Business | Articoli

Assicurazione auto: che fare in caso di vendita veicolo?

29 Novembre 2017
Assicurazione auto: che fare in caso di vendita veicolo?

Nel caso di vendita dell’auto, oltre alla cessazione dell’assicurazione è possibile spostare la polizza assicurativa su un altro veicolo

Non è infrequente che le compagnie assicurative si vedano porre questo interrogativo: che fare con l’assicurazione dell’auto in caso di vendita del veicolo? Alla domanda si può rispondere nei seguenti modi:

  • Cessazione del contratto;
  • Cessione del contratto;
  • Trasferimento del contratto.

Vediamo di capire in cosa consistono queste modalità e dunque quali sono le sorti dell’assicurazione auto in caso di vendita del veicolo.

Assicurazione auto: cessazione del contratto

La via più nota è certamente quella per cui nel momento in cui il contraente originario dell’assicurazione vende il proprio veicolo, provvede anche alla cessazione del contratto. Con la cessazione il rapporto tra assicurato e compagnia assicurativa cessa e con esso vengono meno le reciproche obbligazioni. Diversa è la disciplina della cessione del contratto che, nonostante l’assonanza linguistica, ha caratteristiche e conseguenze del tutto distinte.

Assicurazione auto: cos’è la cessione del contratto?

La cessione del contratto di assicurazione [1] è un’operazione di trasferimento di proprietario della stessa polizza che deve essere eseguita al momento del passaggio di proprietà del mezzo: la richiesta della cessione del contratto assicurativo, infatti, deve avvenire entro 7 giorni dalla data di vendita dell’auto.

Assicurazione auto: come funziona la cessione?

Se al momento dell’acquisto di un’auto si opta per la cessione dell’assicurazione è bene sapere che l’assicurazione ceduta è valida fino alla scadenza del contratto sottoscritto dal vecchio proprietario, ed in quel momento è possibile rinnovare l’assicurazione con le stesse condizioni oppure stipulare un nuovo contratto con la stessa compagnia assicurativa o altra. Tuttavia, al momento della scadenza del contratto di assicurazione, all’acquirente che è subentrato nel contratto di polizza non è rilasciato l’attestato di rischio, poiché il documento viene inviato direttamente all’originario contraente. Questa operazione ha i suoi vantaggi solo nel momento in cui il nuovo proprietario non abbia un’altra auto e non sia in una classe di merito più vantaggiosa.

Assicurazione auto: trasferimento assicurazione

La cessione del contratto dunque, riguarda il caso in cui nel contratto di assicurazione subentri un terzo soggetto diverso dall’originario contraente, ossia il compratore. Tuttavia, in caso di vendita del veicolo (ma ciò vale anche nel caso di furto e rottamazione), il proprietario può anche optare per il trasferimento dell’assicurazione su un altro veicolo di sua proprietà. Come funziona in questi casi? Per scoprirlo è bene premettere che per il trasferimento di assicurazione da un’auto all’altra intestate alla stessa persona, è necessario in primo luogo verificare le situazioni che hanno determinato il cambio. Infatti, i casi in cui è possibile richiedere un passaggio di assicurazione da un veicolo a un altro, sono i seguenti:

  • vendita del veicolo,
  • rottamazione;
  • furto;
  • esportazione all’estero.

In queste circostanze l’assicurato deve essere in grado di dimostrare di aver venduto o rottamato la vecchia auto attraverso l’invio alla compagnia assicurativa dei seguenti documenti:

  • il passaggio di proprietà per il veicolo venduto,
  • il certificato di rottamazione per il veicolo rottamato.,
  • la denuncia di furto, il nuovo certificato di proprietà e le chiavi del veicolo nel caso di furto dell’automobile.

In ogni caso è bene consultare la propria compagnia assicurativa per conoscere con precisione quanto richiesto in ogni specifico caso.


note

[1] art. 1406 Cod. Civ.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube