Diritto e Fisco | Articoli

Locazione: la cauzione al padrone di casa non può essere troppo alta

29 Marzo 2013
Locazione: la cauzione al padrone di casa non può essere troppo alta

Massimo tre mensilità: è questo il limite massimo che il locatore può pretendere per il deposito cauzionale.

Il deposito cauzionale preteso dal proprietario dell’immobile, nel contratto di locazione, non può essere superiore a tre mensilità del canone pattuito. La norma che prevede tale limite [1], per quanto datata, è tuttora vigente [2]. Conseguentemente, la richiesta di più di tre mesi di deposito cauzionale, da parte del padrone di casa, è illegittima e il conduttore può rifiutarsi di accettarla o, se la accetta, può poi chiedere la restituzione dell’importo del deposito superiore a tre mensilità.

In quanto garanzia per la riconsegna dell’immobile in buone condizioni, le eventuali cambiali “pagherò”, consegnate dal locatario, dovranno avere come data di scadenza la stessa data di scadenza del contratto.

 

Vendita dell’immobile

Se il locatore vende l’immobile dato in locazione, l’acquirente subentra [3] nei diritti e nelle obbligazioni derivanti dal contratto di locazione e così anche nell’obbligazione accessoria di restituzione del deposito cauzionale versato dal conduttore, anche se la consegna del relativo importo è stata fatta nelle mani dell’originario locatore [4].

Restituzione

Il conduttore può chiedere la restituzione della somma data a titolo di cauzione solo alla scadenza della locazione e non prima. Ma dopo tale data, il locatore – se non ha ragioni di credito verso il conduttore – dovrà immediatamente restituire la cauzione e, se si tratta di locazione a uso abitativo, anche con gli interessi maturati.

Interessi

Gli interessi legali sul deposito cauzionale devono essere corrisposti dal locatore alla fine di ogni anno senza che occorra una richiesta del conduttore, e, se non si è cosi provveduto, vanno restituiti unitamente al deposito una volta che il contratto sia scaduto e il conduttore abbia integralmente adempiuto alle proprie obbligazioni [5].

Il diritto del conduttore di ottenere la restituzione del deposito cauzionale si prescrive dopo dieci anni.


note

[1] Art. 11 della legge 392/1978 (Legge sull’equo canone).

[2] In quanto non rientra fra quelle abrogate dall’articolo 14 della legge 431/1998 (disciplina delle locazioni e del rilascio degli immobili adibiti a uso abitativo).

[3] Ai sensi dell’art. 1602 c.c.

[4] Pret civ. Milano, 18 luglio l989, Collini c. La Via e Fiscella, in Arch. loc. e cond. 1991, 188.

[5] Cass. sent. n. 8405 del 28.07.1993.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

1 Commento

  1. È curioso, tuttavia, che tutti i contratti di locazione ad uso abitativo che ho visto stipulare contenevano una clausola in deroga alla norma sugli interessi legali. Motivo?

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube