Diritto e Fisco | Articoli

Cartella esattoriale per multa: conseguenze mancata opposizione

20 Gennaio 2019


Cartella esattoriale per multa: conseguenze mancata opposizione

> Diritto e Fisco Pubblicato il 20 Gennaio 2019



Se scadono i termini per impugnare la multa e il proprietario dell’auto riceve la cartella di pagamento non può più sollevare le contestazioni che avrebbe potuto sollevare contro la contravvenzione salvo che questa non sia mai stata notificata.

Qualche anno fa hai ricevuto delle multe stradali che, all’epoca, hai ritenuto di non contestare. Il valore dei verbali era irrisorio rispetto alle spese legali che avresti sostenuto. A ciò si aggiungeva l’incertezza sulla vittoria del ricorso. Ora però è arrivata una cartella esattoriale con la richiesta di pagamento di tutte le somme in un’unica soluzione. Somme che nel frattempo sono lievitate: alle iniziali contravvenzioni si sono infatti aggiunte le sanzioni e gli interessi. Ti è stato detto che, se non saldi il dovuto, rischi il fermo auto. Non ti puoi permettere di restare a piedi: la macchina ti serve per andare al lavoro e per portare i bambini a scuola. Decidi dunque che è arrivato il momento per “mettere in mezzo l’avvocato” e chiedergli di fare ricorso. Ma quali contestazioni puoi sollevare una volta giunto a questa fase della procedura di riscossione? Se ricevi una cartella esattoriale per la multa, quali sono le conseguenze della mancata opposizione all’originario verbale della polizia? A spiegare come stanno le cose è una recente ordinanza della Cassazione [1].

Che succede se non impugno la multa?

Chi riceve una multa e non fa ricorso nei termini di legge non può più esimersi dal pagare la sanzione, legittima o illegittima che sia. Ad esempio, un verbale palesemente viziato per errore sull’identità del trasgressore, se non opposto, diventa definitivo. Non conta il fatto di aver presentato una richiesta di annullamento alla polizia se questa non ha riscontrato l’istanza: il silenzio si considera diniego. 

Per il ricorso puoi optare per un più costoso procedimento al giudice di pace (che ti impone di versare il contributo unificato di non meno di 40 euro circa) da presentare nei 30 giorni successivi alla notifica della multa; oppure puoi avanzare ricorso al Prefetto, gratuito ed entro 60 giorni dalla multa, ma con più scarse possibilità di vittoria (si tratta infatti di un organo di parte, non terzo e imparziale come il giudice). Vero è che se il Prefetto non si pronuncia nei 210 giorni successivi al ricevimento del tuo ricorso, lo stesso si considera accolto. 

Prescrizione e decadenza multe

Se la multa non è stata consegnata al proprietario dell’auto nell’immediatezza dell’infrazione, gli va notificata a casa entro massimo 90 giorni dall’infrazione. Dopo tale termine la contravvenzione è illegittima; tuttavia tale vizio va fatto valere con l’opposizione, altrimenti si “sana” e la multa andrà pagata lo stesso.

In ogni caso, dal momento della notifica della multa ai successivi solleciti o cartelle esattoriali non possono decorrere più di cinque anni: dopo tale termine il diritto di credito dell’amministrazione cade in prescrizione.

Multa non contestata: conseguenze

La multa non contestata diventa definitiva. Sul piano economico l’importo viene maggiorato. Difatti, quando ricevi il verbale, la sanzione da pagare è in misura ridotta. Invece, se lasci passare 60 giorni, questa passa “in misura piena”, per un importo che quasi sempre è pari al doppio.

In più ogni sei mesi scattano gli interessi del 10%: mica poco se consideri che, dal momento del ricevimento della contravvenzione a quando riceverai la cartella esattoriale, possono passare diversi anni.

Divenuta definitiva la multa, il Comune incarica l’agente della riscossione locale di provvedere alla riscossione forzata delle somme previa notifica della cartella esattoriale. Lo fa delegandolo con un apposito atto che si chiama ruolo. Il ruolo è un documento che identifica il credito dell’amministrazione, l’ammontare e il soggetto debitore. Da quando il ruolo viene dichiarato esecutivo (data riportata sulla successiva cartella esattoriale), l’esattore ha 2 anni al massimo per notificare la cartella. Se questa dovesse arrivare dopo, si avrebbe un motivo di opposizione (la cosiddetta decadenza).

In più la cartella non può arrivare dopo cinque anni dalla notifica della multa: come infatti abbiamo detto, dopo tale termine si verifica la prescrizione.

Opposizione contro cartella per multa non contestata

Ricevuta la cartella non si possono più mettere in discussione i vizi della multa. Ad esempio se la contravvenzione era stata spedita al conducente dopo i 90 giorni, oppure l’autovelox non era presegnalato dal cartello, l’automobilista non può più far valere tali motivi di ricorso contro la cartella esattoriale. Doveva invece sollevarli entro i termini di ricorso contro la multa. Divenuta quest’ultima definitiva, l’unica arma che ha il cittadino è impugnare la cartella esattoriale per vizi propri ossia relativi alla formazione di tale “titolo”. È il caso della cartella non motivata, che non indica cioè per quale ragione sono richieste le somme.

La Cassazione ha ribadito tali principi: qualora i verbali dai quali scaturiscono le sanzioni oggetto della riscossione esattoriale siano stati notificati da tempo, e senza che sia stata proposta tempestiva opposizione da parte del proprietario dell’auto, non è più possibile contestare la cartella sulla base di eccezioni che andavano fatte valere con la stessa opposizione.

Già nel 2007 [2] le Sezioni Unite della Corte avevano chiarito che se la multa non è impugnata davanti al giudice o al Prefetto, diventa titolo esecutivo per la riscossione della pena pecuniaria.

Solo in un caso si può impugnare la cartella per un vizio della multa: se quest’ultima non è mai stata notificata e, dunque, la cartella è il primo atto che riceve l’automobilista. In tal caso, il difetto di notifica implica l’annullamento della cartella [3]. 

note

[1] Cass. ord. n. 1238/19 del 17.01.2019.

[2] Cass. S. U. sent. n. 16/2007.

[3] Cass., Sezione VI Civile, ordinanza n. 5803/2015. Le Sezioni Unite (sentenza n. 22080/2017) hanno inoltre spiegato che l’opposizione alla cartella di pagamento, emessa per la riscossione di una sanzione amministrativa pecuniaria, comminata per violazione stradale, quando la parte deduca che costituisce il primo atto col quale è venuta a conoscenza della sanzione irrogata, in ragione della nullità o dell’omissione della notificazione del processo verbale di accertamento della violazione, deve essere proposta ai sensi dell’art. 7 d.lgs. n. 150/2011, e non nelle forme dell’opposizione all’esecuzione (ex art. 615 c.p.c.), e, pertanto, entro trenta giorni dalla notificazione della cartella. Consegue che, divenuto definitivo l’accertamento contenuto nel verbale non opposto, per l’omessa opposizione nel termine decorrente dalla notifica, è preclusa la verifica della sussistenza dei fatti costitutivi e/o impeditivi della pretesa sanzionatoria in esso consacrata, tra cui anche la notifica, o l’omessa notifica, del verbale.

Corte di Cassazione, sez. VI Civile – 2, ordinanza 10 ottobre 2018 – 17 gennaio 2019, n. 1238

Presidente D’Ascola – Relatore Criscuolo

Motivi in fatto ed in diritto della decisione

Il Tribunale di Firenze, con la sentenza n. 2565 dell’8 luglio 2016 accoglieva l’appello promosso dal Comune di Firenze avverso la sentenza del Giudice di Pace di Firenze n. 1526/2014, con la quale era stata annullata la cartella esattoriale emessa in favore dell’appellante, per sanzioni amministrative per violazioni del codice della strada da parte di conducenti di vetture di proprietà dell’Avis ed oggetto di noleggio senza conducente.

Ed, invero, mentre il giudice di prime cure si era risolto a favore della tesi secondo cui il Comune si sarebbe dovuto rivolgere in esclusiva ai conducenti dei veicoli noleggiati, ad avviso del Tribunale invece meritava condivisione la tesi dell’appellante a mente della quale, poiché i verbali dai quali scaturivano le sanzioni oggetto della riscossione esattoriale, erano stati notificati anni addietro, senza che fosse state proposta tempestiva opposizione da parte della società, non era possibile contestare la cartella, sulla base di eccezioni che andavano invece fatte valere con la tempestiva impugnazione dei verbali.

La circostanza che l’appellata avesse poi comunicato ex art. 196 C.d.S. dopo la notifica dei verbali, i nominativi dei vari locatari autori delle violazioni, non aveva rilievo, in quanto in ogni caso sarebbe stato necessario proporre ricorso amministrativo al Prefetto ovvero ricorso al giudice di pace.

Per la cassazione di tale sentenza propone ricorso Avis Budget Italia sulla base di due motivi.

Il Comune di Firenze resiste con controricorso.

Equitalia Sud S.p.A. non ha svolto difese in questa fase.

Il primo motivo di ricorso denunzia la violazione e falsa applicazione della L. n. 689 del 1981, artt. 22 e 23, art. 386 reg. C.d.S. e dell’art. 196 C.d.S., nella parte in cui il Tribunale ha ritenuto preclusa la contestazione circa la responsabilità della società, in conseguenza della mancata impugnazione dei verbali di infrazione, appunto notificati alcuni anni addietro.

In realtà deve ritenersi che sia possibile impugnare la cartella esattoriale non solo in caso di omessa notifica del verbale o dell’ordinanza ingiunzione, ma anche in ogni caso in cui si intenda contestare la sostanziale assenza del provvedimento sanzionatorio.

Nella fattispecie la doglianza, che investiva la stessa responsabilità della società che svolge attività di noleggio di veicoli senza conducente ai sensi dell’art. 84 C.d.S., consentiva l’impugnazione della cartella esattoriale, occorrendo altresì considerare che aveva a suo tempo comunicato ex art. 196 i nominativi di coloro che avevano noleggiato le vetture e si erano resi responsabili delle infrazioni contestate.

Pertanto, essendo solo il conduttore ovvero il conducente responsabili, l’amministrazione avrebbe dovuto, una volta ricevuta la comunicazione, notificare un nuovo verbale di contestazione ai responsabili.

Il secondo motivo denunzia l’omesso esame di un fatto decisivo per il giudizio ai sensi dell’art. 360 c.p.c., comma 1, n. 5, rappresentato dall’avvenuta comunicazione ai sensi dell’art. 196, sicché per effetto del combinato disposto di tale previsione con l’art. 386 reg. C.d.S., e conformemente all’opinione della stessa P.A., come manifestata in circolari del Ministero dell’Interno, la richiesta sanzionatoria andava indirizzata nei confronti del conducente ovvero del locatario.

I motivi, che possono essere congiuntamente esaminati per la loro connessione, sono infondati e devono pertanto essere rigettati.

Reputa il Collegio che sia incensurabile la soluzione alla quale è pervenuto il giudice di appello – che peraltro ha precluso anche la disamina nel merito della questione concernente la pretesa responsabilità della società di autonoleggio per le infrazioni commesse da veicoli di sua proprietà nel periodo in cui sono oggetto di locazione, di ritenere che l’opposizione avverso la cartella esattoriale fosse inammissibile – per non avere la società proposto a suo tempo tempestiva opposizione al Prefetto ovvero in sede giurisdizionale avverso i verbali con i quali le era stata contestata l’infrazione.

Ed, invero, ancorché sulla questione di fondo questa Corte, con soluzione che al Collegio appare del tutto meritevole di condivisione, abbia avuto modo di recente di pronunciarsi, affermando che in tema di sanzioni amministrative pecuniarie per infrazioni stradali, il locatore del veicolo senza conducente è responsabile in solido, giacché l’art. 196 C.d.S., pur menzionando esclusivamente il locatario, intende assicurare il pagamento di un soggetto agevolmente identificabile, mentre l’identità del locatario, di regola, è nota soltanto al locatore (così Cass. n. 18988/2015), effettivamente deve reputarsi che la mancata opposizione avverso i verbali a suo tempo notificati abbia efficacia preclusiva.

Le Sezioni Unite di questa Corte hanno difatti precisato che (cfr. Cass. S.U. n. 16/2007) il verbale di accertamento della violazione è impugnabile in sede giudiziale unicamente se concerne l’inosservanza di norme sulla circolazione stradale, essendo in questo caso soltanto idoneo ad acquisire il valore e l’efficacia di titolo esecutivo per la riscossione della pena pecuniaria nell’importo direttamente stabilito dalla legge, mentre quando, invece, riguarda il mancato rispetto di norme relative ad altre materie, il verbale non incide “ex se” sulla situazione giuridica soggettiva del presunto contravventore, essendo esclusivamente destinato a contestargli il fatto e a segnalargli la facoltà del pagamento in misura ridotta, in mancanza del quale l’autorità competente valuterà se vada irrogata una sanzione e ne determinerà l’entità, mediante un ulteriore atto, l’ordinanza di ingiunzione, che potrà formare oggetto di opposizione ai sensi della L. n. 689 del 1981, art. 2.

Ne consegue che poiché avverso la cartella esattoriale o l’avviso di mora emessi ai fini della riscossione di sanzioni amministrative pecuniarie è ammissibile l’opposizione, ai sensi della L. n. 689 del 1981, art. 22, soltanto ove la parte deduca che essa costituisce il primo atto con il quale è venuta a conoscenza della sanzione irrogatale, in quanto sia mancata la notificazione dell’ordinanza-ingiunzione (così ex multis Cass. n. 21793/2010), l’opposizione avverso la cartella esattoriale, ancorché in funzione recuperatoria della mancata contestazione del provvedimento irrogativo della sanzione, presuppone in ogni caso la mancata notificazione del precedente verbale di contestazione (cfr. Cass. n. 5803/2015). L’avvenuta notificazione dei verbali alla società le imponeva quindi, in aggiunta alla comunicazione dei nominativi dei presunti (cor)responsabili, di dover altresì proporre opposizione avverso i verbali, anche la fine di far valere le eventuali illegittimità ricollegabili alla dedotta assenza di responsabilità per le infrazioni commesse, la cui omissione determina quindi la definitività del provvedimento sanzionatorio, e la conseguente impossibilità di poter far valere con l’impugnazione della cartella esattoriale, le doglianze che invece andavano rivolte nei confronti del verbale (in tal senso non può reputarsi deporre a favore della tesi della ricorrente nemmeno il precedente di questa Corte n. 16717/2004, che in relazione ad una fattispecie analoga, si è però arrestata al rilievo della mancata allegazione, ai fini del rispetto del principio di autosufficienza del se e come fosse stata effettuata la comunicazione di cui all’art. 386 reg. C.d.S.).

Tale conclusione ha poi trovato conferma anche in Cass. S.U. n. 22080/2017 che nel chiarire l’opposizione alla cartella di pagamento, emessa ai fini della riscossione di una sanzione amministrativa pecuniaria, comminata per violazione del codice della strada, ove la parte deduca che essa costituisce il primo atto con il quale è venuta a conoscenza della sanzione irrogata, in ragione della nullità o dell’omissione della notificazione del processo verbale di accertamento della violazione, deve essere proposta ai sensi del D.Lgs. n. 150 del 2011, art. 7, e non nelle forme dell’opposizione all’esecuzione ex art. 615 c.p.c., e, pertanto, entro trenta giorni dalla notificazione della cartella, ha ribadito che (cfr. punto 7.1 della motivazione) una volta divenuto definitivo l’accertamento contenuto nel verbale non opposto, per la mancata opposizione nel termine decorrente dalla notifica, è preclusa la verifica della sussistenza dei fatti costitutivi/impeditivi della pretesa sanzionatoria in esso consacrata, tra cui anche la notifica/omessa notifica del verbale.

La conferma della statuizione di inammissibilità della contestazione della cartella esattoriale, per vizi propri del provvedimento sanzionatorio adottato a monte, rende quindi del tutto privo di decisività il fatto concernente l’avvenuta comunicazione dei nominativi dei locatari, trattandosi peraltro di circostanza comunque esaminata in sentenza, ma correttamente ritenuta priva di rilievo ai fini della soluzione della controversia.

Il ricorso deve pertanto essere rigettato.

Le spese seguono la soccombenza e si liquidano come da dispositivo.

Nulla per le spese per l’intimata che non ha svolto attività difensiva.

Poiché il ricorso è stato proposto successivamente al 30 gennaio 2013 ed è rigettato, sussistono le condizioni per dare atto – ai sensi della L. 24 dicembre 2012, n. 228, art. 1, comma 17, (Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato – Legge di stabilità 2013), che ha aggiunto al testo unico di cui al D.P.R. 30 maggio 2002, n. 115, art. 13, il comma 1-quater – della sussistenza dell’obbligo di versamento, da parte della ricorrente, dell’ulteriore importo a titolo di contributo unificato pari a quello dovuto per la stessa impugnazione.

P.Q.M.

Rigetta il ricorso e condanna la ricorrente al rimborso delle spese in favore del controricorrente che liquida in complessivi Euro 2.200,00 di cui Euro 200,00 per esborsi, oltre spese generali pari al 15% sui compensi, ed accessori come per legge;

Ai sensi del D.P.R. n. 115 del 2002, art. 13, comma 1 quater, inserito dalla L. n. 228 del 2012, art. 1, comma 17, dichiara la sussistenza dei presupposti per il versamento da parte della ricorrente del contributo unificato dovuto per il ricorso principale a norma dell’art. 1 bis dello stesso art. 13.

 


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

1 Commento

  1. Ormai lo so, anzi, lo sappiamo: l’ignoranza della legge non scusa, ergo inutile fare i giochi di forza con le autorità, giuste o ingiuste che siano le premesse in atto, vale a dire notifiche e quant’altro inerente. Mi resta solo una domanda da fare: perché, vista la reiterazione di errori da parte delle citate autorità (una per tutte le ricorrenti “cartelle pazze”), debba essere io ad attivarmi per difendermi da qualcosa che sono pienamente certo e consapevole di non aver commesso?. Anni fa ho ricevuto una multa per omesso pagamento del pedaggio autostradale da Milano a Reggio Calabria, ma quello stesso giorno ero in Alto Piemonte. Nell’occasione ho potuto dimostrarlo con la ricevuta del pagamento del passaggio da Milano a Gravellona Toce, ma se non l’avessi più avuta? Detto per inciso Autostrade per l’Italia aveva SBAGLIATO targa!!! Però quelle che eufemisticamente definisco “le seccature” me le sono dovute risolvere in prima persona!!! Ai posteri la risposta, se c’è…

Rispondi a ted Annulla risposta

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA