anni dall’acquisto.

Nel caso di disguidi sulla consegna, ritardi o altri imprevisti, puoi segnalare l’accaduto ad Amazon il quale, effettuati i dovuti controlli, provvederà a riaccreditarti la cifra inizialmente prelevata. La procedura è molto efficiente ed è uno dei punti di forza di Amazon: proprio per tale ragione lo store americano è uno dei più amati dai consumatori di tutto il mondo. È vero, quindi, che dovrai pagare la merce prima di riceverla, ma è altrettanto vero che Amazon è sinonimo di affidabilità e sicurezza. D’altronde, neanche il pagamento in contrassegno ti assicura che ciò che c’è nel pacco che ricevi è quello che davvero desideri.

Come pagare alla consegna su Amazon?

Abbiamo quindi detto che su Amazon non si può pagare alla consegna, cioè in contrassegno. Esiste, tuttavia, un modo per cercare di aggirare questa limitazione: quello di rintracciare il venditore che si serve di Amazon per pubblicizzare i suoi prodotti e per poterli vendere attraverso la piattaforma americana. Come saprai, su Amazon è possibile acquistare non soltanto prodotti venduti direttamente dal colosso americano, ma anche beni messi in vendita da negozi fisici appartenenti a piccoli o medi imprenditori. In questa evenienza, Amazon serve da tramite per la vendita: il commerciante espone i propri prodotti sul sito e, al momento del loro acquisto, Amazon trattiene una percentuale per sé.

In questi casi, quando cioè non è Amazon a procurare direttamente il prodotto, per pagare in contrassegno potresti contattare direttamente il rivenditore che materialmente possiede la merce che ti interessa e concordare con lui (escludendo Amazon, quindi) la spedizione di ciò che desideri e il pagamento alla consegna.

note

Autore immagine: Unsplash.com


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA