Diritto e Fisco | Articoli

Quando scattano i controlli sulla Postepay

6 Gennaio 2019


Quando scattano i controlli sulla Postepay

> Diritto e Fisco Pubblicato il 6 Gennaio 2019



I controlli fiscali, da parte dell’Agenzia delle Entrate, possono svolgersi anche nei confronti delle carte prepagate e della carta Postepay anonima o con Iban, fino a massimo cinque anni prima.

Se hai intenzione di procurarti una carta Postepay per far transitare pagamenti e bonifici da nascondere all’Agenzia delle Entrate devi sapere alcune cose che potrebbero farti desistere da tale comportamento. Anche le carte prepagate, infatti, costituiscono terreno ove le autorità possono estendere le proprie indagini ai fini del contrasto all’evasione fiscale. Di recente, peraltro, la Cassazione [1] ha ribadito che i controlli sui conti correnti possono essere effettuati anche nei confronti dei privati, ossia di coloro che non posseggono redditi derivanti da attività imprenditoriali. In pratica, i movimenti sospetti e non dimostrabili generano, nei confronti dell’amministrazione finanziaria, una presunzione di “nero” che solo una prova documentale contraria potrebbe contrastare. A tale rigida disciplina non si sottraggono né i lavoratori dipendenti, né i pensionati, né addirittura i disoccupati. È finito insomma il periodo in cui si intestavano conti e carte ad anziani genitori o a membri della famiglia “insospettabili” perché senza lavoro. Alla luce di tale pronuncia (una delle prime del nuovo anno), è bene chiedersi dunque quando scattano i controlli sulla Postepay. 

Cos’è la Postepay e come funziona?

La Postepay non è altro che una carta prepagata gestita da Poste Italiane. Ne esistono di vari tipi: c’è ad esempio la Postepay Standard (utile per acquisti online o per i viaggi; in questo modo si può gestire il denaro senza bisogno di utilizzare i contanti o fornire i dati della carta di credito), la Postepay Evolution (si tratta di una carta prepagata ricaricabile con IBan, di solito usata come sostitutiva a un conto corrente; con essa è possibile ricevere bonifici, lo stipendio, la pensione, domiciliare le utenze, ecc.), la MyPostepay (una carta prepagata personalizzabile con immagini sulla cover), la Postepay Inps Card (rivolta a chi è titolare di una pensione che consente l’accredito delle mensilità da parte dell’Inps), Postepay Junior (con costi di gestione molto contenuti, utilizzabile anche per prelievi e rientrante nel circuito Visa), ecc.

Il funzionamento della Postepay cambia a seconda della tipologia di carta prescelta. In generale nel caso della Postepay Standard, la richiesta di attivazione va presentata presso un Ufficio Postale con un documento di identità e il proprio codice fiscale (vale la tessera sanitaria). È possibile ricaricare la carta in vario modo, ad esempio versando il denaro contante presso gli sportelli ATM Postamat con carta PagoBancomat. Con la carta Postepay Standard è possibile effettuare acquisti online e presso esercizi commerciali del circuito Postamat, VISA e Visa Electron.

L’attivazione costa 5 euro; ogni ricarica costa dai 2 ai 3 euro. Si possono ricaricare massimo 50mila euro annui. Il prelievo giornaliero da sportello ATM è di massimo 250 euro (non ci sono limiti mensili). 

Sono possibili i controlli sulla Postepay?

Da qualche anno l’Agenzia delle Entrate si vale dell’Anagrafe dei conti correnti (meglio detta «Archivio dei rapporti finanziari»): un database realizzato grazie a un flusso di informazioni inviate ciclicamente da banche e poste. In buona sostanza ogni intermediario finanziario (e tra questi vi è anche Poste Italiane) è tenuto a rendicontare al fisco tutti i rapporti in essere con i propri clienti: dal numero di conto al  saldo in esso contenuto, dalle movimentazioni (in entrata e in uscita, come prelievi, versamenti, bonifici ricevuti ed effettuati) agli altri servizi eventualmente previsti (ad esempio cassette di sicurezza, gestione titoli, accredito dividendi, ecc.). Tutte queste informazioni sono contenute in un archivio telematico cui l’amministrazione finanziaria (ivi compresa, da quest’anno, anche la Guardia di Finanza) può sempre accedere per effettuare i controlli. Controlli che, come detto, si rivolgono nei confronti di qualsiasi contribuente sospettato di evasione: dal privato all’azienda, dal professionista all’imprenditore, dal disoccupato al pensionato.

Le carte Postepay non fanno eccezione a questo regime di massima trasparenza (del resto, la momento del rilascio, lo sportello associa la carta al codice fiscale del correntista). Questo significa che ogni utilizzo che fai della tua carta Postepay, ogni somma che ricevi in accredito o che spendi viene “tracciata”: è cioè ricostruibile anche dopo diversi anni per una verifica nei tuoi confronti. Dunque la carta Postepay è sottoposta a controlli fiscali. 

La carta Postepay anonima (la carta «Postepay Twin») non risolve questo problema. L’anonimato infatti non vale mai nei confronti dell’Agenzia delle Entrate.

Controlli retroattivi sulla carta Postepay

I controlli sull’uso della carta Postepay possono spingersi fino a massimo cinque anni prima per chi ha, con essa, occultato dei redditi ossia non li ha denunciati nella propria dichiarazione dei redditi. In realtà non si tratta di controlli retroattivi ma di una decadenza del potere di accertamento fiscale da parte dell’Agenzia delle Entrate che, nel caso di dichiarazione non veritiera, si compie dopo cinque anni.

La carta Postepay può essere pignorata?

Non solo. La carta Postepay può anche essere pignorata da un eventuale creditore. Quest’ultimo, dopo aver notificato al debitore l’atto di precetto, con invito a pagare le somme dovute entro 10 giorni, può chiedere l’autorizzazione al Presidente del Tribunale di accedere all’Anagrafe tributaria e dei conti correnti, da lì consultando la sua posizione reddituale. In tal modo può venire a sapere della titolarità di eventuali conti e carte prepagate possedute dal debitore, così del possesso di una carta Postepay. Il creditore può allora procedere al pignoramento del saldo, ossia del denaro che vi è depositato e non è stato ancora speso. 

L’unico modo per ridurre i danni è dimostrare che la carta è alimentata solo da redditi di lavoro dipendente o pensioni; in tal caso, infatti, valgono i normali limiti al pignoramento ossia: 

  1. fino a massimo un quinto per tutte le mensilità accreditate successivamente alla notifica del pignoramento;
  2. mentre il saldo presente al momento della notifica dell’atto di pignoramento è pignorabile solo per la parte che eccede il triplo dell’assegno sociale (leggi sul punto la guida sul Pignoramento conto corrente).

Oltre un certo credito su Postepay devo dichiarare al Fisco?

Il contribuente è tenuto a dichiarare le somme percepite sulla carta Postepay solo se queste costituiscono reddito imponibile, ossia si tratta di soldi da tassare. Non è quindi tenuto a dichiarare il denaro chi:

  • riceve una regalo in denaro da un genitore, dal coniuge, dal figlio, dal fratello o dalla sorella. Difatti, per le donazioni tra ascendenti e coniugi si applica l’imposta del 4% solo a partire da 1 milione di euro, mentre per le donazioni tra fratelli e sorelle l’imposta del 6% scatta solo a partire da 100mila euro. Invece le donazioni da amici sono tassate all’8% e vanno quindi dichiarate;
  • riceve un risarcimento del danno: solo i risarcimenti che vanno a indennizzare il lucro cessante (il mancato guadagno) devono essere dichiarati e tassati;
  • riceve la vincita al gioco: si tratta di importi già tassati alla fonte;
  • riceve il prezzo di vendita di oggetti usati: chi vende un’auto o qualsiasi altro bene di seconda mano, a un prezzo inferiore rispetto a quello di acquisto, non deve dichiarare i soldi al fisco (non traendone una plusvalenza ossia un guadagno);
  • riceve un prestito anche da privato; la natura del prestito deve però essere dimostrabile. Per cui sarà bene firmare un contratto e registrarlo all’Agenzia delle Entrate.

note

[1] Cass. ord. n. 104/19 del 4.01.2019.

[2] Art. 32 Dpr 600/1973.


scarica gratis il tuo contratto su misura

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

8 Commenti

    1. Buongiorno Martina. La postepay può essere rinnovata a partire da due mesi prima e fino a diciotto mesi dopo la data di scadenza. Al momento dell’attivazione, il credito residuo della tua precedente postepay sarà trasferito gratuitamente sulla nuova. Il rinnovo della postepay scaduta può avvenire: direttamente online, accedendo alla propria area riservata sul sito delle Poste italiane, se la carta è abilitata al servizio Sicurezza Web, cioè a quello che consente di associare un numero di cellulare alla postepay. Quest’ultima operazione può essere fatta in qualsiasi momento, anche in funzione del rinnovo della tessera; telefonicamente, chiamando il numero gratuito 800.00.33.22 e seguendo le indicazioni fornite dalla voce registrata; recandoti presso un ufficio postale.
      Effettuata la procedura di rinnovo, ti verrà consegnata una nuova postepay avente una diversa data di scadenza; se hai effettuato la procedura online oppure quella telefonica, la carta ti giungerà direttamente a casa. La vecchia, oramai inutilizzabile, potrà essere gettata via. Attenzione, però: il consiglio è quello di distruggere la postepay scaduta, in quanto sono numerose le truffe che avvengono riutilizzando vecchie tessere. Ricorda, infatti, che la tua precedente postepay risulterà comunque a te intestata e, se qualche malintenzionato dovesse metterci le mani sopra e falsificarla, potresti incorrere in spiacevoli conseguenze.

    1. Buongiorno Tiziano. Le truffe Postepay consistono nell’impossessarsi, in maniera ingannevole, dei dati della tessera per effettuare acquisti online. Come anticipato nel paragrafo introduttivo, con la Postepay puoi fare acquisti online: è sufficiente inserire il numero della tessera, il titolare, la data di scadenza e il codice di tre cifre che trovi sul retro della carta. Di norma le transazioni online avvengono in maniera sicura, soprattutto se ti affidi agli store più noti (tipo Amazon). Tuttavia, se acquisti su siti poco raccomandabili, i dati che hai inserito potrebbero essere utilizzati per fare acquisti online a tua insaputa. Questo tipo di truffa Postepay presuppone una forma di hackeraggio, consistente nello specifico nel presentarti una schermata che, in realtà, non serve a prenotare la merce ma solamente a carpirti le credenziali, un po’ come avviene con il phishing.

  1. Ho sentito parlare di truffe mediante il pishing. In cosa consiste? di che si tratta? voi della legge per tutti potete darmi una risposta chiara (come fate sempre) sull’argomento? Grazie in anticipo

    1. Buongiorno. Una delle truffe postepay più diffuse riguarda l’acquisizione fraudolenta delle credenziali di accesso. Devi sapere, infatti, che uno dei vantaggi della postepay è quello di poter effettuare l’accesso online alla propria pagina personale per verificare le operazioni effettuate, i dati, il credito residuo, ecc. Ebbene, una delle truffe più diffuse è quella che consiste nell’inviare ad un cliente postepay una email con la quale si dice che, a causa di un grave errore nel funzionamento della tessera, occorre indicare le credenziali. Chiaramente, dietro il mittente della email si nasconde un malintenzionato. La truffa postepay mediante phishing si svolge così: un giorno ricevi una email contenente il logo delle Poste italiane con la quale ti viene richiesto l’inserimento della password della tua tessera. Tutto farebbe pensare ad una comunicazione di servizio delle Poste italiane, ma in realtà non è così: il messaggio è mandato da un truffatore che si spaccia per le Poste. Ottenute le credenziali, il criminale entrerà nella tua pagina personale per operare con la tua postepay.

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA