Diritto e Fisco | Articoli

Sorpasso in curva su strada a doppio senso di marcia: multa

24 Gennaio 2019
Sorpasso in curva su strada a doppio senso di marcia: multa

> Diritto e Fisco Pubblicato il 24 Gennaio 2019



Due infrazioni al codice della strada nello stesso momento: quante multe bisogna pagare? Se vengono fatte più multe stradali per la stessa violazione bisogna pagarle tutte? 

Immagina di percorrere una strada a doppio senso di circolazione. L’auto davanti a te è particolarmente lenta, così cerchi di superarla. Senonché, sull’altra corsia di marcia c’è un traffico intenso e non riesci a occuparla, in prossimità dei rettilinei, per eseguire il sorpasso. La strada si libera solo in prossimità di una curva. Credendo di avere la situazione sotto controllo, esegui la manovra dando una forte accelerata. Da un lato sei fortunato perché, in quel momento, non sopraggiunge alcun veicolo dal lato opposto; dall’altro lato però sei sfortunato perché ti vede un vigile e, pochi metri dopo, ti intima lo stop. L’agente ti contesta ben due infrazioni: il sorpasso vietato e la circolazione contromano. Le devi pagare tutt’e due pur essendo la condotta unica? La questione è stata decisa da una recente sentenza della Cassazione [1]. La Corte ha risposto, più nel dettaglio, al seguente quesito: qual è la multa in caso di sorpasso in curva su strada a doppio senso di marcia? Ecco qual è stata la risposta.

Più multe stradali per la stessa violazione: quante multe bisogna pagare?

Quando, con un’unica condotta vengono violate più norme del codice della strada, si applica il cosiddetto «concorso formale». In buona sostanza chi, con la stessa azione viola più disposizioni che prevedono sanzioni amministrative, o commette più violazioni della stessa norme, soggiace alla sanzione prevista per la violazione più grave aumentata fino a un triplo [2].

Tale norma non si applica solo in caso di divieto di accesso alle aree pedonali urbane e alle Ztl (zona a traffico limitato): in tali ipotesi il trasgressore deve pagare tante multe per quante sono le singole violazioni.

Sorpasso contromano in curva: quale multa?

Secondo la Cassazione, «l’effettuazione di una manovra di sorpasso in prossimità di una curva con l’invasione dell’opposta corsia di marcia, integra, nello stesso tempo, due violazioni del codice della strada e non un’unica: ossia tanto la fattispecie di  sorpasso vietato [3] quanto quella della circolazione contromano [4]». Tra le due violazioni non sussiste infatti un rapporto di specialità bensì un concorso formale di norme. Dunque, in tali casi, si applica la multa per la violazione più grave aumentata fino a un triplo.

Nel caso in esame però tanto l’ipotesi del «sorpasso vietato» quanto quello della «circolazione contromano» sono punite nello stesso modo, ossia con una multa da 162 a 646 euro. La sanzione è cioè identica. Pertanto il trasgressore può essere condannato a pagare fino al triplo di tale importo.

Il sorpasso vietato

La Corte trae occasione per parlare anche del sorpasso vietato. Come già in passato chiarito dalla stessa giurisprudenza [5], il sorpasso, in quanto necessario per evitare intralci alla circolazione e sveltire il traffico, costituisce una manovra connaturale alla circolazione dei veicoli e sempre consentita, salvo che non ricorrano le condizioni di pericolo specificamente indicate nel codice della strada [4], non comporta necessariamente l’invasione dell’opposta corsia di marcia e da essa prescinde dalla disciplina per esso stabilita. La regola comune è che il sorpasso deve avvenire sulla sinistra del veicolo o di altro utente della strada che procede nella stessa corsia; se la carreggiata o la semicarreggiata sono suddivise in più corsie, il sorpasso deve essere effettuato sulla corsia immediatamente alla sinistra del veicolo che si intende superare.

Il divieto di sorpasso in prossimità o in corrispondenza delle curve o dei dossi, e in ogni caso di scarsa visibilità, stabilito dal codice della strada, ha lo scopo di prevenire un pericolo non visibile e quindi evitare scontri.

note

[1] Cass. ord. n. 1683/19 del 22.01.2019.

[2] Art. 198 cod. strada.

[3] Art. 143 cod. strada.

[4] Art. 148 cod. strada:

«Art. 148. Sorpasso. (1)

1. Il sorpasso è la manovra mediante la quale un veicolo supera un altro veicolo, un animale o un pedone in movimento o fermi sulla corsia o sulla parte della carreggiata destinata normalmente alla circolazione.

2. Il conducente che intende sorpassare deve preventivamente accertarsi:

a) che la visibilità sia tale da consentire la manovra e che la stessa possa compiersi senza costituire pericolo o intralcio;

b) che il conducente che lo precede nella stessa corsia non abbia segnalato di voler compiere analoga manovra;

c) che nessun conducente che segue sulla stessa carreggiata o semicarreggiata, ovvero sulla corsia immediatamente alla propria sinistra, qualora la carreggiata o semicarreggiata siano suddivise in corsie, abbia iniziato il sorpasso;

d) che la strada sia libera per uno spazio tale da consentire la completa esecuzione del sorpasso, tenuto anche conto della differenza tra la propria velocità e quella dell’utente da sorpassare, nonché della presenza di utenti che sopraggiungono dalla direzione contraria o che precedono l’utente da sorpassare.

3. Il conducente che sorpassa un veicolo o altro utente della strada che lo precede sulla stessa corsia, dopo aver fatto l’apposita segnalazione, deve portarsi sulla sinistra dello stesso, superarlo rapidamente tenendosi da questo ad una adeguata distanza laterale e riportarsi a destra appena possibile, senza creare pericolo o intralcio. Se la carreggiata o semicarreggiata sono suddivise in più corsie, il sorpasso deve essere effettuato sulla corsia immediatamente alla sinistra del veicolo che si intende superare.

4. L’utente che viene sorpassato deve agevolare la manovra e non accelerare. Nelle strade ad una corsia per senso di marcia, lo stesso utente deve tenersi il più vicino possibile al margine destro della carreggiata.

5. Quando la larghezza, il profilo o lo stato della carreggiata, tenuto anche conto della densità della circolazione in senso contrario, non consentono di sorpassare facilmente e senza pericolo un veicolo lento, ingombrante o obbligato a rispettare un limite di velocità, il conducente di quest’ultimo veicolo deve rallentare e, se necessario, mettersi da parte appena possibile, per lasciar passare i veicoli che seguono. Nei centri abitati non sono tenuti all’osservanza di quest’ultima disposizione i conducenti di veicoli in servizio pubblico di linea per trasporto di persone.

6. Sulle carreggiate ad almeno due corsie per ogni senso di marcia il conducente che, dopo aver eseguito un sorpasso, sia indotto a sorpassare un altro veicolo o animale, può rimanere sulla corsia impegnata per il primo sorpasso a condizione che la manovra non sia di intralcio ai veicoli più rapidi che sopraggiungono da tergo.

7. Il sorpasso deve essere effettuato a destra quando il conducente del veicolo che si vuole sorpassare abbia segnalato che intende svoltare a sinistra ovvero, in una carreggiata a senso unico, che intende arrestarsi a sinistra, e abbia iniziato dette manovre.

8. Il sorpasso dei tram, qualora gli stessi non circolino in sede stradale riservata, deve effettuarsi a destra quando la larghezza della carreggiata a destra del binario lo consenta; se si tratta di carreggiata a senso unico di circolazione il sorpasso si può effettuare su ambo i lati.

9. Qualora il tram o il filobus siano fermi in mezzo alla carreggiata per la salita e la discesa dei viaggiatori e non esista un salvagente, il sorpasso a destra è vietato.

10. È vietato il sorpasso in prossimità o in corrispondenza delle curve o dei dossi e in ogni altro caso di scarsa visibilità; in tali casi il sorpasso è consentito solo quando la strada è a due carreggiate separate o a carreggiata a senso unico o con almeno due corsie con lo stesso senso di marcia e vi sia tracciata apposita segnaletica orizzontale.

11. È vietato il sorpasso di un veicolo che ne stia sorpassando un altro, nonché il superamento di veicoli fermi o in lento movimento ai passaggi a livello, ai semafori o per altre cause di congestione della circolazione, quando a tal fine sia necessario spostarsi nella parte della carreggiata destinata al senso opposto di marcia.

12. È vietato il sorpasso in prossimità o in corrispondenza delle intersezioni. Esso è, però, consentito:

a) quando il conducente del veicolo che si vuole sorpassare abbia segnalato che intende svoltare a sinistra e abbia iniziato detta manovra;

b) quando avvenga su strada a precedenza, purché a due carreggiate separate o a senso unico o ad almeno due corsie con lo stesso senso di marcia e le corsie siano delimitate dall’apposita segnaletica orizzontale;

c) quando il veicolo che si sorpassa è a due ruote non a motore, sempre che non sia necessario spostarsi sulla parte della carreggiata destinata al senso opposto di marcia;

d) quando la circolazione sia regolata da semafori o da agenti del traffico.

13. È vietato il sorpasso in prossimità o in corrispondenza dei passaggi a livello senza barriere, salvo che la circolazione stradale sia regolata da semafori, nonché il sorpasso di un veicolo che si sia arrestato o abbia rallentato in corrispondenza di un attraversamento pedonale per consentire ai pedoni di attraversare la carreggiata.

14. È vietato il sorpasso ai conducenti di veicoli di massa a pieno carico superiore a 3,5 t, oltre che nei casi sopraprevisti, anche nelle strade o tratti di esse in cui il divieto sia imposto dall’apposito segnale.

15. Chiunque sorpassa a destra, eccetto i casi in cui ciò sia consentito, ovvero compia un sorpasso senza osservare le disposizioni dei commi 2, 3 e 8 è soggetto alla sanzione amministrativa del pagamento di una somma da euro 80 a euro 308. Alla stessa sanzione soggiace chi viola le disposizioni di cui ai commi 4, 5 e 7. Quando lo stesso soggetto sia incorso, in un periodo di due anni, in una delle violazioni di cui al comma 3 per almeno due volte, all’ultima infrazione consegue la sanzione amministrativa accessoria della sospensione della patente da uno a tre mesi, ai sensi del capo I, sezione II, del titolo VI.

16. Chiunque non osservi i divieti di sorpasso posti dai commi 9, 10, 11, 12 e 13 è soggetto alla sanzione amministrativa del pagamento di una somma da euro 162 a euro 646. Quando non si osservi il divieto di sorpasso di cui al comma 14, la sanzione amministrativa è del pagamento di una somma da euro 318 a euro 1.272. Dalle violazioni di cui al presente comma consegue la sanzione amministrativa accessoria della sospensione della patente di guida da uno a tre mesi, ai sensi delle norme di cui al capo I, sezione II, del titolo VI. Quando si tratti del divieto di cui al comma 14, la sospensione della patente è da due a sei mesi. Se le violazioni sono commesse da un conducente in possesso della patente di guida da meno di tre anni, la sospensione della stessa è da tre a sei mesi.

[5] Cass. sent. n.21083/2006.

Corte di Cassazione, sez. VI Civile – 2, ordinanza 20 settembre 2018 – 22 gennaio 2019, n. 1683

Presidente D’Ascola – Relatore Scalisi

Fatti di causa e ragioni della decisione

Il Giudice di Pace di Brancaleone, con sentenza n. 21 del 2006 rigettava il ricorso proposto da S.A. per la dichiarazione di nullità o di annullamento del verbale di contestazione redatto dai Carabinieri di Palizzi Marina (RC), con il quale era stata accertata la violazione dell’art. 143 C.d.S., comma 12, con conseguente applicazione della sanzione amministrativa e della sospensione della patente di guida per un mese.

Avverso questa sentenza interponeva appello S.A. deducendo in particolare che, in primo luogo, il verbale era viziato da un’erronea indicazione della norma violata, in quanto dalla descrizione dell’illecito la condotta veniva descritta come “soprasso contromano”, pertanto, essa doveva essere sanzionata ai sensi dell’art. 148 C.d.S. e non del 143 C.d.S., comma 12, che disciplina le norme di comportamento nella posizione dei veicoli sulla carreggiata. In secondo luogo, censurava il verbale per l’indeterminatezza della descrizione dei luoghi e del fatto.

Resisteva all’appello il Ministero dell’Interno nonché la Prefettura territoriale di Governo di Reggio Calabria.

Il Tribunale di Locri, con sentenza n. 617 del 2017, accoglieva l’appello proposto da S.A. ed, in totale riforma della sentenza n. 21 del 2006, emessa dal Giudice di Pace di Brancaleone, accoglieva, parzialmente, il ricorso proposto in primo grado e, per l’effetto, riformava il verbale di accertamento opposto condannando il ricorrente al pagamento della somma di 162 Euro; condannava la Prefettura di Reggio Calabria al pagamento, in favore dell’appellante, delle spese del doppio grado di giudizio. Secondo il Tribunale di Locri, la contestazione mossa al verbale, da S.A. , è la sussunzione della condotta sanzionata nell’alveo dell’art. 143 C.d.S., comma 12, laddove, invece, le regole sull’effettuazione della manovra di sorpasso sono contenute nell’art. 148 C.d.S.. Epperò, ritiene il Tribunale, tenuto conto di quanto già affermato da questa Corte: “In tema di sanzioni amministrative per violazione del codice della strada, non comporta nullità l’avere riportato nel verbale di contestazione un testo di legge diverso da quello violato, ove l’interessato sia stato posto in condizione di conoscere adeguatamente il fatto ascrittogli e dunque di esercitare il diritto di difesa”, il verbale di contestazione, risultava viziato, ma la difformità riscontrata non ne determinava la nullità ma la riforma rispetto all’entità della sanzione.

La cassazione di questa sentenza è stata chiesta dal Ministero dell’Interno e congiuntamente dalla Prefettura Ufficio territoriale del Governo di Reggio Calabria per un motivo. S.A. in questa fase non ha svolto alcuna attività giudiziale.

1) I ricorrenti lamentano la violazione e falsa applicazione del D.Lgs. n. 285 del 1992, art. 143, comma 12 e art. 148, comma 10, (in relazione all’art. 360 c.p.c., comma 1, n. 3). In particolare i ricorrenti lamentano il fatto che il Tribunale non abbia ritenuto che l’effettuazione di una manovra di sorpasso in prossimità di una curva con l’invasione dell’opposta corsia di marcia realizza conseguentemente tanto la fattispecie di un sorpasso vietato quanto quella di circolazione contromano, non sussistendo tra le due violazioni un rapporto di specialità bensì di concorso formale.

Su proposta del relatore, il quale riteneva che il motivo formulato con il ricorso potesse essere accolto, con la conseguente definibilità nelle forme dell’art. 380-bis c.p.c., in relazione all’art. 375 c.p.c., comma 1, n. 1), il Presidente ha fissato l’adunanza della Camera di Consiglio.

Rileva il collegio che il ricorso è fondato e deve essere accolto, in tal senso trovando conferma la proposta già formulata dal relatore ai sensi del cit. art. 380-bis c.p.c..

2. = Come è stato già detto da questa Corte, con la sentenza n. 21083 del 2006, richiamata dallo stesso ricorrente: il sorpasso che, in quanto necessario per evitare intralci alla circolazione e sveltire il traffico, costituisce una manovra connaturale alla circolazione dei veicoli e sempre consentita, salvo che non ricorrano le condizioni di pericolo specificamente menzionate nell’art. 148 C.d.S., non comporta necessariamente l’invasione dell’opposta corsia di marcia e da essa prescinde la disciplina per esso stabilita, limitandosi questa a stabilire la regola comune che il sorpasso deve avvenire sulla sinistra del veicolo o di altro utente della strada che procede nella stessa corsia e che se la carreggiata o semicarreggiata sono suddivise in più corsie, il sorpasso deve essere effettuato sulla corsia immediatamente alla sinistra del veicolo che si intende sorpassare.

Il divieto di sorpasso in prossimità o in corrispondenza delle curve o dei dossi e in ogni caso di scarsa visibilità, stabilito dall’art. 148 C.d.S., comma 10, ha conseguentemente l’esclusiva finalità di prevenire il non avvertibile pericolo derivante dalla possibilità che un veicolo procedente in senso inverso abbia invaso la parte della carreggiata percorsa dai veicoli procedenti in senso inverso e, in generale, che la riduzione dello spazio di manovra non consenta ai veicoli coinvolti in un sorpasso di evitare gli ostacoli alla normale circolazione non percepibili dai loro conducenti con la normale tempestività (cfr., tra le altre, in rif. art. 106 cod. abrog.: cass. pen., sez. Quarta, 4 febbraio 1983, n. 1566).

L’obbligo imposto ai veicoli dall’art. 143 C.d.S., di circolare sulla parte destra della carreggiata, oltre che in prossimità del margine destro della medesima, anche quando la strada è libera, e la previsione di una particolare sanzione per colui che circola contromano in corrispondenza della curve e dei raccordi convessi o in ogni altro caso di limitata visibilità, non mira, invece, a tutelare la possibilità di reagire efficacemente ad un altrui comportamento pericoloso, ma ad impedire che la violazione del precetto venga posta in essere mediante l’invasione dell’opposta corsia di marcia in situazioni che non garantiscano che la stessa, oltre ad essere necessitata, sia anche consentita dalle condizioni del flusso veicolare opposto e che, in ogni caso, sia rilevabile dai veicoli sopraggiungenti nell’altra corsia e consenta ai loro conducenti di adeguare a detta invasione la propria condotta.

Pertanto, l’effettuazione di una manovra di sorpasso in prossimità di una curva con l’invasione dell’opposta corsia di marcia, realizza, conseguentemente, tanto la fattispecie di un sorpasso vietato quanto quella della circolazione contro mano, non sussistendo tra le due violazioni un rapporto di specialità, bensì di concorso formale.

Pertanto, l’originario verbale di contestazione era legittimo.

In verità ai sensi dell’art. 198 C.d.S. secondo cui “(..) Salvo che sia diversamente stabilito dalla legge, chi con una azione od omissione viola diverse disposizioni che prevedono sanzioni amministrative pecuniarie, o commette più violazioni della stessa disposizione, soggiace alla sanzione prevista per la violazione più grave aumentata fino al triplo “. Nel caso specifico, la sanzione prevista per la violazione dell’art. 143 C.d.S., che in verità è uguale a quella prevista dall’art. 148 C.d.S. avrebbe potuto essere aumentata fino al triplo ma per quanto il rilievo di cui si dice non risulta essere stato esaminato nel giudizio di merito e non essendo rilevabile di ufficio rimane coperto dalla forza del giudicato.

In definitiva, il ricorso va accolto, la sentenza impugnata va cassata e la causa rinviata al Tribunale di Locri in persona di altro Magistrato, il quale provvederà anche alla liquidazione delle spese del presente giudizio di cassazione.

P.Q.M.

La Corte accoglie il ricorso, cassa la sentenza impugnata e rinvia la causa al Tribunale di Locri in persona di altro magistrato il quale provvederà anche alla liquidazione delle spese del presente giudizio di cassazione.


Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA