Diritto e Fisco | Articoli

La marijuana è legale?

21 Gennaio 2019 | Autore:


> Diritto e Fisco Pubblicato il 21 Gennaio 2019



Cos’è la marijuana? Il consumo della marijuana e della cannabis è legale in Italia? Quali sono le conseguenze giuridiche?

La legislazione italiana è torrenziale: nuove leggi vengono emanate continuamente, aggiungendosi al mare magnum già esistente. Nessuno sa quante leggi siano attualmente in vigore in Italia: sicuramente centinaia di migliaia, forse milioni. Se consideri che ogni singola legge può contenere, al suo interno, tantissime norme, cioè precetti o divieti vincolanti per la società, potrai farti una pallida idea del numero praticamente sterminato di disposizioni vigenti nel nostro Paese. Questa è una delle ragioni per cui non sempre è ben chiaro cosa sia permesso e cosa no: in altre parole, a causa del gran numero di leggi, a volte si perde di vista il confine tra la legalità e l’illegalità. Caso emblematico è quello della marijuana, una delle più note varietà di cannabis. Mi sapresti dire con certezza se la marijuana è legale? E se sì, quando? L’incertezza che si registra intorno a questi quesiti è data fondamentalmente dal tenore della legge italiana, la quale risulta sul punto oscura oppure di difficile comprensione. Sicuramente saprai che il consumo di qualsiasi tipo di sostanza stupefacente, leggera o meno, è consentito se fatto per uso personale: in pratica, se decidi di drogarti, non sei penalmente perseguibile. Il problema è se cedi la droga ad altri: lo spaccio è un grave delitto, punito con la reclusione. Rispondere al quesito «la marijuana è legale?» significa dover analizzare la problematica distinguendo a seconda della singola situazione: fare uso personale di marijuana è legale (sarebbe più corretto dire che non fa incorrere in conseguenze di natura penale); cederla no; coltivarla nemmeno, a meno che non si rientri nell’ipotesi della canapa avente principio psicoattivo inferiore ai limiti di legge. È allora il caso di fare chiarezza. Se sei interessato a quanto sinora detto e vuoi saperne di più sull’argomento, allora ti invito a proseguire nella lettura di questo articolo: ti spiegherò, in modo semplice e chiaro, se la marijuana è legale.

Marijuana: cos’è?

Prima di capire se la marijuana è legale, è appena il caso di spendere due parole su cosa sia la marijuana. Se non lo sai, la marijuana è una sostanza psicoattiva che si ottiene dalle infiorescenze essiccate della cannabis, cioè delle piante femminili di canapa. In poche parole, la marijuana si ricava dalla pianta della canapa.

Come ti dirò nel corso dell’articolo, la canapa, di per sé, non è illegale: il problema è la quantità di sostanza psicoattiva in essa contenuta. In tutte le varietà di canapa, infatti, sono presenti, in concentrazioni e proporzioni variabili, diverse sostanze psicoattive, tra cui il delta-9-tetraidrocannabinolo (comunemente detto thc), che è sostanza stupefacente, in grado di alterare la percezione psicosensoriale di chi la assume. Poiché la marijuana è un preparato derivante dalla canapa ed è sostanza avente thc elevato, il suo consumo è consentito solamente per uso personale o, eccezionalmente, per uso terapeutico: come vedremo, ciò significa che chi fuma marijuana non è penalmente perseguibile, ma rischia comunque di incorrere in una sanzione amministrativa.

Marijuana: è legale farne uso?

La marijuana è legale? Solamente se ne fai un uso personale, senza cederla (nemmeno gratuitamente) a terzi: lo spaccio di sostanze stupefacenti è un reato molto grave, punito con sanzioni elevate. Secondo la legge, chi fa uso di droghe non commette, di per sé, alcun reato, salvo il ricorrere di alcune circostanze (ad esempio, guida di un’autovettura) e salvo la possibilità di incorrere in sanzioni amministrative, come ad esempio la sospensione o la revoca della patente, la revoca del porto d’armi, ecc. Al contrario, rischia pene molto dure colui che spaccia droga.

Nello specifico, la legge sanziona severamente (fino a venti anni di detenzione) tutta una serie di condotte che riguardano le sostanze stupefacenti: si va dalla coltivazione alla produzione, dalla fabbricazione all’estrazione passando per la cessione, l’offerta, la distribuzione, il commercio e il trasporto di sostanze stupefacenti [1].

Marijuana: quando è illegale?

Abbiamo capito che la marijuana è legale se la usi per te stesso. Il punto è che non è sempre facile capire se la droga trovata addosso ad una persona sia destinata all’uso personale (perfettamente legale) oppure allo spaccio (che, invece, costituisce reato). Normalmente, per capire se le sostanze rinvenute siano cedute oppure tenute per sé le autorità fanno attenzione ad alcune circostanze, quali:

  • il quantitativo (una grossa dose difficilmente sarà destinata esclusivamente all’uso personale);
  • la presenza di accessori, quali coltellini, carta stagnola, bilancini e altri strumenti che, di solito, sono utilizzati per preparare la droga per la vendita;
  • la presenza di grosse somme di denaro, introiti dello spaccio.

Secondo la giurisprudenza [2], inoltre, è illegale coltivare la marijuana o, comunque, qualsiasi pianta (anche diversa dalla cannabis) dalla quale è estraibile la droga, a meno che non si rientri nelle particolari ipotesi di coltivazione della canapa per specifiche finalità (per approfondire questo argomento ti rimando alla lettura dell’articolo Cannabis legale: cosa prevede la legge).

Marijuana: quali conseguenza legali?

Tirando le fila di quanto sinora detto, possiamo dire che la marijuana è legale, o meglio, non costituisce reato, se la detenzione è per uso personale; resta comunque una condotta punita a titolo di illecito amministrativo. Secondo la legge, le sanzioni previste per chi viene trovato in possesso di marijuana sono:

  • sospensione della patente di guida, del certificato di abilitazione professionale per la guida di motoveicoli e del certificato di idoneità alla guida di ciclomotori o divieto di conseguirli per un periodo fino a tre anni;
  • sospensione della licenza di porto d’armi o divieto di conseguirla;
  • sospensione del passaporto e di ogni altro documento equipollente o divieto di conseguirli;
  • sospensione del permesso di soggiorno per motivi di turismo o divieto di conseguirlo se cittadino extracomunitario [3].

A queste ipotesi vanno aggiunte quelle specificamente previste dagli altri provvedimenti: ad esempio, chi è colto alla guida sotto l’effetto di sostanze stupefacenti rischia, dal punto di vista penale, l’ammenda da 1.500 a seimila euro e l’arresto da sei mesi ad un anno e, dal punto di vista amministrativo, la sospensione della patente di guida da uno a due anni [4]. Le pene sono aumentate nel caso in cui il conducente sotto effetto di sostanze stupefacenti abbia causato un incidente, abbia meno di ventuno anni oppure abbia conseguito la patente di guida da meno di tre anni.

Marijuana: è legale l’uso terapeutico?

Abbiamo chiarito che la marijuana è legale in determinate circostanze, mentre in altre è assolutamente illecita. In realtà, finora abbiamo distinto la marijuana a seconda che il suo consumo sia punito penalmente oppure solo in via amministrativa; vi sono tuttavia dei casi in cui la marijuana è legale nel vero senso della parola, in quanto il suo utilizzo non comporta alcuna conseguenza. Si tratta dell’ipotesi di marijuana per uso terapeutico, la quale può essere prescritta dal medico solo quando i trattamenti convenzionali non danno risultati soddisfacenti o non sono più sufficienti a controllare i sintomi indotti da alcune patologie. Ad esempio, la prescrizione di farmaci contenenti marijuana è frequente per alleviare dolori cronici di forte intensità dovuti alle sedute chemioterapiche oppure ogniqualvolta ci sia bisogno della terapia del dolore.

note

[1] Art. 73, D.p.r. 309/90.

[2] Cass., sentenza n. 38868 del 24 agosto 2018.

[3] Art. 75, D.p.r. 309/90.

[4] Art. 187 codice della strada.

Autore immagine: Unsplash.com


scarica gratis il tuo contratto su misura

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA