HOME Articoli

Miscellanea Anche la sigaretta elettronica vietata ai minori di 18 anni

Miscellanea Pubblicato il 3 aprile 2013

Articolo di




> Miscellanea Pubblicato il 3 aprile 2013

Sempre più scetticismo nei confronti della sigaretta elettronica: ora vietata anche ai minorenni, in attesa di studi e normative che possano definire rischi e precauzioni.

Con una ordinanza firmata ieri, il Ministero della Salute ha proibito la vendita delle sigarette elettroniche ai minori di 18 anni. Ciò in coerenza con le norme più restrittive introdotte alla fine dello scorso anno con il decreto sanità e sviluppo che già aveva alzato da 16 a 18 anni il divieto di vendita per le tradizionali “bionde”.

Le sanzioni per il caso di violazione dell’ordinanza saranno le stesse previste dal “decreto Balduzzi” per la vendita di prodotti del tabacco a minori.

Sulle e-cig (così sono dette le sigarette elettroniche) si attende una normativa europea che definisca i rischi e le precauzioni. Nel frattempo, il Ministero ha preferito applicare un principio di “precauzione”: ciò soprattutto per via dell’esistenza di uno studio dell’Istituto superiore di sanità che ha dimostrato la possibilità di effetti dannosi sulla salute per l’uso (anche moderato) delle sigarette elettroniche, soprattutto nei riguardi dei giovani (leggi l’articolo: “Stop del Ministero della Sanità alle sigarette elettroniche”)

L’ordinanza che vieta le e-cig ai minori potrà essere oggetto di revisione, soprattutto alla luce del parere del Consiglio Superiore di Sanità, che si attende per i prossimi mesi e che dovrà stabilire se le sigarette elettroniche e le relative ricariche possono rientrare nella definizione di “medicinale per funzione”.

Nel frattempo, sono sempre più numerose le amministrazioni (per es. il Comune di Vicenza) che vietano le e-cig nei luoghi pubblici.

Insomma, come per i fumatori tradizionali, le restrizioni riguardano anche gli “svapatori” (così sono detti coloro che usano le sigarette elettroniche).


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:
Informativa sulla privacy

ARTICOLI CORRELATI

1 Commento

  1. Beh qui le restrizioni, a mio parere, hanno ben poco a che vedere con la salvaguardie della salute..ma piuttosto costituiscono un tentativo di incrementare le entrate che i monopoli di Stato ricavano dalla vendite delle sigarette cd. normali….

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI