Food | Articoli

Come cucinare gli spinaci

23 Gennaio 2019 | Autore: Angelica Mocco


Come cucinare gli spinaci

> Food Pubblicato il 23 Gennaio 2019



Gli spinaci sono una verdura a foglia verde ricca di sali minerali e vitamine, un ottimo contorno da gustare durante tutto l’anno. Ecco come cucinarli in modo semplice e genuino.

Gli spinaci sono un ortaggio facilmente reperibile in ogni periodo dell’anno, poco calorico e ricchissimo di sali minerali, vitamine e antiossidanti. Puoi gustarli crudi in insalata, arricchiti con altre verdure di stagione, semi oleaginosi e frutta secca, oppure cucinare un contorno genuino da servire insieme a del pane casereccio e un secondo piatto a tua scelta. Senza dubbio gli spinaci risultano ancor più prelibati se cotti in padella, insaporiti con aglio, cipolla e formaggio. In tal caso, non si limitano ad essere un semplice contorno, ma diventano protagonisti di ricette ben più nutrienti, saporite e stuzzicanti. La domanda sorge spontanea: quali pietanze è possibile preparare con questo ortaggio? In questa guida ti spiego come cucinare gli spinaci in modo appetitoso e ti propongo alcune specialità da provare alla prima occasione: gli spinaci alla romana, il purè di spinaci e patate e tante altre idee per accontentare anche i palati più esigenti. Non ti resta che proseguire la lettura!

Spinaci in busta: qual è la normativa?

Gli spinaci surgelati sono un prodotto di ampia diffusione e semplici da cucinare. Sono senz’altro un’ottima alternativa alle verdure fresche, tuttavia impiegano più tempo per la cottura e non sono adatti per la preparazione di insalate. Un giusto compromesso è rappresentato dagli spinaci freschi in busta: questi ortaggi, classificati come prodotti ortofrutticoli di quarta gamma [1], dopo la raccolta vengono sottoposti a un accurato processo di selezione, mondatura, lavaggio, asciugatura e confezionamento all’interno di stabilimenti a norma [2].

Le attuali disposizioni, in vigore dal 21 giugno 2014, prevedono che per poter essere distribuiti e venduti al consumatore gli ortaggi di quarta gamma debbano essere conservati a temperature inferiori agli 8°C. Gli spinaci in busta devono essere tenuti rigorosamente nel reparto frigo del supermercato per evitare che possano guastarsi e nuocere alla salute del consumatore. Puoi approfondire l’argomento consultando il seguente articolo: “Supermercato responsabile per gli alimenti a temperatura ambiente“.

Nella confezione degli spinaci, come indica la normativa [3], devono essere riportate le seguenti diciture obbligatorie:

  • “prodotto lavato e pronto per il consumo”, oppure, nello specifico, “spinaci lavati e pronti per il consumo”;
  • “conservare in frigorifero a temperatura inferiore agli 8°C”;
  • “consumare entro due giorni dall’apertura della confezione e comunque non oltre la data di scadenza”.

Sempre nell’imballaggio, che deve essere realizzato in materiale idoneo alla raccolta differenziata [4], devono essere riportati la denominazione dell’alimento, il peso netto, la data di scadenza, l’indicazione di origine, il nome e l’indirizzo del produttore [5].

Come cucinare gli spinaci in padella

Il modo più semplice, veloce e genuino per preparare gli spinaci è quello di cuocerli in padella. Le foglioline sono così tenere e delicate che non occorre sbollentarle, né aggiungere del liquido durante la cottura. Seguendo il medesimo procedimento e attuando alcune piccole modifiche, potrai portare in tavola deliziosi contorni che conquisteranno tutta la famiglia. Ricorda che puoi utilizzare sia gli spinaci freschi (anche quelli in busta già lavati e confezionati), sia gli spinaci surgelati, disponibili in ogni periodo dell’anno.

Gli spinaci sono ottimi da accompagnare ai secondi piatti che preferisci, a base di carne, pesce, uova o legumi. Ecco come cucinare gli spinaci in padella!

Ingredienti

Ecco quali ingredienti occorrono per cucinare gli spinaci in padella per 4 persone:

  • 1,2 kg di spinaci;
  • 2 spicchi d’aglio;
  • q.b. olio extravergine d’oliva;
  • q.b. sale e pepe.

Procedimento

Per cucinare gli spinaci in padella devi innanzitutto lavare delicatamente le foglie sotto l’acqua corrente per eliminare i residui di terra e altre impurità. Fatto ciò, ponili all’interno di una ciotola e intanto affetta finemente gli spicchi d’aglio. Versa alcuni cucchiai d’olio extravergine d’oliva sul fondo di una padella antiaderente, unisci il trito d’aglio e lascialo soffriggere a fiamma moderata.

Non appena l’aglio risulta leggermente dorato e l’olio inizia a sfrigolare, unisci gli spinaci e lasciali insaporire a fuoco vivace per alcuni minuti aggiungendo un pizzico di sale fino e pepe nero macinato a piacere. Quando le foglioline appaiono appassite, abbassa la fiamma al minimo, copri con un coperchio e prosegui la cottura per altri 7-8 minuti. In genere non occorre aggiungere acqua, tuttavia accertati che il fondo non si asciughi troppo e nel caso aggiungi 2-3 cucchiai di acqua, non di più.

Gli spinaci in padella sono pronti per essere gustati: portali in tavola ancora caldi e accompagnali con dell’ottimo pane casereccio, meglio se leggermente tostato. Puoi servirli come contorno oppure utilizzarli per preparare delle bruschette sfiziose e genuine, frizionando prima i crostini con uno spicchio d’aglio.

Altre ricette da provare

Seguendo la ricetta indicata e variando gli ingredienti, puoi divertirti a sperimentare tante altre sfiziose ricette, adatte a ogni occasione e irresistibilmente saporite.

Ecco alcune ricette facili e veloci da provare:

  • sostituisci l’aglio con una cipolla. Il procedimento è lo stesso, assicurati che la cipolla sia ben appassita prima di aggiungere gli spinaci. Questa variante è perfetta per chi non ama il sapore intenso dell’aglio e desidera un contorno dal gusto più dolce e delicato;
  • utilizza la salsa di soia per insaporire. Questo condimento si sposa bene con qualsiasi variante e aggiunge una piacevole nota aromatica agli spinaci. Se sei intollerante al glutine utilizza la salsa Tamari, ottenuta dalla sola fermentazione della soia senza aggiunta di frumento;
  • aggiungi del formaggio a fine cottura. Prima di servirli, cospargi gli spinaci con del parmigiano in scaglie, poi mescola affinché si sciolga. Puoi utilizzare anche il pecorino grattugiato o del formaggio tagliato a dadini, come la fontina, il caciocavallo o la mozzarella;
  • puoi preparare anche un gustoso strudel di spinaci utilizzando circa 500 g di spinaci cotti in padella e un rotolo di pasta sfoglia. Disponi nella parte centrale della sfoglia gli spinaci sminuzzati, aggiungi 100 g di mozzarella tagliata a cubetti piccoli e arrotola lo strudel delicatamente. Dopo aver sigillato i bordi e praticato delle incisioni orizzontali sulla superficie, cuocilo per circa 30 minuti nel forno statico preriscaldato a 180°.

Come cucinare gli spinaci alla romana con prosciutto

Se hai poco tempo a disposizione per cucinare, ma non vuoi ridurti a preparare un semplice contorno di spinaci in padella, allora non ti resta che sperimentare un grande classico della cucina laziale che si differenzia per l’originale accostamento di ingredienti e sapori. Gli spinaci alla romana con prosciutto, uva sultanina e pinoli sono una specialità degna di nota che non richiede un grande impegno e riesce a fare un’ottima impressione anche nelle grandi occasioni. Puoi cucinarli anche senza l’aggiunta del prosciutto e utilizzare il burro in alternativa all’olio extravergine d’oliva, in base al tuo gusto personale e a quello dei tuoi commensali. Un’altra variante consiste nell’aggiungere due cucchiai di panna a fine cottura per dare al contorno un tocco di cremosità.

Ingredienti

Per cucinare gli spinaci alla romana con prosciutto per 4 persone ti occorrono i seguenti ingredienti:

  • 1 kg di spinaci;
  • 1 spicchio d’aglio;
  • 30 g di pinoli;
  • 40 g di uva sultanina;
  • 60 g di prosciutto crudo;
  • q.b. olio extravergine d’oliva;
  • q.b. sale e pepe.

Procedimento

Per cucinare gli spinaci alla romana, devi innanzitutto mettere in ammollo l’uva sultanina in poca acqua tiepida per circa 30 minuti, affinché possa reidratarsi e ammorbidirsi. Nel frattempo, lava accuratamente le foglie di spinaci sotto l’acqua corrente, poi sbuccia e trita finemente lo spicchio d’aglio. Tampona gli spinaci con un canovaccio per asciugarli da eventuali residui d’acqua, poi soffriggi l’aglio insieme a 5-6 cucchiai di olio extravergine d’oliva, fin quando non appare leggermente dorato.

Unisci gli spinaci, insaporiscili con sale e pepe nero macinato e lasciali appassire per alcuni minuti a fuoco medio. Intanto rosola anche il prosciutto crudo tagliato a cubetti in un padellino a parte, aggiungendo un filo d’olio extravergine d’oliva. Non appena gli spinaci appaiono abbastanza teneri, unisci il prosciutto e mescola con un cucchiaio per far amalgamare i sapori.

Abbassa la fiamma al minimo, copri con un coperchio e lascia cuocere gli spinaci per 5 minuti circa, senza aggiungere acqua. A fine cottura aggiungi l’uva sultanina precedentemente ammollata e ben strizzata, i pinoli e dell’altro pepe nero a piacere. Gli spinaci alla romana sono pronti per essere portati in tavola!

Come cucinare il purè di spinaci e patate

Il purè di spinaci e patate è un primo piatto cremoso e delicato, ideale da proporre anche ai bambini più restii a mangiare le verdure. Semplice da realizzare e ottimo da gustare caldo insieme a dei crostini di pane, questo delizioso purè al profumo di noce moscata può essere cucinato anche senza l’utilizzo di latticini, sostituendo il latte intero vaccino con una bevanda alla soia e omettendo l’aggiunta del parmigiano.

Ingredienti

Ecco quali ingredienti sono necessari per cucinare il purè di spinaci e patate per 4 persone:

  • 1 kg di patate gialle farinose;
  • 500 g di spinaci;
  • 200 ml di latte intero;
  • 60 g di parmigiano grattugiato;
  • q.b. olio extravergine d’oliva;
  • q.b. noce moscata;
  • q.b. sale e pepe.

Procedimento

Per preparare il purè di spinaci e patate, inizia lavando accuratamente entrambi gli ortaggi sotto l’acqua corrente, in modo tale da rimuovere ogni residuo di terra. Dopo aver concluso questa operazione, procedi lessando le patate in abbondante acqua fredda. Dal momento in cui inizia a bollire, attendi circa 40 minuti e scola le patate, poi rimuovi la buccia aiutandoti con un coltello. Non attendere che si raffreddino e passale subito nello schiacciapatate, per ottenere una purea liscia e omogenea.

Mentre le patate cuociono, dedicati alla cottura degli spinaci senza preoccuparti di asciugarli. L’acqua residua del lavaggio è necessaria per garantire una cottura ottimale senza aggiunta di grassi, ma se preferisci puoi ugualmente aggiungere un filo d’olio extravergine d’oliva sul fondo della padella. Copri con un coperchio e fai cuocere gli spinaci a fuoco basso per circa 10 minuti, fin quando non risultano morbidi. A questo punto, trasferiscili nel boccale di un robot da cucina e frullali fino a ottenere una crema liscia.

Unisci la crema di spinaci alla purea di patate, mescola e insaporisci con sale e pepe nero macinato. Versa il composto all’interno di un tegame e intanto porta a ebollizione il latte. Quando il latte è sufficientemente caldo, incorporalo alle verdure versandolo a filo e mescolando intanto con una frusta. Non appena il purè di spinaci e patate appare denso e corposo, toglilo dal fuoco e aggiungi la noce moscata. Portalo in tavola ben caldo e condiscilo con un filo d’olio extravergine d’oliva a crudo.


Di Angelica Mocco

note

[1] Art. 2 L. 13.05.2011, n.77.

[2] Art. 3 del D. M. n. 3746 del 20.06.2014.

[3] Art. 8 del D. M. n. 3746 del 20.06.2014.

[4] Art. 9 del D. M. n. 3746 del 20.06.2014.

[5] Art. 9 Regolamento (UE) n. 1169/2011.


scarica un contratto gratuito
Creato da avvocati specializzati e personalizzato per te

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA