Business | Articoli

Furto beni aziendali: cosa rischia il lavoratore?

7 Marzo 2018 | Autore:
Furto beni aziendali: cosa rischia il lavoratore?

Il furto di beni aziendali da parte del lavoratore è una delle cause più frequenti di licenziamento a prescindere dal valore dei beni 

Il furto dei beni aziendali è da sempre una delle violazioni che più di frequente conducono al licenziamento del lavoratore.

Furto beni aziendali: la disciplina del licenziamento

Questa tipologia di licenziamento, detta licenziamento disciplinare, sfugge alle regole generali poste a tutela del lavoratore nei casi di cessazione del rapporto di lavoro. Il datore di lavoro, infatti, può licenziare in tronco il dipendente sorpreso a rubare senza dovergli comunicare alcun preavviso, senza dovergli corrispondere alcuna indennità sostitutiva e senza temere una vertenza da parte del lavoratore.  Questo perché nell’ipotesi in cui il lavoratore venga sorpreso a rubare denaro o beni dell’azienda, aldilà dei profili di responsabilità penale, viene meno in primo luogo la fiducia che regge il rapporto di lavoro.

È bene ricordare, infatti, che una simile condotta, costituisce una grave violazione del dovere di lealtà che il dipendente è tenuto a rispettare nel rapporto di lavoro. Per cui, oltre ai profili strettamente economici legati al furto in sé, ciò che assume rilevanza e giustifica il licenziamento è il venir meno dell’affidabilità del lavoratore agli occhi del datore di lavoro. Nonostante, dunque, il licenziamento sia l’extrema ratio tra le sanzioni in concreto comminabili al lavoratore, nel caso in commento (ossia del furto di cose di proprietà del datore di lavoro) si può ritenere che lo stesso sia una misura giustificata e proporzionata. Tuttavia, nella realtà dei fatti – come anche nelle aule dei tribunali – si discute in ordine al profilo quantitativo del furto. Vale a dire: il cassiere della banca che ruba centinaia di migliaia di euro può essere equiparato a chi ruba una mela al supermercato?

Furto beni aziendali e tenuità del fatto

In principio le due condotte di furto di una mela e furto di una ingente somma di denaro sono identiche e dunque dovrebbero comportare le medesime conseguenze sia in termini di rilevanza penale che in termini di licenziamento del lavoratore. Tuttavia, da un punto di vista penalistico vige il principio della particolare tenuità del fatto per cui l’ordinamento giuridico non ha interesse a punire un fatto che – sebbene costituisca reato – ha una scarsa carica offensiva. In effetti per l’ordinamento giuridico non è economicamente conveniente punire il dipendente di un supermercato che durante il proprio turno si appropri di un pacco di biscotti preso dallo scaffale, o mangi un panino destinato alla vendita.

Ciò significa che il fatto in sé continua ad essere penalmente illecito, ma l’ordinamento ritiene inutile punirlo.  Alla luce di questa osservazione, dunque, bisogna chiarire se il furto di lieve entità – anche nelle ipotesi in cui non sia penalmente rilevante – sia idoneo a giustificare un licenziamento disciplinare.

Di recente la Cassazione ha affermato che è legittimo il licenziamento del lavoratore che sottrae beni di proprietà dell’azienda indipendentemente dalle caratteristiche e dal valore degli stessi [1]. Ne consegue, dunque, che il licenziamento è legittimo anche nel caso in cui il furto in azienda – per la sua tenuità – non risulti penalmente punibile. Per comprendere quanto detto bisogna sempre considerare la profonda distinzione tra i profili penali e quelli civili derivanti dalla condotta del lavoratore. Il giudizio civile (o del lavoro) e quello penale, infatti, sono procedimenti autonomi ed il giudice civile può effettuare una qualificazione diversa dei fatti da quella compiuta dal giudice penale.

Dello stesso avviso un’altra pronuncia della Cassazione [2] che ha ritenuto legittimo il licenziamento comminato ad un lavoratore che era stato colto nell’atto di sottrarre dei dolciumi dai banconi del supermercato nel quale lavorava. Secondo i giudici, infatti, anche un fatto tenue come quello oggetto del giudizio è idoneo a recidere il rapporto di fiducia intercorrente tra datore di lavoro e lavoratore. Il furto, infatti, aldilà del valore dei beni in concreto sottratti, costituisce una grave mancanza del lavoratore. La violazione del vincolo fiduciario rende legittima la decisione del datore di lavoro di comminare la sanzione estrema del licenziamento.

Da quanto detto deriva che nel caso di furto di beni dell’azienda, se anche il lavoratore riuscisse ad evitare il procedimento penale e la relativa condanna per l’esiguità del danno arrecato al proprio datore di lavoro, difficilmente potrebbe sfuggire al licenziamento.


note

[1] Cass. sent. n. 8816 del 05.04.2017.

[2] Cass. Sez. Lav. sent. n. 24014 del 12.10.2017.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

1 Commento

  1. buongiorno,
    sono un infermiere mi è stato fatto un provvedimento disciplinare per aver mangiato un vitto destinato ad essere buttato poichè in esubero.
    rischio il licenziamento per appropriazione indebita di un bene aziendale?

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube