Questo sito contribuisce alla audience di
 
Diritto e Fisco | Articoli

Inps: quando si può chiedere il riscatto dei contributi?

2 Febbraio 2019
Inps: quando si può chiedere il riscatto dei contributi?

> Diritto e Fisco Pubblicato il 2 Febbraio 2019



Posso riscattare 14 mesi di non lavoro da febbraio 1985 a marzo 1986? A gennaio 1985 l’azienda in cui lavoravo (come impiegato) ha cessato l’attività , ho poi aperto partita iva ad aprile 1986 (agente commercio) attualmente lavoro e ho raggiunto 2173 settimane di contributi Inps (ricongiunzione già fatta) a fine dicembre 2018 e con le 58/61 settimane mancanti più pochi mesi di lavoro raggiungerei la quiescenza con 43 anni e tre mesi. Ho telefonato all’Inps più volte ed i diversi operatori mi hanno confermato che è possibile, eppure al patronato mi dicono che non è possibile.

Per quanto riguarda i periodi non lavorati, è possibile riscattare:

– attualmente, in base all’art. 7 del D.Lgs. 564/1996, i periodi corrispondenti ad intervalli tra lavori discontinui, stagionali o temporanei successivi al 31 dicembre 1996, purché nell’intero arco di tempo da riscattare sia stato verificato lo stato di disoccupazione;

– dal 2019, nel caso in cui venga approvata la normativa sulla cosiddetta pace contributiva, tutti i periodi scoperti da contribuzione, purché l’interessato possieda almeno 20 anni di contributi, e purchè successivi al 31 dicembre 1995.

Nel caso specifico, però, il periodo da riscattare riguarda gli anni 1985/1986.

Relativamente a quelle annualità, è possibile riscattare:

1) i periodi di durata legale dei corsi di studio universitario, al termine dei quali siano stati conseguiti i titoli di:

-o diploma universitario di durata pari a tre anni;

-o diploma di laurea;

-o diploma di specializzazione (che si conseguono successivamente alla laurea) di durata non inferiore a due anni;

-o dottorato di ricerca;

-o laurea al termine di un corso di durata triennale, e laurea specialistica al termine di un corso di durata biennale cui si accede con la laurea.

– Sono riscattabili gli anni accademici durante i quali si è effettivamente svolto il corso legale di studio, con esclusione di quelli fuori corso.

– Il riscatto può essere chiesto anche solo per una parte del periodo di durata del corso a seguito del quale sia stato conseguito uno dei titoli previsti dalla legge, oppure per due o più corsi.

2) I periodi di lavoro all’estero nei Paesi non legati da convenzioni previdenziali con l’Italia;

3) i periodi lavorati, ma scoperti perché i contributi sono stati omessi e prescritti, perché non versati dal datore di lavoro (in questo caso, si può chiedere all’Inps, a titolo oneroso, la costituzione di una rendita vitalizia).

Sono anche riscattabili, relativamente ai periodi anteriori al 1996, i periodi pregressi di attività commerciale ed i periodi di collaborazione coordinata e continuativa, rispettivamente, per gli obbligati all’iscrizione alla gestione Inps commercianti dal 1997, o alla gestione Separata dal 1° aprile 1996. Non si tratta, in base a quanto esposto dal lettore, di casistiche che lo riguardano.

Nel caso in cui il periodo scoperto 1985-86 non rientri in alcuna delle ipotesi elencate, non è possibile chiedere il riscatto dei contributi.

Il lettore, però, riferisce di possedere 2173 settimane di contributi al 31 dicembre 2018, pari a 41 anni e oltre 9 mesi di contributi. Considerando che, in base a quanto reso noto dal Governo, è stato confermato il blocco dei requisiti per la pensione anticipata ordinaria sino al 2023, il lettore potrebbe raggiungere i requisiti per questa pensione, cioè 42 anni e 10 mesi di contributi, nel gennaio 2020, nell’ipotesi della continuazione dell’attività lavorativa, senza necessità di riscatti.

 

Articolo tratto dalla consulenza resa dall’avv. Noemi Secci


Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA