Diritto e Fisco | Articoli

Assegno di ricollocazione 2019

4 Gennaio 2019 | Autore:


> Diritto e Fisco Pubblicato il 4 Gennaio 2019



Assegno di ricollocazione Naspi, Rei e Cigs: come funziona, a chi spetta e come si chiede il nuovo aiuto contro la disoccupazione.

Anche nel 2019, i disoccupati percettori di Naspi, del Rei ed i lavoratori in Cigs possono richiedere l’assegno di ricollocazione, chiamato anche Adr Naspi e Adr Cigs.

Nel dettaglio, possono beneficiare della misura i disoccupati che percepiscono la Naspi (l’indennità di disoccupazione per i lavoratori dipendenti) da almeno 4 mesi senza aver trovato un nuovo lavoro. Possono inoltre ricevere l’assegno di ricollocazione, ancor prima di aver perso il lavoro, i lavoratori in cassaintegrazione straordinaria (Cigs); ne hanno diritto anche i beneficiari del Rei, cioè del reddito d’inclusione, che presto sarà sostituito dal reddito di cittadinanza.

Il trattamento spettante è un assegno sino a 5mila euro, riconosciuto per ogni disoccupato o cassintegrato che trova un impiego a tempo determinato, sino a 2.500 euro per chi trova un lavoro a termine superiore ai 6 mesi e sino a 1.250 euro, nelle regioni meno sviluppate, per chi trova un lavoro a termine superiore ai 3 mesi.

Attenzione, però: l’assegno di ricollocazione non è liquidato direttamente ai disoccupati o ai cassintegrati, ma è riconosciuto sotto forma di voucher spendibile presso i centri o le agenzie per l’impiego, o presso i delegati della Fondazione consulenti per il lavoro, che possono incassarlo solo se riescono a trovare una nuova occupazione al beneficiario della misura.

La misura dell’assegno, poi, varia non solo a seconda della durata del contratto di lavoro concluso dal disoccupato, ma anche del suo profilo di occupabilità, che dipende dall’età, dal sesso, dall’istruzione, dall’esperienza e dalla residenza: in pratica, più è difficile collocare il lavoratore, più è alto l’assegno per chi trova lavoro, sino a 5mila euro.

Per le aziende che assumono sono previsti diversi incentivi, sia nel caso in cui l’interessato sia un disoccupato, che nel caso in cui sia un cassintegrato o un percettore del reddito di cittadinanza.

Ma procediamo per ordine e vediamo come funziona l’assegno di ricollocazione 2019 per chi trova lavoro: a chi spetta, come si calcola, quali benefici per le aziende che assumono.

Chi ha diritto all’assegno di ricollocazione 2019?

Hanno diritto all’assegno di ricollocazione sino a 5mila euro tutti coloro che percepiscono la Naspi, cioè l’indennità di disoccupazione, da almeno 4 mesi. L’adesione alla ricollocazione è volontaria e l’erogazione del voucher non fa perdere e non riduce la Naspi, così come non si perde per la mancata adesione alla misura.

Ne hanno diritto, inoltre, coloro che sono in Cigs e aderiscono alla ricollocazione anticipata, che deve essere autorizzata da un apposito accordo sindacale con l’azienda. Il lavoratore in Cigs ha diritto all’assistenza intensiva per la ricerca del posto di lavoro per almeno 6 mesi, sino a un massimo di 18 mesi complessivi. Infine, hanno diritto alla ricollocazione anche i beneficiari del Rei, il reddito d’inclusione.

A quanto ammonta l’assegno di ricollocazione 2019?

L’assegno di ricollocazione parte da un minimo di 250 euro e può arrivare, come anticipato, sino a 5mila euro. L’ammontare dell’assegno dipende dal profilo di occupabilità dell’interessato, cioè dalla difficoltà nel trovare un nuovo impiego: le probabilità di essere ricollocati sono collegate a diversi fattori, come sesso, età, esperienza professionale, livello d’istruzione e collocazione geografica.

L’ammontare dell’assegno dipende inoltre dalla durata del nuovo contratto di lavoro:

  • da mille a 5mila euro se il disoccupato trova un nuovo impiego a tempo indeterminato, apprendistato compreso;
  • da 500 a 2.500 euro se il disoccupato viene collocato con un contratto a termine di almeno 6 mesi;
  • da 250 a 1.250 euro se il disoccupato, appartenente alle regioni meno sviluppate (Campania, Puglia, Basilicata, Calabria, Sicilia) instaura un rapporto a termine tra i tre e sei mesi.

Come funziona l’assegno di ricollocazione per i cassintegrati?

Entro 30 giorni dalla chiusura degli accordi di ricollocazione tra azienda e sindacati, il lavoratore cassintegrato può attivare il percorso di ricollocazione anticipata: l’assegno è riconosciuto per retribuire i servizi per il lavoro per le attività effettuate, dalla formazione alla riqualificazione fino all’accompagnamento verso il nuovo impiego.

Se il cassintegrato trova un nuovo lavoro, il precedente rapporto si risolve e sono riconosciuti degli incentivi sia al lavoratore che all’azienda che lo assume.

Innanzitutto, al lavoratore possono essere corrisposti degli incentivi all’esodo: fino alle prime nove mensilità, in base a quanto previsto dalla normativa, le somme sono completamente esentasse. Nel caso in cui l’azienda riconosca ulteriori mensilità, per rendere più conveniente l’uscita dal lavoro, anche le somme aggiuntive sono trattate come incentivi all’esodo.

Per il lavoratore c’è poi un secondo bonus, pari al 50% della cassa integrazione residua: ad esempio, se l’interessato viene assunto dopo 6 mesi ed ha ancora diritto a 18 mesi di Cigs, beneficia di un incentivo pari a 9 mensilità di integrazione salariale, oltre allo stipendio che percepisce dal nuovo datore di lavoro.

Quali sono gli incentivi per le aziende che assumono?

Sono previsti degli incentivi anche per le aziende che assumono il lavoratore beneficiario di assegno di ricollocazione. In particolare:

  • se ad essere assunto è un lavoratore in Cigs, spetta uno sgravio contributivo del 50%, fino a un tetto massimo di 4.030 euro annui; lo sgravio spetta per 12 mesi, se il lavoratore firma un contratto a termine, o per 18 mesi, se firma un contratto a tempo indeterminato a tutele crescenti;
  • se ad essere assunto è un disoccupato, possono spettare numerosi incentivi: dal bonus occupazione mezzogiorno, al bonus assunzione giovani, al bonus donne e over 50 disoccupati; per conoscerli tutti: Incentivi occupazione 2019;
  • se ad essere assunto è un beneficiario del reddito di cittadinanza, al datore spettano le mensilità non ancora godute del sussidio, sino a un massimo di 18; l’intervento deve essere ancora definito con un apposito decreto.

Come fare domanda per l’assegno di ricollocazione?

Per quanto riguarda la procedura per ottenere l’assegno di ricollocazione, questa è differente a seconda della categoria a cui appartiene il beneficiario, disoccupato, cassintegrato o avente diritto al Rei.

Per quanto riguarda i disoccupati, il primo soggetto ad attivarsi è il sistema informativo unitario (Siu) dell’Anpal: una volta trascorsi 4 mesi di disoccupazione senza reimpiego, difatti, Il Siu invia un’apposita comunicazione al disoccupato.

Se questi decide di aderire alla ricollocazione, deve fare domanda per ottenere l’assegno:

  • telematicamente, attraverso il portale Anpal, all’indirizzo “adr.anpal.gov.it”;
  • rivolgendosi direttamente al centro per l’impiego competente, che deve rilasciare l’assegno entro 15 giorni, verificata la sussistenza dei requisiti.

Il beneficiario, se decide di accettare l’assegno, può scegliere l’ente accreditato ai servizi per il lavoro che gli erogherà il servizio di assistenza alla ricollocazione: in questo caso, viene sospeso il patto di servizio personalizzato sottoscritto con il centro per l’impiego competente, in quanto viene sostituito dalle misure di ricollocazione.

Per i cassintegrati, è necessario aderire a un apposito percorso di formazione e ricollocazione; la domanda deve essere presentata telematicamente attraverso il portale Anpal, all’indirizzo “adrcigs.anpal.gov.it”.

Per i beneficiari di Rei, la procedura per ottenere l’assegno si attiva nell’ambito del progetto personalizzato che il nucleo familiare beneficiario deve seguire.


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI