Diritto e Fisco | Articoli

Denaro lampo: il bonifico istantaneo è realtà

22 Novembre 2017
Denaro lampo: il bonifico istantaneo è realtà

È cominciata la rivoluzione del bonifico: il denaro lampo è ormai realtà. Vediamo in cosa consiste

Niente più attese per chi deve ricevere dei soldi tramite bonifico. D’ora in poi il bonifico potrà essere istantaneo. Ne avevamo già parlato alcuni giorni fa: leggi sul punto: Via al bonifico istantaneo: soldi in 10 secondi. Ebbene, la rivoluzione è cominciata, il denaro lampo è diventato realtà. D’ora in poi, dunque, sarà possibile effettuare un pagamento tramite bonifico in tempo reale, vale a dire in 10 secondi al massimo, 24 ore su 24 e 365 giorni all’anno. La rivoluzione dei bonifici istantanei è già partita nelle banche. Ecco i dettagli.

Bonifico istantaneo: cos’è?

Quando si è in attesa dell’accredito di un bonifico, il tempo sembra non passare mai e spesso ci si domanda quanto tempo ci vuole per l’accredito di un bonifico? Entro quanto tempo è possibile disporre delle somme bonificate? (Per saperlo leggi: Bonifico: quanto tempo ci vuole per l’accredito?). Ebbene, niente più attese per chi deve ricevere dei soldi tramite bonifico: i tempi per il cosiddetto denaro lampo sono maturi e, nelle banche, il bonifico istantaneo (instant payment) è già realtà.

Da ieri (21.11.2017), infatti, è divenuto operativo il sistema del servizio Sepa Instant Credit Transfert (Stc Inst), ossia un sistema di pagamenti in tempo reale. Come anticipato, dunque, sarà possibile effettuare un pagamento tramite bonifico in tempo reale (meno di 10 secondi) ed in ogni momento.

Bonifico istantaneo: come funziona? 

A seguito dell’operazione di instant payment seguirà una notifica immediata che confermerà il buon esito della transazione. I soldi saranno immediatamente disponibili sul conto corrente del beneficiario, non ci saranno però possibilità di revoca. Anche per questo motivo, inizialmente sarà possibile effettuare trasferimenti di denaro per un massimo di 15mila euro, limite che potrebbe essere alzato nel prossimo futuro. Il tutto viene gestito dalla piattaforma Rt1 di Eba Clearing, sviluppata dall’italiana Sia, leader europeo nella progettazione, realizzazione e gestione di infrastrutture e servizi tecnologici nelle aree dei pagamenti.

Bonifico superveloce: le banche italiane

La “nuova frontiera del bonifico” è il frutto di un progetto  caldeggiato dalla Banca centrale europea, supportata dai maggiori istituti. Diciotto le prime società che offriranno sin da subito questo servizio, tra cui tre gruppi bancari italiani: Intesa San PaoloUnicredit e il gruppo Banca Sella. Ovviamente, il servizio è appena partito e per la sua piena operatività sarà necessario attendere qualche mese. Le banche infatti dovranno aggiornare i propri sistemi operativi, assicurarsi la connettività, testare il prodotto. Intesa Sanpaolo, ad esempio, ha reso disponibile il servizio solo per alcuni clienti, ma nel giro di poche settimane prevede che gran parte della clientela possa essere abilitata. In poche parole, come ha affermato un portavoce di Intesa San Paolo: «La macchina è pronta, ma serve gradualità».

Bonifico superveloce: ma quanto costerà?

La possibilità di vedersi accreditare i soldi all’istante potrebbe non essere gratuita. Ed infatti, chi opterà per tale soluzione d’urgenza potrebbe essere costretto al pagamento di un sovrapprezzo. Secondo i primi rumors, tuttavia, i prezzi sono contenuti: 60 centesimi in più rispetto al costo (1 euro) di un bonifico tradizionale (chiaramente effettuato online). Attenzione, però il bonifico istantaneo potrebbe comportare il pagamento di una commissione non solo per chi invia il denaro, ma anche per chi lo riceve (anche dunque per il denaro in entrata). Torneremo, quindi, ad approfondire il tema. Come già sottolineato, infatti, il servizio è appena partito e per la sua piena operatività sarà necessario attendere qualche mese.


note

Autore immagine: Pixabay.com


Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA