Business | Articoli

Concorso Inps 2018: pubblicato il bando

25 Novembre 2017 | Autore:


> Business Pubblicato il 25 Novembre 2017



Maxi concorso Inps: è stato pubblicato il tanto atteso bando per 365 posti da funzionario presso l’Inps

Il tanto atteso concorso Inps 2018 per accedere ai posti di funzionario presso l’Inps è stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale [1]. La notizia è sicuramente accolta con gioia da tutti quei cittadini che sperano finalmente di poter dare un senso ai lunghi e faticosi anni di studi universitari. Vediamo di seguito cosa prevede il bando.

Concorso Inps: quanti sono i posti messi a disposizione?

I posti messi a concorso sono 365 e riguardano la figura di analista di processo-consulente professionale, area C, posizione economica C1. Attualmente, pertanto, non vi è stato l’aumento di posti di cui avevamo parlato in Concorso Inps 2018: 365 posti.

Concorsi Inps: quali sono i requisiti richiesti?

Per poter presentare domanda sono necessari i seguenti requisiti, che dovranno essere posseduti dai candidati prima della scadenza del bando di concorso a pena di esclusione:

  • laurea magistrale/specialistica in una delle seguenti discipline: finanza, ingegneria gestionale, relazioni internazionali, scienze dell’economia, scienze della politica, scienze delle pubbliche amministrazioni, scienze economiche per l’ambiente e la cultura, scienze economico-aziendali, scienze per la cooperazione allo sviluppo, scienze statistiche, metodi per l’analisi valutativa dei sistemi complessi, statistica demografica e sociale, statistica economica finanziaria ed attuariale, statistica per la ricerca sperimentale, scienze statistiche attuariali e finanziarie, servizio sociale e politiche sociali, programmazione e gestione delle politiche e dei servizi sociali, sociologia e ricerca sociale, sociologia, metodi per la ricerca empirica nelle scienze sociali, studi europei, giurisprudenza, teoria e tecniche della normazione e dell’informazione giuridica oppure diploma di laurea secondo il “vecchio ordinamento” corrispondente ad una delle predette lauree magistrali [2];
  • certificazione, in corso di validità, di conoscenza della lingua inglese pari almeno al livello B2 del Quadro Comune Europeo [3]. Ulteriori informazioni sulla certificazione sono presenti sul sito dell’Inps, dove è anche riportato l’elenco degli enti certificatori delle competenze linguistico-comunicative della lingua inglese.
  • cittadinanza italiana o cittadinanza di uno degli Stati membri dell’Unione Europea o appartenenza a una delle tipologie previste dalla legge [4];
  • di non essere stato destituito, dispensato o licenziato dall’impiego presso una pubblica amministrazione e di non essere stato dichiarato decaduto da altro impiego pubblico, né di essere stato interdetto dai pubblici uffici ai sensi della vigente normativa in materia;
  • di non aver riportato condanne penali, ancorché non passate in giudicato o di aver riportato condanne penali (anche se sia stata concessa amnistia, condono, indulto o perdono giudiziale, applicazione della pena su richiesta [5]), specificandone la tipologia, o avere procedimenti penali pendenti, specificandone la tipologia;
  • posizione regolare nei riguardi degli obblighi militari per i concorrenti di sesso maschile nati prima dell’anno 1986;
  • godimento dei diritti politici e civili;
  • idoneità fisica all’impiego.

Concorso Inps: come presentare domanda?

Per presentare domanda dovrà seguirsi l’apposita procedura informatica indicata dal bando. In particolare, il candidato deve produrre domanda di partecipazione al concorso esclusivamente in via telematica, mediante l’utilizzo di Pin Inps oppure Spid (Sistema Pubblico di Identità Digitale) oppure Cns (Carta Nazionale dei Servizi), compilando l’apposito modulo ed utilizzando la specifica applicazione disponibile all’indirizzo internet www.inps.it.

Concorso Inps: entro quando presentare domanda?

La domanda per accedere al concorso dovrà essere presentata entro e non oltre le ore 16.00 del 27 dicembre 2017; allo scadere del predetto termine il sistema online non permetterà più l’invio del modulo elettronico.

Concorso Inps: quali sono le prove d’esame?

La procedura di concorso prevede due prove scritte (una oggettiva-attitudinale e una tecnico-professionale)  nonché una prova orale.

  • La prova scritta oggettivo-attitudinale consiste in una serie di quesiti a risposta multipla di carattere psicoattitudinale, logica, competenze linguistiche ed informatiche, cultura generale.
  • La prova scritta tecnico-professionale consiste in una serie di quesiti a risposta multipla e mira ad accertare che il candidato possegga le conoscenze nelle seguenti materie: bilancio, pianificazione, programmazione e controllo; contabilità pubblica, organizzazione e gestione aziendale; diritto amministrativo e costituzionale; diritto civile; diritto del lavoro e legislazione sociale; diritto penale; elementi di analisi economica; elementi di statistica e matematica attuariale; scienza delle finanze ed economia del lavoro.

Entrambe le prove sono valutate in trentesimi. Ottenere almeno 21/30 nella prima prova consente di accedere alla seconda prova. Qualora anche per quest’ultima prova il candidato ottenga almeno 21/30, potrà accedere alla prove orale.

  • La prova orale ha ad oggetto le medesime materie oggetto delle prove scritte.

Concorso Inps: come sono valutati i titoli?

I titoli posseduti danno diritto ai seguenti punteggi (che può raggiungere al massimo 12 punti):

  • 4 punti per laurea magistrale/specialistica/vecchio ordinamento con votazione finale da 101 a 105;
  • 8 punti per laurea magistrale/specialistica/vecchio ordinamento con votazione finale da 106 a 110;
  • 12 punti per laurea magistrale/specialistica/vecchio ordinamento con votazione finale a 110 e lode.

A tale punteggio può sommarsi il seguente (che può raggiungere al massimo 8 punti):

  • 4 punti per uno o più master di II livello inerenti alle materie previste dal bando.
  • 8 punti per uno o più dottorati di ricerca inerenti alle materie suddette.

A tale punteggio può sommarsi il seguente (che può raggiungere al massimo 10 punti):

  • 4 punti per una o più lauree (magistrali, specialistiche, vecchio ordinamento) nelle materie previste dal bando.
  • 1 punto per possesso di certificazione di conoscenza informatica almeno a livello base;
  • 5 punti per livello C1 inglese o livello superiore.

Conseguentemente, la valutazione complessiva dei titoli appena indicati non può superare il punteggio massimo di 30 punti.

note

[1] Gazzetta Ufficiale 4^ Serie Speciale – Concorsi ed Esami n.90 del 24 novembre 2017.

[2] Decreto 9 luglio 2009 del Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca.

[3] Tale certificazione deve essere rilasciata da uno degli enti certificatori di cui al decreto n. 118 del 28 febbraio 2017 del Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca – Dipartimento per il sistema educativo di istruzione e di formazione – Direzione Generale per il personale scolastico.

[4] Art. 38 del d.lgs. 165/2001.

[5] Art. 444 c.p.p.

Autore Immagine: Pixabay.com


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA