Food | Articoli

Come cucinare l’arrosto

12 Febbraio 2019 | Autore:

> Food Pubblicato il 12 Febbraio 2019



Consigli per un’alimentazione sana ed otto ricette di arrosto per un secondo piatto saporito e gustoso.

Che sia Natale, Capodanno, Pasqua, domenica o semplicemente una serata o un pranzo da condividere in allegria con amici e parenti, se vuoi cucinare un secondo piatto da leccarsi i baffi puoi preparare un arrosto. Succulento, morbido e aromatico, l’arrosto è spesso protagonista delle feste e delle domeniche in famiglia. Puoi realizzare un piatto gourmet ed elaborato oppure un piatto semplice e tradizionale. Se ti stai chiedendo come cucinare l’arrosto, stai leggendo l’articolo che fa per te. Dopo un focus relativo al consumo di carne e alla sicurezza degli alimenti, troverai otto ricette appetitose a cui nessuno dei tuoi ospiti potrà resistere: l’arrosto di agnello farcito, l’arrosto di tacchino, l’arrosto di maiale, l’arrosto di capretto al latte, l’arrosto di vitello, l’arrosto di vitello alla panna, l’arrosto di vitello all’arancia, l’arrosto farcito agli aromi.

Consumo di carne e sicurezza degli alimenti

La sicurezza degli alimenti è fondamentale per la nostra salute. Il cibo contaminato dal punto di vista microbiologico o contenente prodotti chimici dannosi, può rappresentare un serio pericolo per il nostro benessere e provocare gravi conseguenze che possono manifestarsi dopo poco tempo (tossinfezioni acute) oppure a distanza di molti anni.

Tutto il processo produttivo che porta il cibo sulle nostre tavole deve assicurare il rispetto di specifiche misure volte a preservare la qualità degli alimenti e garantire la tutela della salute dei consumatori. Per saperne di più sull’argomento, leggi l’articolo “Sicurezza alimentare: come tutelarsi a tavola“.

A proposito del rischio legato alla cancerogenicità delle carni rosse (fresche o trasformate), in un recente parere [1] del Comitato nazionale per la sicurezza alimentare (CNSA) è possibile leggere che il tumore al colon-retto è il risultato di una pluralità di fattori ed è innescato dall’interazione tra ambiente, stile di vita e genetica. In questo quadro generale, giocano un ruolo significativo: la sedentarietà, lo scarso consumo di fibre, l’eccesso di calorie nella dieta, una cattiva alimentazione, lo stile di vita.

E’ per questo motivo che sono state elaborate alcune raccomandazioni:

  • seguire un regime alimentare vario, ispirato al modello mediterraneo, ed evitare l’eccessivo consumo di carne rossa (fresca o trasformata);
  • fare attenzione alle modalità di preparazione e cottura degli alimenti. E’ consigliabile limitare la cottura alla griglia ad alte temperature e le fritture;
  • ridurre l’apporto di grassi e proteine animali;
  • favorire l’assunzione di cibi ricchi di vitamine e fibre;
  • mantenere un peso corporeo corretto durante tutto l’arco della vita;
  • praticare regolarmente attività fisica.

Prima di lasciarti alle ricette di arrosto, voglio darti un ultimo consiglio. In caso di barbecue cerca di evitare la puzza di arrosto: il vicino potrebbe arrivare a chiederti il risarcimento del danno per immissioni superiori alla normale tollerabilità. Per maggiori informazioni leggi Il vicino può impedirmi di fare il barbecue?.

Arrosto di tacchino

L’arrosto di tacchino è una pietanza davvero invitante. Il segreto della sua riuscita? La pancetta affumicata ed il brandy: un abbinamento gastronomico in grado di esaltare il tuo piatto e deliziare le papille gustative.

Ingredienti per 4 persone

Ecco ciò che ti occorrerà per preparare questa ricetta:

  • 800 g di petto di tacchino;
  • 100 g di pancetta affumicata;
  • 3 costole di sedano bianco;
  • un cucchiaino di cannella in polvere;
  • 2 spicchi di aglio;
  • brodo di dadi;
  • 2 bicchierini di brandy;
  • mezzo bicchiere di olio extravergine di oliva;
  • sale e pepe quanto basta.

Preparazione

In una casseruola, metti a freddo il petto di tacchino con la pancetta affumicata tagliata a listarelle, le costole di sedano private dei filamenti e spezzettate, gli spicchi di aglio schiacciati, la cannella, mezzo bicchiere di olio, una manciata di sale e pepe.

Fai cuocere in forno caldo per circa un’ora e mezza a temperatura moderata. Di tanto in tanto aggiungi un po’ di brodo.

Una volta che la cottura sarà ultimata, togli la casseruola dal forno e mettila sul fornello. Aggiungi una spruzzata di brandy sul tacchino. Si infiammerà, ma non temere la fiamma si spegnerà spontaneamente.

A questo punto, potrai trasferire l’arrosto in un piatto da portata e servirlo ai tuoi ospiti.

Arrosto di maiale

L’arrosto di maiale è un secondo molto semplice da preparare, ma richiede una lunga cottura. Il sapore pungente dello zenzero ed il gusto succoso della marmellata di prugne decreteranno il successo del tuo piatto.

Ingredienti per 4 persone

Gli ingredienti per preparare questa ricetta sono:

  • 1 kg di polpa di maiale;
  • 50 g di lardo;
  • un cucchiaino di zenzero in polvere;
  • un cucchiaio di marmellata di prugne;
  • mezzo bicchiere di olio extravergine di oliva;
  • 3 cucchiai di aceto;
  • mezzo litro di brodo di dadi;
  • un cavolo rosso da circa 1 kg;
  • 30 g di burro;
  • 30 g di farina;
  • 2 mele;
  • sale e pepe quanto basta.

Preparazione

Distribuisci sulla polpa di maiale una manciata di sale e lo zenzero in polvere. Lega la carne con il filo bianco affinché non si sformi durante la cottura.

In una casseruola, versa l’olio e lascialo scaldare. Adagia il maiale e fallo rosolare da ogni lato. Aggiungi un bicchiere di acqua calda. Copri il recipiente e lascia cuocere la preparazione per circa due ore. Man mano aggiungi l’acqua calda ed evita che la carne si attacchi al fondo.

Lava il cavolo e taglialo a listarelle. Aggiungilo in una casseruola a parte insieme al lardo. Sbuccia le mele, grattugiale ed inseriscile al composto con la marmellata di prugne, l’aceto, un bicchiere di brodo ed un po’ di sale. Copri il recipiente e lascia cuocere. Per evitare che il fondo di cottura si restringa troppo aggiungi di tanto in tanto qualche cucchiaio di acqua calda.

Una volta che l’arrosto sarà pronto, potrai slegarlo, tagliarlo a fette e disporlo su un piatto da portata.

In un recipiente mescola burro e farina ed incorpora il composto al fondo di cottura dell’arrosto. Aggiungi il restante brodo caldo, sale e pepe quanto basta e lascia cuocere per qualche minuto continuando a mescolare. La salsa si addenserà fino a diventare cremosa.

Per l’impiattamento disponi intorno all’arrosto le foglie di cavolo e ricopri la preparazione con la vellutata realizzata in precedenza.

Arrosto di capretto

L’arrosto di capretto è un piatto tipico delle festività pasquali. La carne di capretto è molto tenera e dal sapore delicato. Ti suggerisco di provare questa ricetta: non te ne pentirai.

Ingredienti per 4 persone

Ecco ciò che ti occorrerà per questa ricetta:

  • 1 kg di cosciotto di capretto;
  • 100 g di pancetta;
  • 2 spicchi di aglio;
  • 4 cucchiai di farina;
  • 100 g di burro;
  • un litro di latte;
  • un quarto di panna;
  • sale e pepe quanto basta;
  • mezzo bicchiere di olio extravergine di oliva.

Preparazione

Lardella il cosciotto di capretto con la pancetta tagliata in sottili listarelle. Schiaccia i due spicchi di aglio e strofinali sulla carne, dopodiché ricopri il cosciotto con la farina.

In una grande casseruola, fai scaldare olio e burro e adagia il capretto in modo da farlo colorire per bene. Versa poco alla volta il latte.

Lascia cuocere la preparazione per circa un’ora e venti minuti e poi taglia il cosciotto a pezzi.

Aggiungi al fondo di cottura la panna e mescola per bene. Fai addensare la salsa e unisci i pezzi di cosciotto. Adagia l’arrosto con la salsa in un piatto da portata.

Il piatto è pronto per essere gustato!

Arrosto di agnello farcito

Se sei alla ricerca di sapori non convenzionali e vuoi preparare un secondo piatto stuzzicante, cucina un arrosto di agnello farcito; il palato ne sarà piacevolmente colpito.

Ingredienti per 4 persone

Gli ingredienti di cui avrai bisogno sono:

  • 2 uova;
  • 100 g di zucchine trifolate;
  • 50 g di parmigiano;
  • un cucchiaio di farina;
  • 3 cucchiai di olio extravergine di oliva;
  • 50 g di mortadella;
  • una coscia di agnello disossata;
  • 50 g di burro;
  • mezzo bicchiere di vino bianco;
  • sale e pepe quanto basta;
  • brodo di dadi;
  • un rametto di rosmarino;
  • 3 foglie di salvia;
  • una mela.

Preparazione

Prepara una frittata. In una ciotola, rompi due uova e unisci le zucchine trifolate, una manciata di sale, un pizzico di pepe, il parmigiano grattugiato e mescola tutto con l’aiuto di una forchetta.

Prendi un tegame antiaderente e fai scaldare tre cucchiai di olio extravergine di oliva. Versa il composto e fai cuocere la frittata da entrambi i lati, voltandola a metà cottura in un coperchio. Per privarla dell’unto in eccesso asciugala con la carta assorbente da cucina.

Adagia sulla frittata la mortadella e poi arrotolala su se stessa. Inserisci la frittata all’interno della coscia di agnello e legala con refe da cucina.

In una casseruola fai sciogliere il burro e disponi l’agnello. Lascialo cuocere e bagnalo con il vino bianco. Poi distribuisci su di esso del brodo caldo e aggiungi rosmarino, salvia, una presa di sale, un po’ di pepe, la mela sbucciata e tagliata a fettine. Fai cuocere la preparazione a fiamma bassa per circa un’ora e trenta minuti. Man mano versa del brodo.

Una volta che la cottura sarà ultimata, potrai slegare l’agnello e tagliarlo a fettine. Disponilo su un piatto da portata e distribuisci il composto rimasto nella casseruola.

L’arrosto di agnello farcito è pronto per essere servito.

Arrosto di vitello

La ricetta dell’arrosto di vitello è un classico della cucina italiana.  Semplice da realizzare, questo piatto mette d’accordo proprio tutti.

Ingredienti per 4 persone

Per la preparazione di questa ricetta avrai bisogno di:

  • 800 g di coscia di vitello;
  • chiodi di garofano;
  • noce moscata;
  • 70 g di burro;
  • mezzo litro di vino bianco secco;
  • una scorza di cannella;
  • sale e pepe quanto basta.

Preparazione

Per iniziare, stecca il pezzo di vitello con i chiodi di garofano ed i pezzettini della scorza di cannella, dopodiché adagialo in una casseruola. Aggiungi una manciata di sale, pepe e noce moscata grattugiata. Unisci il burro tagliato a cubetti.

Lascia rosolare la carne con fiamma alta e casseruola coperta. Fai in modo che possa assumere un bel colorito, girandola spesso da tutte le parti. Versa il vino bianco e lascia cuocere per due ore con il recipiente coperto.

Taglia l’arrosto a fette piuttosto spesse, riponilo in un piatto da portata e ricoprilo con il brodo di cottura. Se preferisci puoi accompagnare l’arrosto con patate al forno o purè di patate.

Arrosto di vitello alla panna

L’arrosto di vitello alla panna è un’ottima alternativa al tradizionale arrosto. Una portata facile da preparare e dal risultato sorprendente. Il sapore delicato della panna riesce a soddisfare anche i palati più difficili.

Ingredienti per 4 persone

Ecco tutto ciò che ti occorrerà:

  • 1 kg di noce;
  • 40 g di funghi secchi;
  • 100 g di prosciutto crudo;
  • 50 g di burro;
  • una cipolla;
  • mezzo litro di panna;
  • un bicchierino di brandy.

Preparazione

Metti i funghi in acqua tiepida. Avvolgi il pezzo di noce con le fettine di prosciutto crudo e legalo con il refe in modo che, durante la cottura, il prosciutto non si stacchi dalla carne.

In una casseruola a parte, trita la cipolla e lasciala dorare insieme al burro. Lava i funghi e aggiungili al composto. Adagia la carne e lasciala rosolare da ciascun lato. Versa il brandy e, appena sarà evaporato, inserisci anche la panna.

Copri la casseruola e fai cuocere per circa un’ora e venti minuti a fuoco moderato. Rigira la carne e ogni tanto bagnala con il suo sughetto con l’aiuto di un cucchiaio.

Una volta cotta, togli la carne dal fuoco e slegala. Tagliala a fette abbastanza spesse e disponile su un piatto da portata. Distribuisci il sugo di cottura sull’arrosto e servilo ben caldo.

Arrosto di vitello all’arancia

L’arrosto di vitello all’arancia è un secondo prelibato dal gusto raffinato da accompagnare con una deliziosa salsa e spicchi di arancia pelati.

Ingredienti per 4 persone

Gli ingredienti che ti serviranno sono:

  • 1 kg di noce;
  • 70 g di burro;
  • un bicchiere di vino bianco;
  • un bicchierino di brandy;
  • brodo di dadi;
  • 3 arance;
  • una cipolla;
  • una carota;
  • una costola di sedano;
  • sale e pepe quanto basta.

Preparazione

Lega la carne con il refe in modo che non si possa sformare durante la cottura. Aggiungi una manciata di sale e pepe.

Prendi una casseruola e fai fondere 40 g di burro. Disponi l’arrosto e lascialo rosolare perfettamente da ogni lato.

Nel frattempo, lava e trita finemente il sedano, la carota, la cipolla e aggiungi tutto nella casseruola. Versa il vino bianco. Appena sarà evaporato, potrai aggiungere un bicchiere di brodo di dadi caldo. Lascia cuocere la preparazione per circa un’ora e trenta minuti. Gira e rigira la carne e, di tanto in tanto, distribuisci su di essa il sugo di cottura.

Una volta che la carne sarà ben cotta, togli il refe, affettala e adagia le fettine su un piatto da portata.

Riscalda il fondo di cottura insieme ad un’arancia grattugiata e al brandy. Fai bollire il sugo per qualche minuto.

Sbuccia due arance, tagliale a spicchi e fai soffriggere con 30 g di burro. Distribuisci gli spicchi di arancia intorno all’arrosto e versa il sugo.

Arrosto farcito agli aromi

L’arrosto farcito agli aromi è un piatto speziato dal gusto deciso e saporito, da preparare per le occasioni speciali.

Ingredienti per 4 persone

Per questa ricetta ti occorreranno:

  • 1 kg di fusello o spalla di vitello;
  • 5 cucchiai di olio extravergine di oliva;
  • una noce di burro;
  • sale e pepe quanto basta;
  • 50 g di gherigli di noci;
  • 200 g di formaggio cremoso;
  • un rametto di rosmarino e uno di timo;
  • mezzo bicchiere di crema di latte;
  • un bicchiere di vino bianco.

Preparazione

Acquista la carne legata a rollé così potrà rimanere in forma nel corso della cottura. Prendi una pirofila e, insieme alla carne, unisci cinque cucchiai di olio extravergine di oliva, una noce di burro, una manciata di sale e pepe.

Metti la pirofila in forno preriscaldato a 230° e lascia cuocere la carne per circa un’ora e quindici minuti. Girala e rigirala, ricoprendola con il suo sugo. Aggiungi un po’ di acqua se necessario. Una volta cotta, togli la carne dal forno e lasciala raffreddare. Slegala e tagliala a fettine.

In una ciotola, inserisci i gherigli di noce tritati e amalgamali per bene con il formaggio cremoso fino ad ottenere un composto omogeneo.

Spalma la crema su ogni fetta di arrosto e ricomponi il pezzo di carne, legandolo stavolta in senso longitudinale così da comprimere le fette.

Trasferisci la carne nella pirofila in cui era presente il sugo di cottura e aggiungi il timo e il rosmarino. Versa il vino bianco e metti la preparazione in forno a  230° per circa quindici minuti.

Aggiungi la crema di latte solo cinque minuti prima di estrarre l’arrosto dal forno.

Una volta che la cottura sarà ultimata, togli nuovamente la corda che univa le fette di carne e porta il piatto a tavola.


note

[1] Parere n. 15 CNSA (Comitato nazionale per la sicurezza alimentare) del 4.02.2016.


1 Commento

  1. Grazie per questi suggerimenti. Io convivo con i miei coinquilini. Siamo 3 studenti fuori sede. Immaginate le difficoltà per tre ragazzi che non hanno mai cucinato ed hanno avuto sempre il piatto pronto da quelle sante donne delle nostre madri. Detto da ragazzi sembra sdolcinato, non siamo mica dei mammoni, ma andate fuori sede e mangiate il primo mese, ogni santo giorno, cibo in scatola, alimenti congelati o fast food e poi ci capirete ahahah Bene, ora abbiamo stabilito che ognuno di noi alternativamente si cimenterà ai fornelli. ne vedremo delle belle. Proveremo a cucinare le ricette che abbiamo trovato in quest’area Food della legge per tutti. Leggendo, inoltre, ci stiamo documentando anche sugli aspetti normativi con questa scusa 😀 Grandi!

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA